Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Donne con diabete al maggior rischio per i disturbi del sonno

I cambiamenti dell'ormone sono conosciuti per alterare la sensibilità dell'insulina ed il metabolismo del glucosio come pure interferiscono con i reticoli di sonno delle donne. Ma piccolo è stato conosciuto circa l'associazione fra il diabete ed i disturbi del sonno durante la transizione della menopausa finora, come un nuovo studio conclude che le donne con il diabete sono al maggior rischio per i disturbi del sonno. I risultati di studio sono pubblicati oggi online nella menopausa, il giornale della società nordamericana della menopausa (NAMS).

L'estrogeno ed il progesterone sono conosciuti per influenzare la risposta delle cellule ad insulina. Di conseguenza, è stato sospettato che i cambiamenti dell'ormone della transizione della menopausa potrebbero causare le fluttuazioni nelle glicemie di una donna, mettente la al maggior rischio di diabete. Statisticamente, le donne di metà della vita hanno una tariffa di più alta prevalenza del diabete di tipo 2 durante la transizione della menopausa.

Similmente, i cambiamenti dell'ormone sono stati indicati per pregiudicare la qualità di una donna di sonno. Pricipalmente a causa della notte suda e le vampate di calore causate dai cambiamenti dell'ormone, da circa 42% di premenopausal e da 60% delle donne postmenopausali secondo le informazioni ricevute hanno disturbi del sonno. Per quelli con il diabete, le difficoltà di sonno potrebbero essere peggiorate dai vari sintomi del diabete e dai farmaci riferiti che causano, tra altri problemi, la minzione più frequente che potrebbe svegliare le donne sui periodi multipli durante la notte. Allo stesso tempo, il sonno è identificato come fattore chiave nella prova di impedire e gestire il diabete.

Malgrado tutte queste associazioni riconosciute, pochi studi fin qui hanno valutato l'associazione possibile fra il diabete ed i disturbi del sonno durante la transizione della menopausa. Tuttavia, un nuovo studio basato sui dati da due più grandi studi di indagine di Internet ha indicato che il numero totale medio dei sintomi in relazione con il sonno era significativamente più alto in quelli con il diabete di tipo 2 che quelli senza la malattia. La severità dei problemi di sonno era egualmente maggior per le donne con il diabete. Sebbene questa associazione sia dimostrata in quattro razziale/gruppi etnici importanti negli Stati Uniti era particolarmente pronunciata in donne asiatiche.

I risultati di studio compaiono nell'articolo “sintomi in relazione con il sonno delle donne di metà della vita con e senza il diabete di tipo 2 mellito.„

Questo studio suggerisce i sintomi in relazione con il sonno peggiori in donne asiatiche postmenopausali con il diabete di tipo 2 rispetto a quelli senza diabete. Ulteriore studio è necessario, dato le limitazioni dell'analisi, ma punti culminanti di questo rapporto il fatto che dormono problemi sono donne in- comuni di metà della vita. Il sonno è un determinante importante di salubrità e le donne con sonno difficile dovrebbero essere vedute e valutate per i disordini di sonno comuni e trattabili quali insonnia, apnea nel sonno ostruttiva e la sindrome delle gambe senza riposo.

Dott. Stephanie Faubion, Direttore medico di NAMS