Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Monolinguals che vive in un ambiente linguisticamente diverso ha un vantaggio nell'apprendimento delle lingue

I numerosi studi hanno notato i vantaggi del cervello che vengono da essere bilingue - fra loro ha aumentato della la funzione conoscitiva livella del dirigente ed i quattro alla mora quinquennale nel rischio di sviluppare i sintomi di demenza. Una nuova università di California, studio di Irvine, tuttavia, ha trovato che i monolinguals che vivono in un ambiente linguisticamente diverso possono raccogliere alcune ricompense appena essendo nelle vicinanze dei linguaggi multipli.

Il fenomeno è conosciuto come diversità linguistica ambientale e mostriamo che - facendo uso di attività di cervello Elettroencefalogramma-misurata - quella ha l'impatto di aumento dell'attività di cervello monolingue simile a cui vediamo in persone bilingui, anche se la persona non parla o non capisce un secondo linguaggio.„

Co-author Judith Kroll, professore distinto UCI di scienza di linguaggio

Kroll ed il dottorando Kinsey Bice, ora un ricercatore postdottorale all'università di Washington, hanno cominciato la loro ricerca su attività di cervello monolingue relativa all'esposizione di linguaggio alla Pennsylvania State University nel 2015. Hanno continuato il loro lavoro dopo le rilocazioni all'università di California, riva del fiume nel 2016 e a UCI nel 2019. Hanno esaminato come gli altoparlanti di unico linguaggio hanno risposto neurale e relativamente al comportamento quando presentato con una nuova lingua straniera, in questo caso finlandese.

“Finlandese è stato usato perché aderisce ad armonia di vocale, un vincolo fonologico su come le parole sono che impedisce le vocali di fronte l'co-avvenimento con le vocali arretrate,„ Bice formato hanno detto. “Abbiamo provato indipendentemente da fatto che i monolinguals avrebbero potuti individuare, estrarre e generalizzare implicitamente questi reticoli alle nuove parole.„

In studio, 21 femmina e 13 maschi varianti nell'età da 18 a 35 chi ha identificato mentre gli altoparlanti indigeni di inglese soltanto hanno partecipato in una serie delle lezioni di vocabolario e delle prove finlandesi della comprensione mentre indossando un cappuccio di elettroencefalogramma che ha misurato l'attività di cervello. Dei 34 partecipanti, 18 provenivano dalla contea di Centre, la Pensilvania - un'area che l'Ufficio censimento degli Stati Uniti riferisce come 85,4 per cento di bianco in uno stato con appena 10,3 per cento della popolazione che vive in una casa in cui un linguaggio all'infuori dell'inglese è parlato.

Nella California del sud - dove lo studio ha riattivato - 44 per cento della popolazione vivono in una casa non di lingua inglese e nella contea di Riverside, 35,4 per cento della popolazione sono bianchi. Alla riva del fiume del UC, 16 oggetti monolingue della ricerca hanno completato le stesse mansioni d'apprendimento dopo avere indossato i cappucci di elettroencefalogramma.

L'addestramento automatizzato ha presentato i partecipanti con 60 parole finlandesi mescolate con 45 nonwords che hanno violato la norma unica di armonia di vocale dettata dalla vocale utilizzata nella prima sillaba di una parola. Le parole reali sono state accompagnate da una maschera e da una pronuncia finlandese indigena, mentre le parole false non erano. Gli oggetti sono stati chiesti di imparare circa che genere di parole fa e non appartiene nella lingua finlandese. Lo scopo dello studio era di provare indipendentemente da fatto che i partecipanti avrebbero preso sulle violazioni di armonia di vocale ed avrebbero generalizzato il reticolo per distinguere reale dalle parole preparate.

I ricercatori hanno trovato quello relativamente al comportamento, nessuno dei due gruppo potevano fare questo. C'era, tuttavia, una profonda differenza nelle misure elettrofisiologiche degli oggetti della California del sud e della Pensilvania.

I cervelli dei monolinguals della California stavano distinguendo attendibilmente fra le parole precedentemente non viste ma reali e le violazioni finlandesi di armonia di vocale, provate da una positività recente anteriore - le onde cerebrali che sembrano dopo secondo mezzo che fosse veduto similmente in persone bilingui. Molti studi precedenti hanno indicato che c'è spesso una disparità nelle risposte del cervello e comportamentistiche, con il comportamento superante del cervello nel rivelare il nuovo apprendimento.

“Monolinguals che vive nei contesti linguisticamente diversi origlia regolarmente i linguaggi che non capiscono e che possono assorbire le informazioni su quei linguaggi nei modi che modellano le loro reti di linguaggio,„ Kroll dicono. “Tenendo conto delle conseguenze dell'ambiente ambientale insieme ad altre sorgenti della variazione determinata incornicerà un nuovo ordine del giorno importante per la ricerca sul linguaggio, sull'apprendimento e sulla cognizione.„

I risultati novelli sono stati pubblicati online in cervello & linguaggio. La ricerca è stata supportata dal National Science Foundation nell'ambito del numero BCS-1551892 di concessione.

Source:
Journal reference:

Bicea, K & Krollb, J.F. (2019) English only? Monolinguals in linguistically diverse contexts have an edge in language learning. Brain & Language. doi.org/10.1016/j.bandl.2019.104644.