I ricercatori di SLU ricevono $2,1 milioni per trovare i farmaci di dolore non inducenti al vizio

Influenze neuropatiche di dolore fra 15 e 20 milione di persone negli Stati Uniti. Questo tipo di dolore può accadere dopo le lesioni al sistema nervoso dovuto il trauma, la malattia o l'esposizione alle neurotossine, includenti dopo la chemioterapia.

Eccessivamente difficile trattare, queste lesioni causano i cambiamenti cronici nella sensibilità sia agli stimoli nocivi che inoffensivi. C'è un'esigenza disperata di nuovi farmaci che non causano gli effetti secondari e la dipendenza gli antidolorifici narcotici di modo faccia.

Il ricercatore Daniela Salvemini, Ph.D. di dolore di Saint Louis University, ha speso la sua carriera studiante il dolore neuropatico cronico per trovare i nuovi modi trattarlo con le medicine basate non opioide. Grazie ad una nuova concessione $2.156.764 dagli istituti della sanità nazionali, studierà una promessa ma poco via capita di segnalazione di dolore nelle speranze di apertura del viale nuovo per la ricerca del farmaco di dolore.

La scoperta di nuovi cavi per i farmaci di dolore non inducenti al vizio avrà un impatto enorme per l'aiuto dei pazienti cronici di dolore.„

Daniela Salvemini, Ph.D., ricercatore di dolore, Saint Louis University

Salvemini, che è presidenza di interim e di professore di farmacologia e della fisiologia a SLU, egualmente dirige il Henry ed il centro di Amelia Nasrallah per la neuroscienza alla Saint Louis University. Formato da quasi 80 membri attraverso 27 dipartimenti, il centro mira ad aprire i misteri del sistema nervoso nella salubrità e nella malattia con ricerca pluridisciplinare nella neuroscienza.

Nello studio corrente, Salvemini collaborerà con il membro concentrare Gina Yosten, il Ph.D., il professore associato di farmacologia e la fisiologia a SLU.

I ricercatori costruiranno sulla ricerca precedente che suggerisce che spegnebbi una piccola molecola, GPR160, potrebbe anche spegnere il dolore.

GPR160 è espresso nel sistema nervoso centrale, includente nel midollo spinale. La ricerca suggerisce che i segnali introdotti il midollo spinale da GPR160, con CARTp, (peptidi di cui i livelli aumentano la seguente esposizione alle sostanze come cocaina e le anfetamine), siano essenziali per lo sviluppo e la persistenza di dolore neuropatico.

Salvemini ed il suo gruppo sperano che bloccare questa via del sistema nervoso potrebbe essere una strategia per le nuove droghe che potrebbero fermare il dolore senza effetti secondari.

Negli studi Salvemini di esperienza e nel suo gruppo ha trovato che GPR160 mostra la promessa per le terapie non inducenti al vizio di controllo di dolore.

“Egualmente siamo riconoscenti al NIH/NINDS per il finanziamento del nostro lavoro. Ciò continua non solo a convalidare i nostri sforzi di ricerca ma anche contribuire noi a coltivare i nostri programmi scientifici verso la scoperta dell'non opioide novello basata facciamo soffrire le medicine,„ Salvemini ha detto.

“Egualmente sono molto emozionante circa questa collaborazione all'interno del Henry e del centro di Amelia Nasrallah per il centro della neuroscienza ed il dipartimento di farmacologia e della fisiologia. Tale sinergia è quasi determinata piombo alle nuove scoperte che infine piombo per migliorare la cura paziente,„ lei ha aggiunto.

Il partner di collaborazione Yosten di Salvemini egualmente spera che la ricerca piombo alle nuove opzioni per la gente che soffre con dolore neuropatico.

“Per me, questo è personale. Mia madre sta soffrendo dal dolore neuropatico indotto da chemioterapia severo dal completamento del suo trattamento per cancro al seno quasi 10 anni fa,„ ha detto Yosten. “Sono molto emozionante essere una parte di questa collaborazione con il Dott. Salvemini per studiare le nuove terapie possibili per aiutare mia madre e migliaia di pazienti come la sua sofferenza dal dolore neuropatico connesso con trattamento del cancro.„

Altri ricercatori di Saint Louis University sullo studio includono Willis Samson, Ph.D., D.Sc, professore di farmacologia e della fisiologia, Tim Doyle, Ph.D., professore della ricerca del socio di farmacologia e della fisiologia e Grant Kolar, M.D., il Ph.D., professore di aiuto della ricerca di patologia.

Presa-aways

  • Influenze neuropatiche di dolore fra 15 e 20 milione di persone negli Stati Uniti
  • Eccessivamente difficile trattare, questo tipo di dolore può accadere dopo le lesioni al sistema nervoso dovuto il trauma, la malattia o l'esposizione alle neurotossine.
  • Grazie ad una nuova concessione $2.156.764 dagli istituti della sanità nazionali, scienziati di SLU studieranno una piccola molecola, GPR160 nelle speranze di individuazione dei viali nuovi per i farmaci di dolore senza effetti secondari o rischio di dipendenza.
  • La scoperta di nuovi cavi per i farmaci di dolore non inducenti al vizio avrebbe un impatto enorme per l'aiuto dei pazienti cronici di dolore.