Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra come le celle “dell'naturale-uccisore„ possono aiutare le donne ad evitare il accreta placentare

Uno della fronte di taglio più pericolosa delle donne incinte di rischi come loro approcci della data di consegna è uno stato sorprendente comune con un nome poco noto: accreta placentare.

Nel parto normale, la placenta che sostiene lo sviluppo fetale durante la gravidanza è consegnata poco tempo dopo l'infante neonato. Ma a volte, la placenta è così profondamente fissata all'utero che non può essere eliminata senza causare massiccio, spurgo a volte interno della donna. In molti casi, l'ambulatorio di emergenza stato necessario per salvare la vita della madre può lasciarlo incapace di avere altri bambini.

Ma, molta gente non sa circa il accreta placentare, anche se il numero delle donne diagnosticate con ha quadruplicato dagli anni 80 ad uno in ogni 272 nascite. Mentre questo aumento è associato con un aumento nella tariffa della c-sezione, il collegamento rimane poco chiaro.

“Non avevo sentito mai il accreta di parola finché non accadesse me e sono sopravvissuto a a mala pena,„ dice Kristen Terlizzi, che ha fondato alle le fondamenta nazionali basate a California di Accreta nel 2017. “Un biomarcatore affidabile per individuare questo sarebbe incredibile. E se ci fosse mai un modo dinamico trattare il accreta, quello sarebbe enorme.„

Che il giorno distante può muovere grazie più vicini di un punto ad una scoperta fatta dagli scienziati ai bambini di Cincinnati e dall'università di Cincinnati.

In un 2 agosto 2019 pubblicato studio, in immunologia di scienza, i co-author descrivono una connessione sorprendente fra il rischio di accreta e una mutazione genetica che impedisce la formazione sana “di celle dell'uccisore naturale„; un tipo di globulo bianco che aiuta l'organismo a combattere fuori i tumori del cancro e le infezioni virali. Oltre la scoperta della connessione, il gruppo più ulteriormente ha dimostrato, in mouse, che il accreta può essere fermato nei sui cingoli.

Ciò è un'emissione enorme per salubrità materna. Corrente, il solo modo diagnosticare il accreta è di macchiarla la metà gravidanza sull'ultrasuono, solitamente dopo 18 - 20 settimane. Molte donne non sanno mai che lo hanno finché non arrivino all'ospedale per di lavoro e la consegna.„

Studi il co-author Helen Jones, il PhD, l'esperto nella ricerca della placenta, bambini di Cincinnati

Se gli studi di futuro confermano che le donne che affrontano il accreta egualmente hanno celle funzionanti male di NK, può diventare possibile impedire il sovra-collegamento e diminuire l'esigenza delle isterectomie di fertilità-conclusione, Jones dice.

La scoperta accidentale connette il accreta alle celle funzionanti male di NK

Questa nuova individuazione rintraccia di nuovo ad un progetto di di base-scienza che piombo da Kasper Hoebe, il PhD, uno scienziato con la divisione dei bambini di Cincinnati del Immunobiology che recentemente ha andato per una nuova posizione. Il suo gruppo stava cercando le mutazioni genetiche che possono pregiudicare le celle di NK. Durante questo lavoro, Anna Sliz, un dottorando nel laboratorio di Hoebe, ha incontrato un problema.

“In una delle nostre colonie, abbiamo osservato anormalmente un ad alta frequenza delle dighe dell'allevamento che hanno gravidanze infruttuose. Quando ho tentato di coltivare le celle di NK da questi mouse, ho teso ad avere un rendimento più basso confrontato ai miei comandi selvaggio tipi,„ Sliz dice.

Hoebe e Sliz hanno consultato Jones, che ha riconosciuto rapido che le dighe stavano sperimentando le placente conservate con l'invasione trophoblast significativa, riflettente di accreta- umano; una circostanza veduta raramente in mouse. Ciò ha richiesto una nuova ricerca.

Presto, i collaboratori hanno scoperto che i mouse hanno portato una mutazione in una proteina chiamata Gab3, che ha impedito l'espansione normale delle cellule di NK nell'utero. Le celle interrotte di NK poi non sono riuscito a fare un processo importante: spegnebbi il trattamento che permette che l'embrione crescente fissi ai tessuti dentro l'utero.

Questo trattamento, chiamato invasione trophoblast, continua normalmente fino a circa 20 settimane della gravidanza. Ma per le donne con il accreta, il trattamento di invasione continua molto più lungamente.

“Affinchè lo sviluppo placentare normale accada, la crescita delle celle fetali deve essere tenuta nell'assegno dalle celle di NK,„ Hoebe dice. “I nostri studi hanno indicato che in assenza di Gab3, la funzione delle cellule di NK nella placenta è alterata, piombo ad un'sovra-invasione delle celle fetali nell'utero.„

Che cosa fa questa media per le donne incinte?

La molto più ricerca deve essere effettuata prima che le donne possano essere esaminate per determinare se hanno celle funzionanti male di NK e se un trapianto delle cellule di NK fosse sicuro ed efficace.

Le celle di NK sono state trapiantate per curare la gente con determinati moduli di cancro, ma gli impatti potenziali su una gravidanza ancora non sono conosciuti.

“Non sappiamo ancora perché ancora dobbiamo studiare questo in esseri umani. Ora stiamo lavorando su una collaborazione internazionale per provare a lavorare questo fuori,„ Jones dice.

Per ora, tuttavia, i risultati possono servire da ricordo alle donne essere prudenti circa la ricezione delle C-sezioni. Gli studi precedenti hanno indicato che il rischio di accreta aumenta marcato quando le donne hanno C-sezioni multiple ed ora questi risultati possono contribuire a spiegare perché quel rischio aumenta, Jones dice.

Source:
Journal reference:

Sliz, A. et al. (2019) Gab3 is required for IL-2- and IL-15-induced NK cell expansion and limits trophoblast invasion during pregnancy. Science Immunology. doi.org/10.1126/sciimmunol.aav3866.