Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Povertà legata alla degenza in ospedale prolungata per gli infanti con la sindrome da astinenza neonatale dell'opioide

Per gli infanti con la sindrome da astinenza neonatale dell'opioide dovuto l'esposizione prenatale dell'opioide, la povertà è un fattore di rischio per la lunghezza prolungata della degenza in ospedale, riferisce uno studio nel giornale della medicina di dipendenza, la Gazzetta ufficiale della società americana della medicina di dipendenza (ASAM). Il giornale è pubblicato nel portafoglio di Lippincott da Wolters Kluwer.

“Questi risultati indicano che la durata del soggiorno in eccesso può essere il risultato dei fattori non sanitari collegati a povertà e che la destinazione delle risorse iniziale per le famiglie a rischio può contribuire a diminuire la durata del soggiorno globale,„ secondo la nuova ricerca da Zachary A. Vesoulis, MD e colleghi della scuola di medicina dell'università di Washington, St. Louis.

I fattori non sanitari possono spiegare gli aumenti in relazione con la povertà di durata del soggiorno

Lo studio ha incluso 129 infanti a rischio dei NOWS curati nel ICU neonato di un ospedale pediatrico urbano fra 2012 e 2017. Due terzi degli infanti hanno richiesto la morfina, da solo o con altri farmaci, per trattare i sintomi di ritiro dell'opioide.

Cinquantadue per cento dei pazienti sono venuto comunità urbane/suburbane e da 48 per cento dalle zone rurali. Quasi 90 per cento erano su assicurazione pubblica. Sulla base di reddito della famiglia nel codice postale della madre, 25 per cento hanno vissuto “nella maggior parte„ delle aree svantaggiate con gli alti indici di povertà. Soltanto 16 per cento dei pazienti erano neri, ma erano più probabili vivere nelle aree di alto-povertà. La povertà ed altri fattori sono stati analizzati per l'associazione con la lunghezza della degenza in ospedale.

La degenza in ospedale mediana era dei 16 giorni. Come negli studi precedenti, infanti che il trattamento necessario della morfina ha passato più tempo nell'ospedale: 23 contro otto giorni.

La povertà è stata collegata forte con la degenza in ospedale in eccesso: ogni aumento un punti nei 0 indici analitici della privazione di area to-100 è stato associato con i 0,13 giorni extra nell'ospedale. Quello era così anche dopo gestire per il trattamento della morfina, il collocamento nella custodia dello stato, la corsa e l'età gestazionale alla nascita.

La corsa era il solo l'altro preannunciatore significativo: gli infanti neri hanno stato in media i 2,8 nuovi giorni nell'ospedale confrontato agli infanti bianchi. “Speculiamo che la corsa infantile sta servendo da indicatore secondario di povertà,„ i ricercatori scriviamo.

Mentre lo studio non può trarre alcune conclusioni circa perché la povertà è associata con la degenza in ospedale prolungata in infanti con i NOWS, i ricercatori ritengono che “gli impedimenti non sanitari all'ospedale tempestivo scarichino„ il gioco un ruolo.

Le barriere possibili comprendono la mancanza di trasporto all'ospedale, all'incapacità ottenere i punti infantili essenziali di cura quali le sedi di automobile o le cataste di puntellamento, alle risorse insufficienti di assistenza all'infanzia per altri bambini nella casa, all'accesso a cura postnatale e/o al trattamento del farmaco.

Fare leva tutti i servizi sociali disponibili ai tempi dell'ammissione dell'infante per migliorare l'accesso all'ospedale e le risorse a cura per l'infante a casa è un chiaro obiettivo per la diminuzione della durata del soggiorno.„

Zachary A. Vesoulis, MD e colleghi, scuola di medicina dell'università di Washington, St. Louis

Lo studio è fra il primo da esaminare come la povertà ed altri fattori determinanti sociali di salubrità pregiudicano le differenze nei risultati dell'ospedalizzazione degli infanti con i NOWS, secondo un editoriale da Elisha M. Wachman, MD, del centro medico di Boston. “Gli studi futuri dovrebbero mettere a fuoco sull'identificazione dei fattori determinanti sociali chiave che urtano il decorso clinico di NOWS,„ il Dott. Wachman scrive. Aggiunge che le disparità razziali osservate “sono importanti da capire per la progettazione degli interventi livelli della popolazione per migliorare la salubrità di questi elementi bivalenti dell'materno-infante.„

Source:
Journal reference:

Vesoulis, Z.A. et al. (2019) Poverty and Excess Length of Hospital Stay in Neonatal Opioid Withdrawal Syndrome. Journal of Addiction Medicine. doi.org/10.1097/ADM.0000000000000540.