Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di UTHealth studiano come diminuire dall'l'uso guidato da sforzo dell'alcool

I ricercatori al centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a Houston (UTHealth) stanno studiando se un farmaco usato per regolamentare lo zucchero di sangue può alterare la motivazione per usare l'alcool mirando al sistema di risposta dello sforzo del cervello.

Molta gente non non rend contoere appena come sollecitato ed ansioso sono, o che il loro uso dell'alcool potrebbe direttamente essere collegato con quelle circostanze.„

Jin Yoon, PhD, assistente universitario nel dipartimento di psichiatria e scienze comportamentistiche alla facoltà di medicina di McGovern a UTHealth

I ricercatori stanno guardando per mirare alle cause di origine di uso dell'alcool, in questo caso relative allo sforzo ed all'ansia che potrebbero piombo a bere.

“La maggior parte dei farmaci approvati per il lavoro di uso dell'alcool in uno di tre modi: bloccando gli effetti rewarding dell'alcool nel cervello, alteranti il modo è ripartito una volta consumato, o alleviando i sintomi di ritiro,„ ha detto Yoon, il ricercatore principale dello studio pilota. “Tuttavia, sappiamo che i livelli elevati di sforzo e di ansia e di uso dell'alcool sono relativi. Vogliamo identificare la medicina che più direttamente e dinamico mira ai trattamenti in relazione con lo sforzo, piuttosto che le vie del centro e della dopamina della ricompensa del cervello, per fornire il trattamento più efficace.„

Il farmaco che è studiato è pioglitazone, una droga comunemente usata per trattare il diabete di tipo 2 che funziona riparando la risposta adeguata dell'organismo ad insulina. Lo studio valuterà se può anche mirare alla reazione dell'organismo per sollecitare nei ricevitori proliferatore-attivati peroxisome del cervello, che sono proteine che esibiscono sia le risposte antinfiammatorie che neuroprotective.

“Il pioglitazone può diminuire l'uso dell'alcool alterando alcuni dei fattori motivazionali determinati dallo sforzo ed ansia che può fare la ricompensa bevente,„ ha detto Yoon. “Speriamo che la medicina reagisca ai sistemi infiammatori che possono essere provocati una volta esposti sia allo sforzo cronico che all'uso coerente dell'alcool. L'uso regolare dell'alcool, con uso della droga, può realmente alterare l'infiammazione del sistema e di causa di risposta dello sforzo dell'organismo, spingente gli utenti ad avere bisogno più di quelle sostanze. Speriamo le guide di questo farmaco per radrizzare quel ciclo diminuendo i livelli di sforzo globali come pure diminuendo la risposta agli stimoli che evocano lo sforzo e/o l'ansia.„

La droga è stata trovata per riuscire a diminuire il consumo dell'alcool negli studi sugli animali e uno studio di UTHealth ha trovato che può contribuire a trattare la cocainomania nella gente.

I partecipanti stanno reclutandi nell'area di Houston per questo studio fino ad agosto. Per qualificarti, dovete essere fra le età di 21 e di 40, non avete condizioni mediche attuali, avete una cronologia dello sforzo e/o dell'ansia e bevete l'alcool.

Lo studio richiede quattro settimane per completare e richiede una selezione del riferimento, un impegno quotidiano per catturare il farmaco, di quattro settimane le registrazioni e due valutazioni di sforzo. Le prove di sforzo comprendono la prova pressoria fredda, in cui il partecipante sommergerà la loro mano dominante in un bagno di ghiaccio per due minuti mentre i ricercatori valutano i loro livelli del cortisol, pressione sanguigna e risposta globale di sforzo. Il bisogno dell'alcool sarà valutato facendo uso di un questionario. I partecipanti saranno compensati la loro partecipazione e viaggio.

Source:
Journal reference:

Schmitz, J.M. et al. (2019) PPAR-gamma agonist pioglitazone modifies craving intensity and brain white matter integrity in patients with primary cocaine use disorder: a double-blind randomized controlled pilot trial. Addiction. doi.org/10.1111/add.13868.