Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La metilazione di MicroRNA può essere biomarcatore utile per la diagnosi iniziale del cancro

I livelli di molecole connesse con la funzione genetica, quale microRNA, possono essere un indicatore importante di attività anormale connesso con cancro. Tuttavia, piccolo è conosciuto circa come le molecole differenti sono alterate in celle cancerogene. Ora, i ricercatori dal Giappone hanno trovato un nuovo modo di distinzione cancerogeno dai tessuti non cancerogeni.

In uno studio pubblicato agosto nelle comunicazioni della natura, i ricercatori dall'università di Osaka hanno rivelato che la tariffa a cui le molecole del microRNA subiscono un trattamento chiamato metilazione può discriminare i malati di cancro dalle persone in buona salute.

L'espressione anormale della mostra di MicroRNAs nei tessuti del cancro ed è stabile in liquidi organici, rendenti loro un biomarcatore utile per cancro. Sebbene i microRNAs siano misurati generalmente in termini di livelli di espressione del RNA, questa tecnica manca della sensibilità e dell'accuratezza. Specialmente, sebbene i microRNAs fossero misurati ha basato sul presupposto che riconoscono e regolamentano gli obiettivi indipendentemente da indipendentemente da fatto che sono metilati, il loro atto può realmente variare secondo stato di metilazione. Ciò è qualcosa i ricercatori all'università di Osaka mirante per indirizzare.

Abbiamo trovato che un piccolo gruppo di microRNAs maturi è metilato, in grado di potenzialmente alterare il loro riconoscimento dell'obiettivo e della stabilità. Quindi, abbiamo voluto studiare se la metilazione potrebbe essere un indicatore importante della funzione anormale del microRNA.„

Masamitsu Konno, autore del co-cavo dello studio

per valutare il potenziale di metilazione del microRNA come un biomarcatore per la diagnosi iniziale del cancro, i ricercatori determinati se livelli di aumento metilato di RNAs o diminuzione in cellule tumorali. Per fare questa, hanno misurato i livelli di metilazione del microRNA nei campioni del siero dai pazienti con cancro del pancreas e comandi sani.

“Mentre abbiamo trovato il microRNA metilato nei campioni dai pazienti di cancro del pancreas, era o presente nei livelli molto bassi o assente nel gruppo di controllo,„ spiega l'autore senior dello studio Hideshi Ishii. “Più ulteriormente, i livelli di metilazione nei campioni del siero potevano distinguere i pazienti di cancro del pancreas in anticipo dai comandi sani con la sensibilità e la specificità estremamente alte.„

I ricercatori egualmente hanno trovato quello rispetto ai biomarcatori stabiliti, metilazione del microRNA erano un indicatore più potente del cancro del pancreas della fase iniziale.

“I nostri dati indicano che i livelli di microRNA metilato possono essere più utili di quelli di microRNA come biomarcatore per cancro gastrointestinale,„ dicono giugno Koseki, autore del co-cavo dello studio. “Chiarire i meccanismi da cui la metilazione regolamenta la funzione del microRNA in tutto le fasi differenti di cancro può facilitare lo sviluppo delle terapie mirate a, piombo ai risultati pazienti migliori.„

Poichè l'individuazione tempestiva ed il trattamento di cancro possono avere un effetto sostanziale su risultato paziente, i nuovi modi schermare per cancro potrebbero essere estremamente importanti. Dato i vantaggi riguardo ai biomarcatori esistenti per cancro, è possibile che la metilazione del RNA sia una componente importante dei sistemi futuri per rilevazione di cancro iniziale.

Source:
Journal reference:

Konno, M. et al. (2019) Distinct methylation levels of mature microRNAs in gastrointestinal cancers. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-019-11826-1.