Ha potuto la terapia ormonale per carcinoma della prostata aumentare il rischio di morbo di Alzheimer?

I ricercatori all'università della Pennsylvania hanno trovato che gli uomini che catturano la terapia di ormone-didascalia per carcinoma della prostata possono essere ad un rischio aumentato per sviluppare la demenza ed il morbo di Alzheimer, rispetto ai pazienti che non ricevono il trattamento.

Cella di carcinoma della prostataGiovanni Cancemi | Shutterstock

In uno studio che fa partecipare 154.089 uomini anziani che recentemente sono stati diagnosticati con carcinoma della prostata between1996 e 2003, coloro che ha ricevuto la terapia della androgeno-privazione erano al maggior rischio di 20% di diagnostica con la demenza e ad un rischio maggior 14% di diagnostica con Alzheimer nel corso di seguenti dieci anni. Il rischio di diagnostica con le circostanze ha continuato ad aumentare, maggior la dose della terapia che gli uomini ha ricevuto.

Pazienti di carcinoma della prostata che catturano le droghe per bloccare l'androgeno che la crescita del tumore dei combustibili può soffrire un intervallo degli effetti secondari compreso perdita dell'osso, i problemi del cuore, l'obesità e l'impotenza. Altri effetti secondari comuni includono i basculaggi asse verticali di umore, la difficoltà che dormono, le emicranie, le vampate di calore e l'alto zucchero di sangue.

Ora, uno studio da Ravishankar Jayadevappa ed i colleghi suggerisce che un rischio aumentato per demenza sia un altro potenziale lato negativo al trattamento.

Jayadevappa dice che i risultati suggeriscono che nei casi in cui il cancro è localizzato, amministrare la terapia della androgeno-privazione non possa essere la migliore scelta e che anche i pazienti ad alto rischio devono essere avvertiti circa il rischio aumentato per le circostanze.

I ricercatori notano che finora studia negli effetti conoscitivi connessi con la terapia hanno generato i risultati misti. Nel tentativo di produrre i risultati più definitivi, Jayadevappa ed il gruppo hanno usato i dati dal database collegato Risultato-Assistenza sanitaria statale della sorveglianza, dell'epidemiologia e dell'estremità dell'istituto nazionale contro il cancro. Il database tiene le informazioni sull'incidenza, sulla terapia e sulla morte del cancro da 18 siti attraverso gli Stati Uniti ed i collegamenti con i dati di Assistenza sanitaria statale.

Themen, che sono stati invecchiati 66 e più vecchi, erano stati diagnosticati con carcinoma della prostata localizzato o metastatico fra 1996 e 2003 e sono stati seguiti fino al 2013, in modo da tutti gli uomini era stato valutato più almeno dieci anni.

Di tutti gli uomini inclusi nello studio, 62.330 erano stati dati la terapia della privazione dell'androgeno in due anni di ricezione della diagnosi.

Durante il periodo di seguito, 13,1% delle percentuali di coloro che ha ricevuto la terapia sono stati diagnosticati con Alzheimer rispetto a 9,4% di coloro che non la ha ricevuta. Similmente, 21,6% di coloro che ha ricevuto la terapia sono stati diagnosticati con altri tipi di demenze, rispetto a 15,8% di coloro che non ha fatto.

Il rischio per le circostanze egualmente ha aumentato maggior l'esposizione alla terapia; gli uomini che hanno ricevuto fino a quattro dosi erano ad un rischio maggior 19% per qualsiasi circostanza, mentre coloro che ha ricevuto otto o più dosi erano ad un rischio maggior 24% per Alzheimer e ad un rischio maggior 21% per demenza.

I ricercatori stanno richiedendo la terapia della privazione dell'androgeno (ADT) da usare come ultima località di soggiorno

Catherine Marshall, assistente universitario a Johns Hopkins a Baltimora, Maryland accoglie favorevolmente lo studio, ad esempio:

Mentre questo problema di un collegamento fra ADT e morbo di Alzheimer e demenza è stato esplorato prima, questo è molto possibilmente il più grande studio per affrontare questa emissione. A causa di quello, aggiunge le informazioni importanti circa il rischio di morbo di Alzheimer e di demenza per gli uomini che sono trattati.„

Scrivendo nella rete di JAMA aperta, Jayadevappa ed i colleghi dicono che i clinici devono pesare con attenzione i rischi ed i vantaggi a lungo termine di esposizione alla terapia della privazione dell'androgeno in pazienti con una speranza di vita prolungata e stratificare i pazienti dal rischio di demenza prima dell'inizio di terapia della privazione dell'androgeno.

“Ritardare l'inizio di ADT finché la malattia non sia avanzata può essere un'opzione ragionevole per molti uomini e contribuirebbe infine a accorciare la durata totale del trattamento,„ aggiunge Marshall.

Il mese scorso, i ricercatori a Brigham ed all'ospedale delle donne a Boston, Karl Tully ed i colleghi hanno presentato i simili risultati alla riunione annuale urologica americana di associazione, in Chicago.

Per quello studio, il gruppo ha riunito i dati disponibili per più di 100.400 uomini iscritti ad Assistenza sanitaria statale che era stata diagnosticata con carcinoma della prostata fra gennaio 1992 e dicembre 2009.

Tully ed il gruppo hanno trovato che gli uomini che hanno ricevuto la terapia della privazione dell'androgeno erano ad un rischio aumentato 17% per qualunque tipo di demenza e un 23% ha aumentato il rischio per Alzheimer.

la terapia della Androgeno-privazione può non solo causare i cambiamenti fisici quali osteoporosi, la malattia cardiovascolare o l'obesità, ma può anche causare i cambiamenti nei medici di cognizione… dovrebbe dire i loro pazienti circa quel rischio e dovrebbe probabilmente realizzare la selezione regolare.„

Karl Tully, Brigham e l'ospedale delle donne

La decisione per ritardare ADT non dovrebbe essere presa leggermente

Tuttavia, lo specialista Elizabeth Kavaler dell'urologia dall'ospedale della collina di Lenox in New York non ritiene i pazienti debbano essere detti circa l'associazione perché pensa che l'aumento nell'incidenza di demenza non possa essere dovuto la terapia e che molti dei pazienti possono avere altri problemi sanitari che potrebbero aumentare il loro rischio per demenza.

Egualmente nota che molti pazienti con carcinoma della prostata non possono avere alcun'alternativa:

“Realmente non abbiamo una scelta. la terapia della Androgeno-privazione è che cosa può essere offerto agli uomini con carcinoma della prostata di ricorso o avanzato. È un aspetto di trattamento della malattia micidiale contro il rischio di sviluppare una circostanza non vita minacciosa.„

“Come chiedete a qualcuno di scegliere fra la perdita della vostra mente o il trattamento della loro malattia ad alto rischio. È una posizione dura per mettere un paziente dentro. Nemmeno lo porterei su.„

Jayadevappa egualmente pensa quello nei casi di cancro avanzato, la terapia può essere un trattamento di salvataggio e non dovrebbe essere evitato dovuto i timori di alcun rischio aumentato per demenza. Tuttavia, “i pazienti con cancro localizzato dovrebbero esaminare i rischi di demenza e possibilmente evitando A.D.T,„ conclude.

Journal reference:

Jayadevappa R, Chhatre S, Malkowicz SB, Parikh RB, Guzzo T, Wein AJ. Association Between Androgen Deprivation Therapy Use and Diagnosis of Dementia in Men With Prostate Cancer. JAMA Netw Open. 2019. doi:10.1001/jamanetworkopen.2019.6562.

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2019, July 08). Ha potuto la terapia ormonale per carcinoma della prostata aumentare il rischio di morbo di Alzheimer?. News-Medical. Retrieved on May 28, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20190708/Could-hormone-therapy-for-prostate-cancer-increase-the-risk-of-Alzheimers-disease.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "Ha potuto la terapia ormonale per carcinoma della prostata aumentare il rischio di morbo di Alzheimer?". News-Medical. 28 May 2020. <https://www.news-medical.net/news/20190708/Could-hormone-therapy-for-prostate-cancer-increase-the-risk-of-Alzheimers-disease.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "Ha potuto la terapia ormonale per carcinoma della prostata aumentare il rischio di morbo di Alzheimer?". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190708/Could-hormone-therapy-for-prostate-cancer-increase-the-risk-of-Alzheimers-disease.aspx. (accessed May 28, 2020).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2019. Ha potuto la terapia ormonale per carcinoma della prostata aumentare il rischio di morbo di Alzheimer?. News-Medical, viewed 28 May 2020, https://www.news-medical.net/news/20190708/Could-hormone-therapy-for-prostate-cancer-increase-the-risk-of-Alzheimers-disease.aspx.