Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati scoprono l'obiettivo novello potenziale per la cura del tumore al cervello micidiale

Gli scienziati a USC ed a Uc San Diego hanno scoperto un obiettivo novello potenziale per il trattamento del glioblastoma, il tumore al cervello micidiale che ha richiesto la vita di senatore John McCain ed uccisioni 15.000 Americani all'anno.

L'obiettivo è “l'orologio„ circadiano trovato all'interno delle cellule staminali del tumore, che governa come il tumore si sviluppa, moltiplica e sviluppa la resistenza ai trattamenti correnti.

“Pensiamo che questo stia aprendo la porta ad un intero nuovo intervallo delle terapie,„ ha detto Steve Kay, professore del prevosto della neurologia, dell'assistenza tecnica biomedica e delle scienze biologiche alla scuola di medicina di Keck di USC, che sta lavorando con i ricchi di Jeremy, un neuro-oncologo all'università di California, San Diego che si specializza in tumori cerebrali maligni. “È un grande esempio di collaborazione e di convergenza.„

Kay e rapporto ricco i loro risultati oggi nella scoperta del Cancro.

Glioblastoma è raro ma adulti quasi sempre interni e notevoli nel loro mid-60s. La sopravvivenza media è di soltanto 15 mesi. Quello è perché questo tipo di cancro si infiltra nel tessuto cerebrale circostante, rendente lo impossible sradicare, anche dopo chirurgia, radiazione e la chemioterapia. Il tumore ritorna, crescendo dalle cellule staminali testarde del cancro lasciate.

Ora gli scienziati stanno mettendo a fuoco su una nuova vulnerabilità potenziale in quelli sinistro-dietro le cellule staminali.

Kay è un pioniere nello studio dei ritmi circadiani e degli orologi circadiani biochimici che regolamentano le centinaia di attività, da sonno a digestione alla temperatura corporea.

Gli orologi circadiani sono compresi le molecole di proteina specifiche che interattivo in celle in tutto l'organismo, gestente come si sviluppano, ripieghi e ripari il danneggiamento del loro DNA. Quando la sincronizzazione circadiana è fuori in celle, può causare la malattia. Orologi biologici che eseguono il risultato veloce o lento della latta nei ritmi circadiani interrotti o anormali, aumentanti il rischio di sviluppare cancro qualche gente.

Quando il gruppo in primo luogo ha esaminato gli orologi biologici delle cellule staminali di glioblastoma in laboratorio, Kay ha detto che i ricercatori le hanno trovate “sugli steroidi, su overdrive.„ L'orologio circadiano delle cellule stava arrampicando il metabolismo delle cellule, rendendo le celle più forti e più resistenti al trattamento e capaci di dividersi rapido e moltiplicarsi.

In collaborazione con il Pharma di sincronia, una società di biotecnologia con sede a San Francisco, hanno usato una droga della piccolo-molecola per mirare alle proteine negli orologi circadiani delle cellule staminali per interrompere la loro attività. Il metabolismo arrampicato ridotto e le celle sono morto rapidamente.

“Questa era una direzione, risultato stupefacente nessuno realmente preveduto,„ Kay ha detto. le droghe della Piccolo-molecola possono entrare facilmente nelle celle ed in questo caso, attraversi la barriera ematomeningea nei modelli del mouse della malattia.

Dopo, i ricercatori hanno provato la droga della piccolo-molecola in un modello animale del glioblastoma. Hanno trovato che i modelli animali hanno vissuto più lungamente ed il tumore si è restretto nella dimensione.

Ciò stende il fondamento affinchè noi esplori questa come terapia innovatrice per il glioblastoma. Nell'immediato futuro, stiamo andando fare più lavoro con i modelli animali del tumore e paragonare la nostra nuova droga al livello di cura corrente. Forse possiamo l'un giorno contribuire verso soddisfare questa esigenza medica insoddisfatta terribile.„

Steve Kay, professore del prevosto di neurologia, di assistenza tecnica biomedica e di scienze biologiche, scuola di medicina di Keck di USC