Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio pionieristico usa le prove personali per identificare la terapia preferita per ipertensione in bambini

L'ipertensione fra i bambini è sull'aumento e una mancanza di ricerca circa come trattarlo ha lasciato i pediatri che provano a fare la loro migliore congettura. Quello è finché i ricercatori alla scienza di salubrità dell'università del Texas non concentrino ai risultati rilasciati di Houston (UTHealth) di uno studio pionieristico che ha usato una serie di prove personali per identificare una terapia preferita per i capretti - il primo punto nell'affrontare il problema.

Risultati dallo studio, piombo da Joyce Samuel, MD, ms; Jon Tyson, MD, MPH; e Joshua Samuels, il MD, MPH, del dipartimento della pediatria alla facoltà di medicina di McGovern a UTHealth, recentemente è stato pubblicato nella pediatria.

Le influenze di ipertensione intorno a 4% della popolazione adolescente degli Stati Uniti, o i 1,2 milioni stimato e probabilmente sta aumentando di prevalenza dovuto l'epidemia dell'obesità.

“Ci sono molti farmaci sicuri ed efficaci di pressione sanguigna disponibili per uso in bambini. Tuttavia, come scegliamo che farmaco da utilizzare in un bambino particolare, dobbiamo contare su esperienza personale perché non abbiamo quasi prova per guidarci su cui meglio del lavoro nei tipi differenti di pazienti,„ ha detto Samuel, che è il ricercatore principale dello studio. “Molti bambini cattureranno lo stesso farmaco di pressione sanguigna per anni senza mai provare se un farmaco differente può lavorare meglio. Abbiamo progettato questo studio perché abbiamo supposto là potremmo essere un migliore modo prendere una decisione informata circa cui farmaco da prescrivere.„

Samuel ed il suo gruppo hanno progettato una serie di che cosa sono conosciuti come prove n-of-1, che sono unico paziente, prove ripartite con scelta casuale in cui un paziente prova i farmaci differenti e sono riflesse per vedere quale sono il più efficace con i il minor n3umero degli effetti secondari. In questo caso, hanno funzionato per identificare la terapia preferita per il paziente determinato fra da tre classi importanti di droghe comunemente usate di pressione sanguigna. La prova n-of-1 ha cominciato verificando l'esigenza del trattamento farmacologico in corso, come alcuni casi possono essere controllati senza droghe usando i cambiamenti di stile di vita quali la dieta e l'esercizio.

Le prove N-of-1 sono utili perché permettono che noi vediamo come i vari farmaci funzionano nella persona. Sappiamo che ogni paziente può avere una risposta unica, ma non abbiamo modo predire che cosa quella risposta sarà. Ciò è un'opportunità di mettere i farmaci alla prova in un modo organizzato e imparziale.„

Joyce Samuel, MD, ms, UTHealth

Oltre ad essere l'uso in primo luogo conosciuto delle prove n-of-1 in questa popolazione, questo studio era il primo nel campo da usare ha ripetuto i videi ambulatori di 24 ore di pressione sanguigna per registrare le letture periodicamente durante tutta la giornata, invece soltanto dei pazienti di misurazione quando stanno aspettando ansiosamente all'ambulatorio.

“I dati della riunione soltanto all'ambulatorio possono piombo alle letture gonfiate perché i pazienti tendono ad essere più nervosi,„ Samuel hanno detto. “Il video di 24 ore ci ha dato un'istantanea molto più completa e più accurata dei livelli della pressione sanguigna di ogni paziente e ci ha aiutati ad evitare prescrivere le dosi che erano troppo alte o troppo in basso.„

In tutto la serie, 32 pazienti alle cliniche dei medici di UT e l'ospedale di Lyndon B. Johnson di salubrità di Harris sono stati amministrati tutte e tre le droghe in un ordine casuale per i periodi di due settimane. Alla conclusione di ogni periodo, i pazienti hanno indossato un video di 24 ore ed hanno compilato un questionario di effetto collaterale. Dopo la prova delle tutte e tre le droghe e la ripetizione soltanto di quei migliori, il medico, il paziente e la famiglia hanno preso insieme una decisione su quale farmaco sarebbe stato lungo termine prescritto per il paziente.

Lo studio ha trovato che nessun farmaco è stato preferito per una maggioranza dei pazienti. Ancora, la variazione nella pressione sanguigna era considerevole, con la pressione sanguigna diminuente della droga più di funzionamento soddisfacente da circa 12 unità di pressione più del trattamento d'esecuzione del paziente. Lo studio egualmente ha trovato che 23% dei pazienti non ha dovuto essere sul farmaco affatto.

“La nostra individuazione che non c'era droga scelta per la grande maggioranza dei pazienti e che della differenza fra le droghe che hanno funzionato il meglio ed il peggio era così significativa, richiesto noi considerare se le prove n-of-1 dovrebbero essere utilizzate nella pratica clinica sistematica perché spesso non c' è appena una droga che funzionasse per ognuno. Nell'era di medicina personale, questo è grande punto verso l'individualizzazione come curiamo i pazienti. Dobbiamo trovare i migliori modi di scelta che il trattamento noi sta andando usare ed adattando la nostra terapia per ogni paziente,„ Samuel ha detto.

Samuel ora sta conducendo un'altra prova in pazienti veduti ai medici di UT con il programma pediatrico ed adolescente di Houston di ipertensione a UTHealth, ripartente le probabilità sui partecipanti alla prova n-of-1 o alla pratica abituale, che è la scelta del medico, vedere quale approccio è più efficace normalizzare la pressione sanguigna in pazienti. I risultati di studio sono preveduti nel 2020.