Molti pazienti di tumore della tiroide non hanno scelta circa iodio radioattivo, studio rivela

Dopo la chirurgia del tumore della tiroide, molti pazienti dovrebbero essere nella posizione di decisione con i loro medici se perseguire il trattamento con iodio radioattivo per contribuire a facilitare seguito a lungo termine ed ad offrire la riassicurazione che il cancro è andato.

Una nuova indagine dai ricercatori al centro del Cancro di Rogel dell'università del Michigan e dall'istituto di U-M per polizza e l'innovazione di sanità suggerisce che molti pazienti stiano ricevendo il trattamento quando non c'è forte indicazione del vantaggio -; e una maggioranza può ritenere come realmente non hanno una scelta.

Se questi pazienti sono da avere più autorizzati dire dentro se ricevono lo iodio radioattivo, uno, potrebbe fare diminuire il overtreatment e, due, là potrebbero essere la soddisfazione paziente più a lungo termine con i loro risultati e le loro scelte -; dato particolarmente i carichi che gli effetti secondari ed il trattamento costa può avere.„

Studi Megan senior Haymart autore, M.D., un clinico e ricercatore di servizi sanitari alla medicina del Michigan

I risultati del gruppo di ricerca compaiono nel giornale dell'oncologia clinica.

Uso selettivo raccomandato per la maggior parte dei pazienti

Le linee guida cliniche raccomandano lo iodio radioattivo per i pazienti di elevato rischio e si pronunciano contro di per i pazienti più a basso rischio. Ma la maggior parte dei pazienti cadono da qualche parte nel mezzo, in cui più prudenti, processo decisionale caso per caso è raccomandato, Haymart spiega. Ciò colloca la responsabilità di se perseguire esattamente il trattamento sulle spalle di medici e dei loro pazienti.

Nel campione di studio di più di 1.300 di questi pazienti della posizione centrale, i ricercatori hanno trovato che 76% ha ricevuto lo iodio radioattivo e feltro che più mezzo non sono state date una scelta nella materia.

I pazienti sono stati identificati facendo uso delle registrazioni di sorveglianza, dell'epidemiologia e di risultato finale dell'istituto nazionale contro il cancro nella California e nella Georgia.

“Nel nostro lavoro priore, abbiamo trovato che c'è l'ampia variazione nell'uso di iodio radioattivo,„ diciamo Haymart, professore associato di medicina. “Ed in alcuni casi abbiamo trovato l'uso più aggressivo o l'uso più intensivo che sia raccomandato dalle linee guida.

“Così, abbiamo voluto osservare specificamente il ruolo dei pazienti nel processo decisionale,„ dice. “In questo gruppo di pazienti per cui l'uso selettivo è raccomandato -; dove ci dovrebbe essere una conversazione fra il paziente ed il medico -; li hanno ritenuti hanno avuti una scelta se o non ricevessero lo iodio radioattivo? E, purtroppo, la risposta è che molte non hanno fatto.„

La percezione dei pazienti di non avere una scelta è stata associata sia con la maggior ricevuta del trattamento come pure con la soddisfazione più bassa con la decisione dopo il fatto, anche quando registrando per ottenere gli effetti secondari in relazione con il trattamento, note studia primo l'autore Lauren Wallner, il Ph.D., M.P.H., assistente universitario di medicina alla medicina del Michigan.

Gli effetti secondari a lungo termine dal trattamento radioattivo dello iodio possono urtare la qualità di vita dei pazienti, Haymart dice. La più grande emissione è danneggiamento delle ghiandole salivare dei pazienti e dei condotti lacrimali causati tramite la radiazione. I sintomi il più comunemente riferiti comprendono il gonfiamento e la tenerezza delle ghiandole salivare, della bocca asciutta, delle intercapedini dentarie aumentate e dello strappo di eccesso dovuto le ostruzioni del condotto lacrimale.

I pazienti possono anche brevemente avvertire gli effetti secondari che portano a e poco tempo dopo il trattamento. Possono essere collocati sulle diete dello basso iodio che richiedono il taglio o la prevenzione degli alimenti come la latteria, pescano e si inverdiscono le verdure. Anche devono smettere di catturare la sostituzione dell'ormone tiroideo o ricevere le iniezioni dell'alfa del thyrotropin (Thyrogen) prima del trattamento radioattivo dello iodio. Durante il periodo quando sono fuori dalla sostituzione dell'ormone tiroideo, i pazienti possono avvertire la fatica, il rallentamento mentale e l'obesità. Tuttavia, dopo che il trattamento radioattivo dello iodio è completo, la sostituzione dell'ormone tiroideo è ricominciata tipicamente e risoluzione di questi sintomi.

Raccomandazioni per i pazienti e medici

Perché così grande percentuale dei pazienti sta ricevendo il trattamento dello iodio? Parecchi fattori possono essere a gioco, Haymart dice. Uno è precedente storico. Per molti anni, lo iodio radioattivo era un trattamento standard per la maggior parte dei pazienti di tumore della tiroide -; finché i dati di risultati non avvertano che un approccio meno aggressivo potrebbe essere appropriato per quelli fuori delle categorie più ad alto rischio.

Un altro hanno potuto essere un modulo di tendenziosità di conferma: Se un medico dà un trattamento ed il loro paziente fa bene, è facile da credere che il paziente abbia fatto bene a causa del trattamento -; anche se potrebbero fare altrettanto bene senza.

Haymart dice che per i pazienti è importante chiedere ai loro medici riguardo ai vantaggi ed ai rischi potenziali di trattamento radioattivo dello iodio.

“Dovrebbero chiederle che cosa gli effetti secondari di questo trattamento sono probabili essere,„ dicono. “E che cosa il medico invitare per essere differente riguardo a risultato se ricevono il trattamento o se decidono di non perseguire il trattamento.„

Dal lato del medico, Haymart avverte contro un approccio unitaglia.

“Medici dovrebbero considerare il paziente determinato, le loro prospettive e la loro severità di malattia e lavoro con i pazienti per prendere queste decisioni,„ dice. “Particolarmente nei casi come questo dove ci non sono grandi dati sul vantaggio e ci sono rischi conosciuti, il paziente deve essere ben consapevole sia dei vantaggi che dei rischi ed è autorizzato per avere un'opinione dentro se il trattamento accade.„