Lo studio ha potuto piombo alle nuove strategie per il rallentamento della crescita del glioblastoma

I ricercatori sono promettenti che le nuove strategie potrebbero emergere per il rallentamento la crescita e della ricorrenza del tumore al cervello primario più comune in adulti, glioblastoma, in base ai risultati di uno studio pubblicato oggi nella ricerca sul cancro.

La ricerca piombo dall'ospedale di St Michael di Toronto e dall'ospedale per i bambini malati (SickKids) suggerisce che la proteina ID1 sia critica all'inizio ed alla crescita del tumore ed egualmente urti la risposta della malattia alla chemioterapia. ID1 è una proteina che tiene altri geni dall'attivazione o repressa legando ai loro attivatori o inibitori. In questo lavoro, gli scienziati hanno trovato che le guide ID1 mantengono le cellule staminali del cancro in glioblastoma, rendente li meno suscettibili del trattamento.

Il campo ha postulato per anni che le cellule staminali del cancro sono una piccola popolazione all'interno del tumore ma critiche perché mediano la resistenza del trattamento e la resistenza del cancro. Ora abbiamo trovato la prova di quella speculazione.„

Dott. Sunit Das, uno scienziato al centro di ricerca del Keenan di St Michael per scienza biomedica ed al centro di ricerca di tumore cerebrale di Sonia e di Arthur Labatt a SickKids

I ricercatori hanno trovato che quando “hanno spento„ la proteina ID1 nei modelli del laboratorio e le cellule umane facendo uso della tecnologia di CRISPR o di una droga che è usata tradizionalmente per trattare la psicosi e la sindrome di Tourette - pimozide - tumori di glioblastoma hanno rallentato. Il gruppo egualmente ha trovato che spegnere la proteina complessivamente ha aiutato i tumori per diventare meno resistenti alla chemioterapia.

Glioblastoma è un modulo aggressivo di tumore al cervello, rappresentante 15 per cento di tutti i tumori cerebrali primari ed è spesso difficile da trattare. La terapia comprende generalmente la combinazione di parecchi approcci per gestire la malattia, ma non c'è corrente maturazione. Le diagnosi tragicamente del cantante recente Gord Downie del cinorrodo e di senatore John McCain degli Stati Uniti hanno sollevato negli ultimi anni il profilo del glioblastoma.

“Il tasso di sopravvivenza medio per il glioblastoma è di meno di due anni e noi purtroppo non abbiamo troppe opzioni per offrire questi pazienti,„ ha detto il Dott. Das, che è egualmente un neurochirurgo a St Michael.

“I nostri risultati suggeriscono che possiamo potere migliorare l'efficacia delle terapie che già abbiamo, quale la chemioterapia, rispetto a richiedere molti anni per creare le assolutamente nuove terapie.„

Nei modelli del laboratorio, i ricercatori hanno trovato che quello ID1 inibire rallenta la progressione dei tumori in glioblastoma, nell'adenocarcinoma del petto e nel melanoma. In tessuto umano, hanno trovato che la proteina ha indotto le celle ad essere più resistenti al trattamento di chemioterapia in glioblastoma. Spegnebbi questa proteina facendo uso del pimozide del farmaco ha aumentato la sopravvivenza globale ed ha indotto i tumori di glioblastoma per ricorrere frequentemente di meno, per progredire più di meno e svilupparsi più lentamente.

“Mirare alla proteina con il farmaco può presentare un romanzo e strategia potenzialmente di promessa per i pazienti con il glioblastoma,„ il Dott. Das ha detto.

I punti seguenti per questa ricerca, il Dott. Das spiegato, sono di esaminare lo sviluppo di nuovi farmaci d'inibizione per ID1 e di cominciare una prova per assicurarsi che l'ottimizzazione sia efficace.