Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le nuove linee guida di ACC/AHA hanno potuto migliorare la rilevazione di ipertensione gestazionale

Ipertensione gestazionale -- ipertensione durante la gravidanza -- può avere effetti contrari persistere sulla salubrità delle madri e dei loro infanti. Nel 2017, l'istituto universitario americano della cardiologia (CRNA) e l'associazione americana del cuore (AHA) hanno rilasciato le linee guida cliniche per ipertensione in adulti non gravidi, che hanno abbassato la soglia di pressione sanguigna per diagnosticare l'ipertensione, confrontate a quelle precedentemente stabilite. Tuttavia, le nuove linee guida di ACC/AHA non si sono adattate o non si applicate alle donne incinte. I ricercatori a Brigham e l'ospedale delle donne ed i colleghi hanno intrapreso gli studi mai visti per valutare l'impatto che queste linee guida potrebbero avere sulla rilevazione dell'ipertensione gestazionale. I risultati dello studio di gruppo retrospettivo sono stati pubblicati oggi nella ricerca di circolazione del giornale.

La diagnosi tempestiva e accurata di ipertensione gestazionale è cruciale per impedire i termini associati per le donne incinte come preeclampsia ed ipertensione cronica successiva al parto. Gli infanti nati dalle donne con ipertensione gestazionale sono più suscettibili della nascita prematura e dei risultati a lungo termine avversi di salubrità come le giovani malattie cardiovascolari di età adulta.„

Jie Hu, MD, PhD, ricercatore postdottorale nella divisione della salubrità delle donne nel dipartimento di medicina, Brigham e l'ospedale delle donne, il primo autore dello studio

Hu ed il gruppo di collaborazione internazionale hanno utilizzato le misure sistoliche e diastoliche di pressione sanguigna ottenute dalle cartelle sanitarie di 16.345 donne da un ospedale di bambino e materna di sanità a Wuhan, Cina. Le misure di pressione sanguigna sono state registrate dagli ostetrici durante le visite di visita prenatale attraverso le varie fasi della gravidanza.

Facendo uso delle 2017 linee guida di ACC/AHA, i ricercatori hanno identificato 4.100 donne (25,1 per cento) con ipertensione. Al contrario, soltanto 678 (4,2 per cento) delle donne sono stati trovati per avere ipertensione facendo uso delle linee guida precedenti, indicanti un aumento sostanziale nella prevalenza di ipertensione gestazionale confrontata alla definizione precedente.

I ricercatori riconoscono che i risultati dovranno essere ripiegati popolazioni in più etnico, razziale e socioeconomico diverse come pure in altre nazioni oltre alla Cina. Gli studi futuri sono necessari da determinare se le diagnosi più frequenti di ipertensione piombo ai risultati neonatali migliori per le madri e gli infanti.

Secondo i ricercatori, le strategie di gestione correnti per ipertensione gestazionale comprendono l'osservazione continuata e seguito attento di pressione sanguigna. Il farmaco è usato soltanto in casi gravi.

“Comprendere le 2017 linee guida di ACC/AHA in pratica di visita prenatale potrebbe migliorare la rilevazione di ipertensione durante la gravidanza e gli sforzi per diminuire i risultati materni e neonatali avversi nel periodo perinatale che sono collegati con ipertensione gestazionale,„ ha detto Hu.

Source:
Journal reference:

Hu, J. et al. (2019) Impact of the 2017 ACC/AHA Guideline for High Blood Pressure on Evaluating Gestational Hypertension Associated Risks for Newborns and Mothers: A Retrospective Birth Cohort Study. Circulation Research. doi.org/10.1161/CIRCRESAHA.119.314682.