I malati di cancro anziani affetti da HIV hanno risultati peggiori malgrado il trattamento

I malati di cancro anziani che sono HIV positivi, specialmente quelli con la prostata e cancri al seno, hanno risultati peggiori confrontati ai malati di cancro nello stesso intervallo di età che non hanno HIV. Un ricercatore del centro del Cancro di Moffitt, in collaborazione con i ricercatori all'istituto nazionale contro il cancro, Duke University e banco di Johns Hopkins Bloomberg della salute pubblica, ha dato uno sguardo più attento alla disparità, scomponente dentro indipendentemente da fatto che il trattamento del cancro ha avuto un impatto sui risultati fra questa popolazione paziente. I loro risultati sono stati pubblicati oggi in oncologia di JAMA.

Gli studi precedenti hanno indicato che i malati di cancro affetti da HIV sono più probabili morire dal loro cancro che i malati di cancro HIV-non infetti. Tuttavia, quegli studi non hanno potuti considerare l'informazione dettagliata sui trattamenti che i pazienti possono ricevere, compreso il tipo o la sincronizzazione esatto di trattamento.„

Anna E. Coghill, Ph.D, M.P.H., membro di aiuto dell'instituto di epidemiologia del Cancro, centro del Cancro di Moffitt

Facendo uso della sorveglianza, l'epidemiologia ed i risultati finali Assistenza-hanno collegato i dati, i ricercatori hanno valutato 288 pazienti affetti da HIV e 307.980 HIV-non infetti, le età 65 anni o più vecchi, che sono stati diagnosticati con colorettale non avanzato, polmone, la prostata o il cancro al seno ed hanno ricevuto il trattamento del cancro fase-appropriato durante l'anno dopo la loro diagnosi del cancro.

I risultati hanno indicato che la mortalità Cancro-specifica era più alta in malati di cancro affetti da HIV rispetto alle loro controparti HIV-non infette in petto e nei carcinoma della prostata. Ancora, hanno trovato che le donne affette da HIV erano quasi due volte probabili avvertire la ricaduta o la morte di malattia dopo con successo il completamento della terapia iniziale del cancro.

“Poichè la popolazione del HIV continua ad invecchiare, l'associazione di infezione HIV con il povero petto ed il carcinoma della prostata che i risultati diventeranno più importanti, particolarmente perché il carcinoma della prostata è aggettato trasformarsi nella malignità più comune nella popolazione del HIV da ora al 2020,„ ha detto Coghill. “È perché stiamo sottolineando la necessità della più ricerca sulle strategie cliniche di migliorare i risultati per i malati di cancro affetti da HIV.„