Il minimo o gli alti livelli di emoglobina può aumentare il rischio di demenza

Avendo il minimo o alti livelli di emoglobina nel vostro sangue può essere collegato ad un rischio aumentato di sviluppare gli anni di demenza più successivamente, secondo uno studio pubblicato nell'emissione online del 31 luglio 2019 della neurologia®, il giornale medico dell'accademia americana della neurologia.

L'emoglobina è la proteina in globuli rossi responsabili del trasporto dell'ossigeno. L'emoglobina molto bassa è chiamata l'anemia.

Con intorno 10 per cento della gente sopra l'età 65 che ha l'anemia in Americhe e l'Europa e fino a 45 per cento in Africano ed in paesi asiatici sudorientali, questi risultati potrebbero avere implicazioni importanti per il carico di demenza, particolarmente come la prevalenza di demenza si pensa che aumentasse triplo durante le decadi prossime, con i più grandi aumenti preveduti nei paesi in cui la tariffa dell'anemia è il più alto.„

Studi l'autore M. Arfan Ikram, PhD, del centro medico di ERASMUS a Rotterdam, i Paesi Bassi

Lo studio ha compreso 12,305 persone con un'età media di 65 chi non ha avuto demenza. I livelli dell'emoglobina dei partecipanti sono stati misurati all'inizio dello studio. I per cento globali, 745, o 6, dei partecipanti hanno avuti anemia.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di 12 anni. Durante quel tempo, 1,520 persone hanno sviluppato la demenza. Di quelli, 1.194 hanno avuti morbo di Alzheimer.

I ricercatori hanno trovato che la gente con l'anemia era 41 per cento più probabile da sviluppare il morbo di Alzheimer e 34 per cento più probabili sviluppare qualunque tipo di demenza che coloro che non ha avuto anemia. Di 745 persone con l'anemia, 128 hanno sviluppato la demenza, confrontata a 1392 di 11,560 persone che non hanno avute anemia.

La gente con gli alti livelli di emoglobina era egualmente più probabile sviluppare la demenza. Gli alti livelli possono anche essere un segno di un problema sanitario. I partecipanti di studio sono stati divisi in cinque gruppi basati ai loro livelli dell'emoglobina. Rispetto al gruppo medio, il gruppo ai livelli elevati era 20 per cento più probabile da sviluppare la demenza. Quelli nel gruppo più basso erano 29 per cento più probabili da sviluppare la demenza che quelli nel gruppo medio.

I risultati hanno restato lo stessi dopo che i ricercatori hanno registrato per ottenere altri fattori che potrebbero pregiudicare il rischio di demenza, quale uso ricco in colesterolo e dell'alcool di fumo, di ipertensione.

Ikram ha notato che lo studio non prova che i bassi o livelli elevati dell'emoglobina sono un fattore nel causare la demenza; mostra soltanto un'associazione.

“La più ricerca è necessaria determinarla se l'emoglobina livella il gioco un ruolo diretto in questo rischio aumentato o se queste associazioni possono essere spiegate dalle emissioni di fondo o da altri cambiamenti vascolari o metabolici,„ ha detto.

Una limitazione dello studio era che i partecipanti erano soprattutto di origine europea, in modo dai risultati non possono applicarsi a tutte le popolazioni. Per esempio, Ikram ha notato che una mutazione genetica che è comune fra la gente di origine africana incita la gente più probabilmente per avere anemia e che la prevalenza di malaria e dell'anemia drepanocitica, che può contribuire all'anemia, varia intorno al globo.