Strategia nuova di promessa per trattare malattia severa di febbre rompiossa sull'orizzonte

I ricercatori piombo da Duca-NUS facoltà di medicina hanno scoperto quel tryptase, un enzima in cellule umane che agisce come le forbici per tagliare le proteine vicine, è responsabili di dispersione del vaso sanguigno nella febbre emorragica di febbre rompiossa severa. L'individuazione suggerisce una nuova strategia possibile del trattamento facendo uso dell'inibitore di tryptase, mesylate del nafamostat, per la malattia severa di febbre rompiossa - uno stato potenzialmente interno per cui non c'è nessun trattamento mirato a attualmente disponibile.

Il virus di febbre rompiossa infetta globalmente ogni anno circa 390 milione di persone, causando la morbosità e la mortalità sostanziali. Mentre la maggior parte dei pazienti avvertono le dengue o un modulo delicato della malattia, una piccola percentuale sviluppa la febbre emorragica di febbre rompiossa (DHF), l'avvenimento più severo di febbre rompiossa in cui il sangue “cola„ dai vasi sanguigni rotti. Ciò può piombo alla sindrome di scossa di febbre rompiossa (DSS) - lo stadio finale di DHF - dove l'apparato circolatorio si guasta, inviando l'organismo nello spurgo e nella scossa, che è interna senza trattamento rapido. Come i pazienti di febbre rompiossa continuano a sviluppare queste circostanze gravi chiaramente non erano stati capiti e, di conseguenza, nessun trattamento mirato a è stato sviluppato per evitare che hemorrhaging o invertire la scossa in pazienti infettati.

Abbiamo scoperto che, in casi gravi, un enzima particolare chiamato tryptase taglia le proteine che fungono da guarnizioni fra le celle del vaso sanguigno, con conseguente dispersione del vaso sanguigno e scossa durante l'infezione di febbre rompiossa.„

Assistente universitario Ashley St John, dal programma delle malattie infettive di Duca-NUS'Emerging, autore corrispondente dello studio.

Sulla base di questa individuazione, il gruppo ha voluto sapere se una droga specifica al tryptase d'inibizione potesse essere usata per trattare hemorrhaging. Il mesylate di Nafamostat, un inibitore clinico-approvato di tryptase con un buon profilo di sicurezza, è stato provato facendo uso dei modelli preclinici. Hanno trovato quell'amministrazione di questa droga, che già è utilizzata per il trattamento di determinate complicazioni di spurgo in alcuni paesi, dispersione vascolare impedita nel modello di febbre rompiossa. Anche il trattamento in ritardo con la droga era significativamente efficace nella diminuzione della dispersione vascolare di febbre rompiossa in un modello preclinico della malattia severa. Il gruppo egualmente ha osservato che livelli di tryptase era molto alto nel sangue dei pazienti severi di febbre rompiossa che hanno sperimentato DHF/DSS, ma nel minimo in pazienti che hanno recuperato facilmente, affermanti il collegamento fra gli alti livelli dell'enzima e la malattia severa di febbre rompiossa.

“Corrente, soltanto la cura complementare è a disposizione dei pazienti che soffrono dalla malattia severa di febbre rompiossa, senza il trattamento mirato a per questo stato potenzialmente interno. Crediamo il nostro aumento di risultati la possibilità di sviluppare i nuovi trattamenti mirati a per febbre rompiossa e, specificamente, un che potrebbe potere impedire la scossa,„ prof. aggiunto St John di Asst.

“Corrente stiamo sperimentando un impulso nei casi di febbre rompiossa a Singapore,„ ha detto il professor Patrick Casey, decano vice senior per la ricerca a Duca-NUS. “Questo studio tempestivo dai nostri ricercatori non solo dà la speranza affinchè una strategia nuova di promessa tratti la malattia severa di febbre rompiossa, ma potrebbe anche avere più vaste implicazioni per il trattamento di altre malattie emorragiche.„

Gli autori di studio dicono che il punto seguente è di condurre i test clinici per provare se gli inibitori di tryptase possono invertire la dispersione vascolare di febbre rompiossa ed impedire la scossa in esseri umani.

Source:
Journal reference:

Rathore, A.P.S. et al. (2019) Dengue virus–elicited tryptase induces endothelial permeability and shock. Journal of Clinical Investigation. doi.org/10.1172/JCI128426.