Gli scienziati di USC sono sovvenzionato di $12,5 milioni NIDCR per la ricerca craniofacial

Quasi la metà di tutti i difetti di nascita comprende la fronte di taglio ed il cranio e, generalmente, gli scienziati rimangono poco chiari quanto a perché la maggior parte accadono. Per migliorare le famiglie di servire a rischio di queste circostanze, gli scienziati hanno bisogno di una comprensione completa e sistematica di come le fronti di taglio dei bambini in buona salute si formano e di che cosa va male causare le malformazioni comuni, quali il labbro leporino ed il palato.

A tal fine, l'istituto nazionale della ricerca dentaria e Craniofacial (NIDCR) ha lanciato FaceBase, una repository centrale per i gruppi di dati craniofacial e gli strumenti destinati per avanzare la scienza craniofacial promuovendo la cooperazione e la collaborazione intorno al globo. Dal 2014, gli scienziati di USC stanno sviluppando il hub centrale dei dati di FaceBase. Quel gruppo ha stato sovvenzionato appena di $12,5 milioni NIDCR per continuare lo sviluppo e l'espansione di FaceBase nella sua terza fase.

I ricercatori principali del progetto sono Carl Kesselman, professore al banco di USC Viterbi del Servizio tecnico dell'informatica e Direttore di Data Center biomedico all'istituto delle scienze dell'informazione di USC e Yang Chai, decano di socio della ricerca per il banco di Herman Ostrow dell'odontoiatria di USC e Direttore del centro di biologia Craniofacial e molecolare.

Siamo molto emozionanti e onorati per servire da hub per FaceBase III. Questo NIDCR ha supportato lo sviluppo Craniofacial ed il hub della gestione di dati e di integrazione di Dysmorphology continuerà a svilupparsi verso una risorsa completa per i ricercatori intorno al globo ed evidenzia la direzione fornita dai ricercatori interdisciplinari a USC per portare la ricerca orale e craniofacial al livello seguente di eccellenza.„

Yang Chai, decano di socio di ricerca per il banco di Herman Ostrow di odontoiatria di USC e Direttore del centro di biologia Craniofacial e molecolare

Lo scopo principale del consorzio di FaceBase è di avanzare la ricerca creando i gruppi di dati completi dello sviluppo e dei dysmorphologies craniofacial, o i difetti di nascita e di diffondere questi gruppi di dati all'più ampia comunità di ricerca craniofacial.

Le condizioni Craniofacial, un vasto termine usato per descrivere tutta la malattia, il difetto, o il trauma con conseguente malformazione della testa e della fronte di taglio, pregiudica approssimativamente 600,000 persone negli Stati Uniti, secondo il sistema nazionale della salubrità dei bambini.

Il labbro leporino ed il palato sono fra il più comune di tutti i difetti di nascita. Infatti, il centro di controllo delle malattie e la prevenzione recentemente hanno stimato quello negli Stati Uniti, circa 2.650 bambini nascono con un palato di spacco e 4.440 nascono con un labbro leporino, che può piombo ai problemi con alimentare e parlare.

“Questa ricerca in corso rappresenta un in corso e collaborazione fruttuosa in scienze biologiche pluridisciplinari fra il banco di Viterbi di assistenza tecnica ed il banco di Herman Ostrow di odontoiatria,„ ha detto Kesselman, che è egualmente Direttore del centro per l'informatica di scoperta nel centro di USC Michelson per scienze biologiche convergenti.

“Stiamo esaminando i problemi realmente provocatori, che non possono essere risolti da una singola competenza della persona o del gruppo. Insieme, possiamo sviluppare ed applicare meglio la tecnica di gestione avanzata dell'informatica e di informazioni risolvere i problemi in dysmorphia cranio-facciale che sarebbe altrimenti inaccessibile.„

FaceBase ha lanciato nel 2009, con la ricerca messa a fuoco sulla regione media della fronte di taglio e della genetica relative ai disordini inerenti allo sviluppo. I dati raccolti da questi progetti hanno creato un senza precedenti, liberamente risorse disponibili per la comunità scientifica. Da allora, i progetti si sono espanti per comprendere altre regioni della fronte di taglio e del cranio.

Obiettivi di questa i terzi fase per continuare il lavoro sull'archivio dati, motivano i ricercatori craniofacial intorno al globo per dividere i loro propri dati della ricerca e per promuovere una comunità degli utenti attivi con le attività di animazione e la diffusione di nuove funzionalità e degli insiemi di dati disponibili. I contributori passati di FaceBase hanno incluso i ricercatori da più di 24 università in tutta la nazione.