Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo laboratorio-su-un-chip ha potuto aiutare lo sviluppo delle terapie dicoagulazione del romanzo

Un laboratorio minuscolo la dimensione di un francobollo ha potuto essere la grande cosa seguente nella ricerca delle droghe dicoagulazione più sicure per impedire gli attacchi di cuore ed i colpi.

L'efficacia del farmaco dicoagulazione corrente può essere limitato dovuto il rischio di complicazioni, determinante un'esigenza delle alternative che possono sia impedire la formazione di coaguli di sangue che diminuire il rischio di eccessivo e spurgo pericoloso.

Il nuovo laboratorio-su-un-chip biocompatibile, dettagliato in un documento pubblicato recentemente in chimica analitica del giornale, ha potuto contribuire ad accelerare la scoperta e lo sviluppo di nuove terapie dicoagulazione.

La tecnologia è stata sviluppata da un gruppo dei biochimici e degli ingegneri piombo dalla RMIT University e dal gruppo delle Micro-piattaforme dell'ematologia al centro australiano per le malattie del sangue (ACBD) a Melbourne, Australia.

Efficacemente restringe un laboratorio di patologia medico su un piccolo chip, con i trattamenti automatizzati che possono raggiungere in pochi minuti che cosa potrebbe richiedere i giorni in un laboratorio 100%.

La nuova unità è destinata specificamente per funzionare con la biologia complessa e sensibile di sangue, caratterizzante un sistema unico dei micropumps e degli strumenti di analisi per verificare l'effetto dei composti chimici su come i coaguli di sangue.

Il Dott. Warwick Nesbitt, RMIT e Monash University del principale inquirente, sta lavorando con i collaboratori al ACBD per utilizzare l'unità aprente la strada per capire meglio i meccanismi di coagulazione e per sviluppare le nuove droghe dicoagulazione.

Nesbitt ha detto che molto pochi microdevices sviluppati fin qui erano adatti ad uso della ricerca o clinico, perché non erano stati guidati da comprensione in come il sangue realmente si comporta.

“Il sangue è molto facilmente estremamente sensibile alle superfici ed ai grumi artificiali, in modo da sangue-trattare le tecnologie deve essere ugualmente sensibile,„

Nesbitt, il ricercatore senior di un rettore a RMIT e la guida del gruppo a ACBD, hanno detto.

“Abbiamo combinato una comprensione profonda della biologia di sangue con assistenza tecnica e progettazione di microfabbricazione di precisione, per consegnare un'unità che può funzionare con intero sangue e fornire i risultati affidabili.

“Speriamo che questo nuovo strumento potente dia a ricercatori una barriera nei trattamenti dicoagulazione migliori e più sicuri di consegna, per migliorare la salubrità ed il benessere di milioni intorno al mondo.„

il Dott. Crispin Szydzik dell'autore del Co-cavo ha detto che l'unità potrebbe imitare i termini all'interno dei vasi sanguigni.

“È un punto chiave verso lo sviluppo dei microsistemi rapidi ed efficienti per la selezione ed i sistemi diagnostici preclinici e clinici dell'ematologia.„

Miele I restretto il laboratorio: come funziona

Il microlab può schermare le centinaia di composti della droga appena in alcune ore, rivelanti il loro effetto su sangue ed identificanti rapidamente quelle che hanno la maggior parte del potenziale per uso clinico.

L'unità è basata sulla tecnologia microfluidic del chip sviluppata alla micro funzione di ricerca nana di RMIT (MNRF) ed all'interno del laboratorio di biologia vascolare (ACBD - Monash University).

Un chip microfluidic contiene una schiera dei canali, delle valvole, delle aziende di trasformazione e delle pompe miniatura che può manipolare precisamente e flessibilmente i liquidi.

I chip combinano la velocità, la trasferibilità e la capacità, trattanti le vaste quantità di elementi minuscoli di trattamento. D'importanza, sono egualmente evolutivi ed economici produrre.

La tecnologia microfluidic si è combinata con un'analisi sensibile per le prove come le piastrine - la componente di sangue che forma i grumi - rispondono alle combinazioni chimiche differenti.

In un'applicazione del proof of concept, il microlab è stato usato per studiare come dosare il sangue con i piccoli inibitori selezionati della molecola pregiudica la dinamica dell'embolo della piastrina, cioè, come le piastrine si agglutinano insieme.

I risultati di promessa hanno dimostrato che il laboratorio-su-chip automatizzato potrebbe gestire esattamente il flusso sanguigno, consegnare e mescolare i composti della droga con sangue nei secondi ed inviare il sangue dosato ad un sistema di prova a valle dell'embolo.

Direttore di MNRF, il professor distinto Arnan Mitchell, ha detto che le tecnologie attuali per le prove dei composti chimici nel sangue sono altamente ad alto contenuto di manodopera e che richiede tempo, limitando quanto possono essere schermati in qualunque momento.

“La nostra unità permette ai ricercatori di inviare le centinaia di combinazioni potenziali attraverso il sistema, mescolante li estremamente rapido con il sangue e consegnanti i risultati appena in alcuni minuti,„ Mitchell ha detto.

“Piccolo, mirato a, automatizzato e renda paricolare - è il futuro della tecnologia dello sviluppo della droga.„

La ricerca, con co-cavo l'autore Rosa Brazilek (Monash University) ed i collaboratori dall'università di Melbourne, è pubblicata in chimica analitica (DOI: 10.1021/acs.analchem.9b02486).

Source:
Journal reference:

Szydzik, W. et al. (2019) Active Micropump-Mixer for Rapid Antiplatelet Drug Screening in Whole Blood. Analytical Chemistry. doi.org/10.1021/acs.analchem.9b02486