Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono le proteine di coagulazione di sangue in urina come biomarcatori della nefrite di lupus

Università di Houston ricercatore Chandra Mohan è riferendo in artrite ricerca e terapia che coagulandosi proteina, sia quella che promuovono i coaguli di sangue (pro-trombotici) che quelli che funzionano per dissiparli (thrombolytic), sono elevati nell'urina dei pazienti che soffrono dalla nefrite di lupus (LN).

Fra le proteine esaminate, la plasmina dell'urina è emerso come il più forte preannunciatore indipendente di stato di funzione del rene e di malattia renale. I biomarcatori dell'urina rappresentano i candidati di promessa per la diagnosi precoce come pure il video dell'attività di malattia e delle risposte terapeutiche nella nefrite di lupus.„

Chandra Mohan, Hugh Roy e Lillie Cranz Cullen hanno dotato professore di assistenza tecnica biomedica, università di Houston

La scoperta di nuovo biomarcatore per attivo LN apre la porta per il video clinico della malattia.

Il lupus eritematoso sistemico (SLE) è una malattia autoimmune che accade quando l'organismo attacca i sui propri tessuti ed organi. L'infiammazione dalla malattia può urtare molte parti del corpo differenti compreso le giunzioni, l'interfaccia, i reni, i globuli, il cervello ed il cuore. La nefrite di lupus è una di manifestazioni cliniche più frequenti e più severe di SLE, rappresentanti una causa principale della morbosità e della mortalità.

Le nuove droghe immunosopressive ed il biologics hanno portato i miglioramenti nei tassi di sopravvivenza recenti di LN e di SLE, ma i chiarori di malattia di video e di diagnosi precoce sono ancora sfide che devono essere indirizzate. La biopsia renale rimane il sistema monetario aureo per la diagnosi e la prognosi di LN, ma è dilagante e non può essere usata per il controllo corrente delle risposte di attività e del trattamento di malattia. A causa di questo, parecchi studi che mettono a fuoco sulla selezione e che identificano i biomarcatori non invadenti per la diagnosi precoce ed il video di SLE e di LN stanno emergendo.

Poiché i disordini del sistema di coagulazione sono stati riferiti in SLE e pazienti della nefrite di lupus e la frequenza degli eventi trombotici è stato documentato per essere più alto nei pazienti di SLE che nella popolazione in genere, le proteine urinarie esaminate laboratorio di Mohan relative a coagulazione.

L'individuazione delle elevazioni in sia proteine del thrombolytic che pro-trombotiche nell'urina dei pazienti con la nefrite di lupus era inattesa.

“Quando in primo luogo ho veduto che la presenza di entrambi I pensata “questo non può essere giusta, in modo da ci ha lasciati esaminare più dettagliatamente questo con più campioni di urina e migliori analisi, “„ ha detto Mohan, che descrive la presenza di entrambe le proteine come “guerra infuriantesi„ all'interno dei reni. Se uno o l'altro predomina, disse, ci sono medicine che possono regolamentare la coagulazione in bilanciamento, ma quando entrambi i trattamenti upregulated ugualmente, saldare questo trattamento biologico diventa clinicamente provocatorio.

I campioni di urina per questo studio sono stati ottenuti da 113 pazienti con LN che precedentemente era stato reclutato dalla clinica renale al centro medico sudoccidentale di UT fra 2007 e 2011. Sta collaborando con Mohan sullo studio l'autore principale, Qing Ling, un nefrologo di pratica, Michelle A. Pétri, Direttore del centro di lupus di Hopkins alla medicina di Johns Hopkins, Baltimora e Ramesh Saxena, professore di medicina interna - nephology al centro medico sudoccidentale di UT, Dallas.

Source:
Journal reference:

Qin, L. et al. (2019) Urinary pro-thrombotic, anti-thrombotic, and fibrinolytic molecules as biomarkers of lupus nephritis. Arthritis Research & Therapy. doi.org/10.1186/s13075-019-1959-y.