Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I microexpressions facciali cambiano le vostre emozioni, ma come?

“Sorrida ed il mondo sorride con voi,„ l'ovest di Stanley Gordon notoriamente ha detto. La maggior parte di noi hanno avvertito l'influenza che l'umore di una persona può avere su noi mentre siamo circondati dagli amici o dalla famiglia. Ma perché è la gente influenzata così facilmente dall'umore di altre? Gli scienziati possono avere la risposta.

Due donne che parlano ad una caffetteria - un esempio di mimickry emozionaleImmagini di affari di scimmia | Shutterstock

“Quando guardiamo l'altra gente, per qualche motivo, siamo collegati fino a otteniamo in sintonia con loro su tante cose di cui genere boggles la vostra mente… e calcolano che è così velocemente che non potreste possibilmente farlo coscientemente - deve passare attraverso il tronco cerebrale,„ dice Elaine Hatfield, un ricercatore della psicologia all'università di Hawai.

I modi in cui la sincronizzazione della gente con quelle intorno loro è equo ovvia, come l'imitazione della posizione o parlare i reticoli. Tuttavia, altri sono meno ovvi. Due amici che parlano con uno un altro possono finalmente cominciare lampeggiare a tempo a vicenda, per esempio, o se una persona balbetta, i muscoli minuscoli della bocca dell'altra persona possono avvi tirare.

Inizio della gente anche copiare reticolo respirante di ciascuno - i membri di una riunione di conferenza cominceranno spesso respirare in sintonia con a vicenda mentre circondano la tabella, per esempio.

“Così è collegata dentro e nelle parti primitive del cervello, che gli animali lo fanno. Anche i piccoli uccelli imitano uno un altro. Accade appena. Cola appena come la respirazione,„ Hatfield dice.

Il fenomeno emozionale di contagio

Tuttavia, non è appena i movimenti fisici della gente che imitiamo, ma anche emozioni di ciascuno. Questo fenomeno, citato come contagio emozionale, è un'area Hatfield ed i colleghi si specializzano dentro.

Molti ricercatori da una vasta gamma di discipline hanno usato varie tecniche per studiare l'influenza che l'attenzione, il mimetismo facciale ed il contesto sociale ha sul contagio emozionale.

Nel 2014, Hatfield ed i colleghi hanno effettuato un esame della prova disponibile sul ruolo dell'attenzione, del mimetismo facciale e del feedback nell'avviamento del contagio emozionale primitivo. Egualmente hanno valutato l'organismo crescente di letteratura sul ruolo del mimetismo facciale nello stimolo del contagio emozionale e la capacità “ha letto„ i pensieri e le emozioni di quelli intorno noi.

Hatfield ed il suo marito, Richard Rapson, in primo luogo hanno cominciato a ringraziare il concetto del contagio emozionale mentre lavoravano come terapisti. Un cliente che li ha visualizzati era molto animato e rapido parlare, eppure le coppie si sono scoperti che sbadigliano, malgrado nessune di loro che ritengono stanche.

Rapson dice crede che stessero prendendo sul fatto che al di sotto della conversazione energetica, il cliente era depresso e che questo stava trasportando in qualche modo a loro non verbale. Dopo la ricerca della questa idea, Hatfield e Rapson hanno trovato che le emozioni possono effettivamente straripare la fronte di taglio di una persona sotto forma di modi altamente misurabili e coerenti citati come microexpressions.

Microexpressions è universale e difficile da simulare

Microexpressions è brevi, espressioni facciali involontarie che durano soltanto una frazione di secondo che riflettono come una persona sta ritenendo. A differenza delle espressioni più regolari e prolungate, i microexpressions sono difficili da simulare.

Il ricercatore Paul Ekman ha stabilito sette espressioni facciali che crede è universale e facile da interpretare, vale a dire repulsione, tristezza, felicità, sorpresa, disprezzo, rabbia e timore.

Queste espressioni sono comuni alle persone, indipendentemente dalla loro cultura o stile di vita. La gente negli Stati Uniti per esempio facciale esprime la tristezza come indigeni nella Guinea di PapaNew che non hanno avuti mai l'opportunità di modellarsi sui caratteri di film o della TV, per esempio.

Ekman egualmente ha trovato quella gente che è stato cieco poiché la nascita ha le stesse espressioni facciali come la gente che non è cieca, malgrado la gente cieca che non ha potuta mai osservare le fronti di taglio dell'altra gente.

Microexpressions può determinare le nostre risposte emozionali

Che Hatfield e Rapson aggiunti all'equazione nel 2014, è che il mimetismo automatico di tali espressioni può anche avviarci per ritenere l'emozione corrispondente.

“Otteniamo i riflessi pallidi e piccoli reali di cui altri sono pensanti e ritenenti,„ diciamo Hatfield. Quei riflessi possono poi avere un effetto reale e tangibile su come pensiamo e riteniamo presso noi stessi.

Hatfield e Rapson pensano l'idea che andiamo circa le nostre vite che pensiamo poichè le persone è un'illusione; piuttosto, scivoliamo in diventare simili alla società che teniamo, dicono. Cioè siamo connessi molto attentamente alla gente che siamo con e “contragga„ i loro pensieri e sensibilità, quasi come un virus.

I sette microexpressions facciali universali designati di Ekman

Le descrizioni dei sette microexpressions universali stabiliti da Ekman sono date qui sotto:

Sorpresa:

  • Sopracciglia sollevate e curve
  • Interfaccia allungata sotto la fronte
  • Le palpebre si aprono con lo sclera che mostra sopra e sotto
  • Grinze orizzontali della fronte
  • Mascella caduta con i denti separati, ma una bocca non tesa o allungata

Timore:

  • Sopracciglia sollevate e riunite
  • Fronte corrugata fra le sopracciglia
  • Palpebra superiore sollevata, ma tempo e palpebra più bassa elaborata
  • Apra la bocca con gli orli leggermente tesi o allungati
  • Tomaia, ma bianco non più basso della rappresentazione dell'occhio

Repulsione:

  • Palpebra superiore sollevata
  • Maschette sollevate
  • Orlo più basso sollevato
  • Radiatore anteriore corrugato
  • Righe sotto la palpebra più bassa

Rabbia:

  • Sopracciglia abbassate e riunite
  • Palpebra più bassa tesa
  • Orli insieme saldamente stampati, a forma di verso il basso agli angoli o agli orli in una forma del tipo di quadrato, se gridando
  • Righe verticali fra le sopracciglia
  • Occhi fissanti o di gonfiamenti
  • Narici dilatate
  • Sporgersi della mascella più bassa

Felicità:

  • Gli orli estratti indietro ed aumentano agli angoli
  • Una grinza che funziona fra il radiatore anteriore e l'orlo
  • Maschette sollevate
  • La bocca può o non può essere separata ed esponente i denti
  • Palpebra più bassa corrugata o tesa
  • I piedi del corvo intorno agli occhi

Tristezza:

  • Le sopracciglia assorbite ed aumentano agli angoli interni
  • Mascella sollevata
  • Orlo più basso sporgente le labbra
  • Interfaccia a triangolo sotto le sopracciglia
  • Orli abbassati agli angoli

Disprezzo:

  • Bocca sollevata ad un lato
Source:
Journal reference:

Hatfield, E., et al. (2014). New Perspectives on Emotional Contagion: A Review of Classic and Recent Research on Facial Mimicry and Contagion. Interpersona. https://interpersona.psychopen.eu/article/view/162/html

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2019, July 23). I microexpressions facciali cambiano le vostre emozioni, ma come?. News-Medical. Retrieved on November 26, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20190722/Facial-microexpressions-change-your-emotions-but-how.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "I microexpressions facciali cambiano le vostre emozioni, ma come?". News-Medical. 26 November 2020. <https://www.news-medical.net/news/20190722/Facial-microexpressions-change-your-emotions-but-how.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "I microexpressions facciali cambiano le vostre emozioni, ma come?". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190722/Facial-microexpressions-change-your-emotions-but-how.aspx. (accessed November 26, 2020).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2019. I microexpressions facciali cambiano le vostre emozioni, ma come?. News-Medical, viewed 26 November 2020, https://www.news-medical.net/news/20190722/Facial-microexpressions-change-your-emotions-but-how.aspx.