Le perdite fluide di gestione del sale e del volume durante la maratona possono contribuire ad evitare la lesione dopo corsa del rene

La legenda specifica che dopo che l'esercito greco ha sconfigguto le forze persiane d'invasione vicino alla città della maratona in 490 B.C.E., il corriere che Pheidippides ha funzionato ad Atene per riferire la vittoria e poi immediatamente che ha cascato morto. La storia -- e la distanza Pheidippides ha coperto -- ha ispirato la maratona moderna, un concorso faticoso di 26,2 miglia che attira annualmente circa 1,3 milione guide per fare concorrenza nelle più di 800 corse giudicate mondiali.

Mentre il crollo di Pheidippides era più probabile determinato dai 300 miglia lo esegue secondo le informazioni ricevute ha fatto appena prima della sua “maratona,„ odierna fronte di taglio dei guide interurbani una minaccia fisica principalmente a breve termine ma ancora seria conosciuta come la lesione acuta del rene, o AKI. Ora, i risultati di nuovo studio dei guide maratona piombo dai ricercatori alla medicina di Johns Hopkins e l'Yale University indicano che il volume del sudore e le perdite (fluidi) del sodio del sudore, piuttosto che un aumento nella temperatura corporea di memoria, sono i contributori chiave a AKI dopo corsa.

Abbiamo saputo da uno studio precedente che tantissime maratonete hanno sviluppato AKI a breve termine che segue una corsa, in modo da dai noi abbiamo voluto più specificamente bloccare le cause. I nostri risultati suggeriscono che quella le perdite fluide di gestione del sale e del volume con un regime personale durante il periodo di tempo che circonda una maratona possano aiutare per diminuire il numero o per diminuire in seguito la severità delle incidenze di AKI.„

Chirag Parikh, Ph.D., Direttore della divisione di nefrologia alla scuola di medicina di Johns Hopkins University ed all'autore senior di nuovo documento

I ricercatori dicono che egualmente hanno trovato che i guide con AKI che segue una maratona avevano aumentato i livelli di proteine del siero di sangue conosciute come il copeptin. Se la connessione è confermata con gli studi futuri, dicono, copeptin potrebbero essere utili come biomarcatore durante l'addestramento per la predisposizione di predizione di post-maratona a AKI.

AKI, come descritto dalle fondamenta nazionali del rene, è “un episodio improvviso di danno del rene o dell'insufficienza renale che accade in alcune ore o in alcuni giorni.„ Induce i residui a accumularsi nel sangue, rendente lo duro affinchè i reni mantenga il bilanciamento corretto dei liquidi nell'organismo. I sintomi di AKI differiscono secondo la causa e possono includere: troppo poco urina che lascia l'organismo; gonfiando in cosciotti, caviglie ed intorno agli occhi; fatica; dispnea; confusione; nausea; dolore toracico; e in casi gravi, attacchi o coma. Il disordine è il più comunemente - veduto in pazienti ospedalizzati di cui i reni sono influenzati dallo sforzo e dalle complicazioni medici e chirurgici.

Similmente, una maratona sottopone un guida allo sforzo fisico continuo, il flusso sanguigno diminuito ai reni e gli importante crescite nella tariffa metabolica. Insieme, questi eventi sfidano severamente la capacità dell'organismo di tenere il volume, gli elettroliti ed i livelli di temperatura fluidi -- con le risposte regolarici ai cambiamenti in tutti e tre le -- in bilanciamento. Il risultato, come si vede in 82% dei guide valutato dagli stessi ricercatori in uno studio 2017 di Yale University, era AKI che ha stato in media i due giorni nella durata.

Per l'ultimo studio, lo scopo era di definire meglio i fattori di rischio ed il meccanismo per il problema esaminando 23 guide, le età 22-63, che ha fatto concorrenza nella maratona 2017 di Hartford in Connecticut.

I partecipanti erano volontari reclutati con i club correnti del locale ed il trattamento di registrazione della maratona. Diviso quasi ugualmente fra gli uomini e le donne, erano tutte guide esperti con un indice di massa corporea che varia fra 18.5-24.9 ed avevano completato almeno quattro corse più lungamente di 20 chilometri (12,4 miglia) nei tre anni precedenti.

L'urina ed i campioni di sangue sono stati raccolti dai partecipanti a tre punti di volta: 24 ore prima della maratona, entro 30 minuti di completamento la corsa e delle 24 ore dopo. I ricercatori hanno valutato i campioni per i livelli del sodio; biomolecole chiave quali la fosfochinasi di creatina, l'emoglobina, la proteina dell'urina e il copeptin; ed i biomarcatori si sono associati con la lesione del rene quali interleukin-18 e la lesione molecule-1 del rene.

Le toppe della raccolta del sudore sono state collocate sui guide prima della maratona e sono state recuperate al segno da 5 miglia (perché sono stato ugualmente saturate più ulteriormente nella corsa). La pressione sanguigna, la frequenza cardiaca ed il peso sono stati misurati a tutti e tre i punti di volta, mentre un bioharness indossato durante la maratona ha registrato continuamente la temperatura corporea.

Dodici dei 23 guide (55%) hanno sviluppato AKI dopo la corsa, mentre 17 (74%) hanno verificato il positivo ad indicatori che indicano una certa lesione ai tubuli renali, i portali minuscoli nei reni in cui il sangue è filtrato.

Nei guide con AKI dopo corsa, i ricercatori hanno osservato il sodio distinto e le perdite fluide del volume. La perdita mediana del sale era di 2,3 grammi, con una certa perdita fino a 7 grammi.

La perdita fluida del volume via sudore ha avuta un livello di punto mediano di 2,5 litri (5,2 pinte), fino ad un massimo di 6,8 litri (14,4 pinte). Per il confronto, un organismo da 155 libbre (70-kilogram) contiene circa 42 litri (85 pinte) di liquido.

Nucleo la temperatura corporea, mentre elevato significativamente in tutto una maratona, stato basicamente lo stessi per tutti i guide e quindi, non è stato considerato un fattore causale per AKI. Tuttavia, i ricercatori dicono che la combinazione di temperatura dell'alto-organismo con le perdite del sale e del liquido può aggiungere allo sviluppo della lesione del rene.

“Mettendo il sodio ed i numeri fluidi di perdita del volume nella prospettiva, la perdita mediana del sale per i guide di AKI era circa 1 1/4 di cucchiaino da caffè, o l'intero importo quotidiano raccomandato dall'associazione americana del cuore,„ Parikh dice. “La loro perdita fluida mediana del volume era equivalente al sudore fuori leggermente più di una bottiglia di soda da 2 litri. Oltre quello, abbiamo avuti prova che i guide non stavano continuando adeguatamente con quegli svuotamenti.„

A sua volta, Parikh dice, quell'omissione di saldare il sodio e le perdite fluide durante la maratona può rappresentare l'altra individuazione pertinente del nuovo studio: i livelli elevati del copeptin veduti in guide con AKI dopo corsa.

Copeptin è un precursore alla versione di vasopressina, un ormone secernuto dall'ipofisi in risposta al volume diminuito di sangue. Dice i nostri reni e vasi sanguigni di tenere sopra per innaffiare, impedendo un calo improvviso nella pressione sanguigna e nel crollo fisico.

“Nei guide che hanno sviluppato AKI, abbiamo trovato i livelli di copeptin fino a 20 volte superiori a coloro che non ha fatto,„ Parikh dice. “Questa è prova biologica che le vittime di AKI erano severamente volume giù.„

Poiché la vasopressina riduce il flusso sanguigno ai reni e fa diminuire la filtrazione e l'output renali dell'urina, aggiunge, anche può indurre l'infiammazione e la lesione ai tessuti del rene se secernuto per un periodo esteso. Ciò può spiegare perché tantissimi guide maratona ottengono AKI mentre quel fare concorrenza alle più brevi distanze non fa.

Parikh dice gli studi futuri, facendo uso di più grandi campioni, dovrà valutare se che ottimizzano il liquido e del sale i volumi in guide maratona abbassa le tariffe o diminuisce la severità di AKI dopo corsa. , Dice, i ricercatori vorrebbero ulteriormente seguire i guide che partecipano alle maratone multiple per cercare tutto il danno cumulativo del rene.

“Lo scopo a lungo termine sarà di documentare un guida determinato metabolico e sudare profilo per sviluppare un regime della sostituzione del sale e del liquido appena per lui o lei,„ dice. “Poi, i guide hanno potuto consumare questa bevanda personale durante la corsa per mantenere meglio il bilanciamento del sale e del liquido.„