Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio scopre il collegamento fra zinco dietetico e la protezione contro lo streptococco pneumoniae

I ricercatori hanno scoperto un collegamento cruciale fra l'assunzione dello zinco e la protezione dietetiche contro lo streptococco pneumoniae, la causa batterica primaria di polmonite.

Globalmente, è stimato che quasi due miliardo genti soffrano dalla carenza di zinco, ma perché questo aumenta la predisposizione all'infezione batterica bene non è stato capito - finora.

L'università di professore associato Christopher McDevitt, una testa di Melbourne del laboratorio all'istituto di Doherty, piombo un gruppo interdisciplinare facendo uso delle tecniche di rappresentazione avanzate rivelare come il sistema immunitario usa lo zinco come un antimicrobico per la protezione durante l'attacco dallo streptococco pneumoniae.

Pubblicato oggi negli agenti patogeni di PLOS, il gruppo che l'università inclusa di Dott. Bart Eijkelkamp del ricercatore di Adelaide, dal centro di ricerca per le malattie infettive, ha confrontato infezioni in mouse ha alimentato con differenti livelli di zinco.

Hanno trovato che i mouse con l'assunzione più bassa dello zinco hanno soccombuto all'infezione fino a tre volte velocemente perché i loro sistemi immunitari hanno avuti zinco insufficiente da aiutare nell'uccisione dei batteri.

Lo zinco dietetico è associato con la funzione e la resistenza immuni all'infezione batterica, ma come fornisce la protezione è rimanere evasiva.

Il nostro lavoro indica che lo zinco è mobilizzato ai siti dell'infezione in cui sollecita i batteri d'invasione ed aiuta le celle immuni specifiche ad uccidere lo streptococco pneumoniae.„

Dott. Bart Eijkelkamp, università di Adelaide

Questo lavoro egualmente ha tradotto i sui risultati indicando che le celle immuni umane specifiche potrebbero usare lo zinco per migliorare la loro uccisione dello streptococco d'invasione pneumoniae.

“I risultati in questo documento sono un risultato diretto dell'applicazione di tecnologia dell'immagine elementare novella per scoprire le relazioni che precedentemente sono state nascoste all'analisi e un testamento a collaborazione inter-disciplinare,„ ha detto il professor Philip Doble, Direttore della funzione elementare della Bio--rappresentazione all'università tecnologica Sydney e un co-author dello studio.

La polmonite rappresenta più di un milione di morti ogni anno, con il più grande carico di salubrità in paesi in cui la carenza di zinco rimane frequentemente una sfida sociale importante.

“I nostri risultati evidenziano l'importanza di assicurazione della sufficienza dietetica dello zinco come componente di tutta la strategia popolazione di ampiezza per gestire il carico della malattia pneumococcica insieme con la vaccinazione ed altri approcci antimicrobici,„ il professore associato McDevitt ha detto.