La consegna prevista iniziale diminuisce l'impatto di pre-eclampsia prematura

Medici lungamente hanno dibattuto durante il momento ottimale di consegnare le madri con pre-eclampsia nella gravidanza recente (dopo 34 ma prima di 37 settimane completate). Ciò è perché la consegna troppo iniziale compromette la salubrità del bambino, mentre l'atto in ritardo può mettere in pericolo la salubrità della madre.

Un nuovo studio dai ricercatori dell'College Londra di re indica che pianificazione una consegna iniziale taglia le probabilità delle complicazioni dovuto ipertensione in tali gravidanze. La ricerca è pubblicata in The Lancet ed è costituita un fondo per dall'istituto nazionale per la ricerca di salubrità (NIHR).

l'Pre-eclampsia è un aumento unico di pressione sanguigna relativo alla gravidanza, che ha implicazioni per molti organi. Mentre uno in dieci donne incinte sviluppa l'ipertensione, solo circa 3% realmente hanno pre-eclampsia, che è tracciata da danneggiamento degli organi multipli. Nel Regno Unito pregiudica circa 40.000 donne all'anno e richiede alle vite di 100 donne intorno al mondo ogni giorno.

l'Pre-eclampsia è causata tramite le alterazioni nella funzione sia della placenta che dei vasi sanguigni materni. Porta un ad alto rischio delle complicazioni per sia la madre che il bambino. Questi comprendono il colpo, il danno di fegato, la lesione del rene, o la morte, nelle donne, mentre il bambino è a rischio della restrizione e la morte fetali della crescita.

Credito di immagine: Studio blu/Shutterstock del pianeta
Credito di immagine: Studio blu/Shutterstock del pianeta

A partire dall'oggi, la cura standard significa una valutazione iniziale della madre e del feto, con la consegna che si è consigliata una volta che 37 settimane sono complete. Ciò è perché i rischi materni e fetali sono minimi a questa età. Fra 34-37 settimane, chiamate pre-eclampsia prematura recente, i rischi di consegna immediata devono essere considerati contro quelle di continuazione della gestione in grande aspettativa. Se consegnato immediatamente, il bambino richiederà la cura per immaturità degli organi fetali. Se la gravidanza è continuata, la madre è messa al rischio aumentante, mentre il bambino può soffrire dalla crescita sempre più difficile, può morire in utero, o può avere bisogno di una consegna di emergenza.

Nel Regno Unito, le donne con questa circostanza sono guardate solitamente fino a 37 settimane, a condizione che se la severità aumenta significativamente la consegna sia accelerata. Tuttavia, è questo realmente il migliore corso? Questa prova puntata su rispondendo a questo problema.

Come è stato fatto?

Un nuovo studio è stato effettuato in 901 madre a 46 centri nel Regno Unito, che sono stati ripartiti con scelta casuale a due gruppi paralleli. Tutte le donne hanno avute ipertensione dovuto la gravidanza a 34 - 37 settimane e unico nato o gemelli diamniotic dichorionic.

Un gruppo è stato gestito dalla consegna iniziale prevista, mentre l'altro gruppo ha ricevuto il protocollo in grande aspettativa usuale di cura.

Nel gruppo con la consegna prevista, i corticosteroidi sono stati dati immediatamente e la consegna pianificazione (comunque non raggiunto in tutti i casi) in 48 ore della diagnosi. Gli steroidi sono stati dati per aiutare i polmoni fetali per maturare più velocemente. Il lavoro è stato indotto a meno che il taglio cesareo fosse indicato altrimenti.

Nel gruppo in grande aspettativa di cura, le donne hanno ricevuto la gestione medica usuale sotto gli specialisti, mentre guardavano per le complicazioni come gli aumenti incontrollati nella pressione sanguigna, le anomalie nelle prove del rene o del fegato, o altri parametri di sangue, segni della privazione fetale dell'ossigeno, o eclampsia (convulsioni). Se qualcuno di questi accaduto, o se la donna raggiungesse 37 settimane complete, la consegna è stata raggiunta.

I ricercatori hanno cercato una combinazione di complicazioni materne e di pressione sanguigna sistolica pari o al di sopra di 160 mmHg. In bambini, hanno cercato una combinazione di morti intorno al periodo della consegna con l'ammissione all'unità di cure intensive neonatale (NICU).

Le complicazioni materne hanno incluso quanto segue:

  • pressione sanguigna sistolica registrata almeno di 160 millimetri
  • morte
  • le complicazioni neurologiche gradiscono l'eclampsia, il colpo o gli attacchi ischemici transitori, la cecità corticale (perdita visiva con gli occhi normali)
  • complicazioni cardiache come l'esigenza di tre droghe antipertensive, di infarto, di attacco di cuore, di angina, dell'esigenza di intubazione, o dell'edema polmonare (fluido nei polmoni)
  • le complicazioni in relazione con il sangue gradiscono un calo in piastrine o nelle complicazioni di spurgo
  • disfunzione del fegato, rottura del fegato o ematoma del fegato
  • danno del rene, insufficienza renale acuta o dialisi
  • abruption placentare (separazione della placenta dall'utero prima della nascita)

Complicazioni perinatali incluse:

  • Morte entro 7 giorni della consegna
  • Morti perinatali (appena prima o dopo la consegna)
  • Ammissione di NICU

Che cosa lo studio ha trovato?

Le complicazioni materne erano 14% più di meno nel gruppo che ha avuto una consegna iniziale prevista. I bambini in questo gruppo anche hanno avuti un miglioramento di 26% nel risultato. Questo gruppo di madri ha dato alla luce i circa 5 giorni più presto, in media, ma le probabilità della consegna vaginale spontanea erano più alte. Il numero degli eventi avversi seri era simile in entrambi i gruppi.

Lo studio indica che pianificazione per una consegna iniziale nella gravidanza prematura recente con ipertensione è associato con un'incidenza più bassa delle complicazioni materne e fetali come pure con le riduzioni dei costi. Mentre più bambini sono stati ammessi al NICU, le complicazioni in relazione con il bambino globali sono rimanere stabili. Cioè questi bambini non hanno richiesto più ossigeno o ventilazione, nessuna hanno dovuto restare più lungamente nel NICU. Mentre i risultati potrebbero avere bisogno di di essere regolato per la penuria delle risorse nelle impostazioni a basso reddito, i vantaggi del feto nato morto più basso potrebbero ancora superare i rischi in peso di prematurità in questa situazione.

In considerazione di questi vantaggi, il ricercatore Lucy Chappell dice, “medici e le donne dovranno considerare il rapporto tra le complicazioni materne più basse e l'ipertensione severa contro le ammissioni più neonatali dell'unità, ma i risultati di prova ci dicono che questi bambini non erano più malati dal essere sopportato più presto. Suggeriamo che questi risultati dovrebbero essere discussi con le donne con pre-eclampsia prematura recente per permettere il processo decisionale comune sulla sincronizzazione della consegna.„

Journal reference:

Planned early delivery or expectant management for late preterm pre-eclampsia (PHOENIX): a randomised controlled trial. Lucy C Chappell, Peter Brocklehurst, Marcus E. Green, Rachael Hunter, & Pollyanna Hardy. The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(19)31963-4. https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(19)31963-4/fulltext

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, August 29). La consegna prevista iniziale diminuisce l'impatto di pre-eclampsia prematura. News-Medical. Retrieved on December 11, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20190829/Early-planned-delivery-reduces-impact-of-preterm-pre-eclampsia.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "La consegna prevista iniziale diminuisce l'impatto di pre-eclampsia prematura". News-Medical. 11 December 2019. <https://www.news-medical.net/news/20190829/Early-planned-delivery-reduces-impact-of-preterm-pre-eclampsia.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "La consegna prevista iniziale diminuisce l'impatto di pre-eclampsia prematura". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190829/Early-planned-delivery-reduces-impact-of-preterm-pre-eclampsia.aspx. (accessed December 11, 2019).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. La consegna prevista iniziale diminuisce l'impatto di pre-eclampsia prematura. News-Medical, viewed 11 December 2019, https://www.news-medical.net/news/20190829/Early-planned-delivery-reduces-impact-of-preterm-pre-eclampsia.aspx.