Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo composto ha potuto offrire la cardio protezione durante ed anche dopo l'attacco di cuore

Immagini che ci sia stato una droga che potreste catturare presto dopo che un attacco di cuore che potrebbe diminuire il danno proteggendo il tessuto sano del muscolo di cuore.

I cardiologi dicono che quando un attacco di cuore accade, il tempo è muscolo.„

Robert Gourdie, Direttore, istituto di ricerca biomedico di Fralin, centro di VTC per cuore e ricerca riparatrice della medicina

Senza ossigeno fornito tramite flusso sanguigno, le celle del cuore muoiono velocemente. Ma mentre un attacco di cuore può diminuire soltanto il sangue e l'ossigeno ad una sezione isolata di causare delle cellule del cuore che cosa è chiamato la lesione ischemica hypoxic quelle celle di morte inviano i segnali ai loro vicini.

“Il problema è che l'area del tessuto di morte non non quarantined. Le celle nocive del cuore cominciano spedire i segnali alle celle altrimenti in buona salute e la lesione diventa molto più grande,„ ha detto Gourdie, che è egualmente lo studioso eminente del fondo di commercializzazione della ricerca del commonwealth nella ricerca a ricupero della medicina del cuore ed in un professore nel dipartimento di assistenza tecnica biomedica ed in meccanici nella facoltà di ingegneria di tecnologia della Virginia.

Gli scienziati a volte chiamano questa diffusione dei segnali di lesione ai tessuti sani vicini “un effetto di spettatore.„

Ma che cosa se ci fosse un modo tenere la lesione localizzata al gruppo di celle che direttamente sono influenzate dalla lesione ischemica hypoxic, mentre permettendo che le celle di muscolo vicine del cuore rimangano intatte?

Uno studio pubblicato oggi (lunedì 19 agosto) nel giornale dell'associazione americana del cuore rivela che una nuova molecola sviluppata da un gruppo dei ricercatori piombo da Gourdie potrebbe contribuire a conservare il tessuto del cuore durante -; ed anche dopo -; un attacco di cuore.

Quasi una decade fa Gourdie, in collaborazione con un collega postdottorale nel suo laboratorio, Gautam Ghatnekar, ha inciampato attraverso una scoperta di promessa. Il gruppo di Gourdie ha scoperto un composto che mira all'attività dei canali in membrane cellulari responsabili degli aspetti chiave gestenti dell'effetto di spettatore.

Ma il composto, chiamato alphaCT1, egualmente ha avuto altro inatteso e gli effetti benefici, specialmente relativamente ad interfaccia feriscono la guarigione.

“Abbiamo trovato che ha contribuito a diminuire l'infiammazione, contribuita a guarire le ferite croniche quali le ulcere diabetiche del piede,„ abbiamo detto Gourdie.

Riconoscendo il potenziale del composto, Ghatnekar e Gourdie hanno fondato una società, FirstString Research Inc., per commercializzare alphaCT1, che è ora nei test clinici di fase III per il trattamento delle ferite.

Nel frattempo, Gourdie sta provando a capire come la droga lavora ad un livello molecolare, che piombo allo studio pubblicato appena nel giornale dell'associazione americana del cuore.

“Questo documento fa la domanda: come fa questo lavoro della droga del peptide realmente?„ Gourdie detto.

Il gruppo ha progettato le molecole con le leggere differenze chimiche dalla molecola del genitore, che piombo ad una scoperta inattesa. Una delle varianti alphaCT1 -; alphaCT11 chiamato -; ha mostrato più potenza che la molecola del genitore.

“AlphaCT11 sembra essere ancor più efficace che il peptide originale nei cuori proteggenti dalla lesione ischemica simile a quelle che accadono durante l'attacco di cuore,„ ha detto Gourdie.

Lo studio rivela che alphaCT11 dà seguito didiminuzione robusto, anche quando dato 20 minuti dopo la perdita di flusso sanguigno che provoca ferite ischemiche. Una volta messo alla stessa prova, il peptide del genitore non è sembrato fornire un effetto cuore-protettivo una volta amministrato dopo la lesione ischemica.

“AlphaCT11 potrebbe fornire la base affinchè un nuovo modo tratti gli attacchi di cuore ed impedire la diffusione di danno che si presenta subito dopo di un attacco di cuore,„ ha detto Gourdie.

I ricercatori hanno irrorato i cuori isolati del mouse del laboratorio, tenenti l'organo vivo e battenti per una serie di ore. Gli studi in corso, con collaborazione con il Antonio Abbate dell'università del commonwealth della Virginia e Stefano Toldo, esamineranno come alphaCT11 esegue in mouse in tensione.

Gourdie egualmente sta mettendo a punto i nuovi metodi per la consegna del alphaCT11 facendo uso delle goccioline minuscole naturale-derivate del lipido chiamate exosomes. Questi più nuovi esperimenti potrebbero fornire un calcolo facente un passo verso i test clinici in pazienti che hanno sofferto un attacco di cuore.