Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli antibiotici orali che uccidono i microrganismi dell'intestino possono alterare la risposta immunitaria ai vaccini antiinfluenzali

Il microbiome umano normale dell'intestino è una comunità fiorente dei microrganismi, alcuni di cui possono pregiudicare il sistema immunitario umano. In un nuovo documento pubblicato questa settimana in cella, i ricercatori hanno trovato che gli antibiotici orali, che possono uccidere i microrganismi dell'intestino, possono alterare la risposta immunitaria umana alla vaccinazione stagionale di influenza. Il lavoro piombo dagli scienziati alla Stanford University ed è stato costituito un fondo per dall'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID), parte degli istituti della sanità nazionali.

Il gruppo di ricerca ha esaminato 33 partecipanti adulti in buona salute al loro studio. Un gruppo di 22 volontari è stato studiato durante la stagione 2014-2015 di influenza ed il secondo gruppo con 11 volontario è stato studiato durante la stagione 2015-2016 di influenza. Il gruppo di 22 volontari ha avuto alta immunità preesistente alle varietà virali di virus dell'influenza contenute nel vaccino antiinfluenzale stagionale 2014-2015. Il gruppo di 11 volontario ha avuto immunità bassa alle varietà virali dei 2015-2016 vaccini antiinfluenzali stagionali.

Tutti i partecipanti di studio hanno ricevuto un vaccino antiinfluenzale stagionale. La metà dei partecipanti ad ogni gruppo egualmente ha ricevuto un corso di cinque giorni di un regime antibiotico di vasto-spettro (che consiste della neomicina, delle vancomicine e del metronidazole) per via orale prima della ricezione del vaccino. Analizzando i campioni del siero di sangue e delle feci occors in diversi momenti fino a un anno dopo la vaccinazione, i ricercatori hanno tenuto la carreggiata la risposta immunitaria dei partecipanti ai vaccini antiinfluenzali come pure la diversità e l'abbondanza degli organismi nei loro microbiomes dell'intestino.

Come previsto, la maggior parte dei partecipanti che hanno ricevuto gli antibiotici sperimentati hanno diminuito i livelli di batteri dell'intestino. Inoltre, fra i 2015-2016 partecipanti che hanno avuti poca immunità priore agli sforzi vaccino del virus dell'influenza stagionale, un corso degli antibiotici ha ostacolato le loro risposte immunitarie ad una delle tre varietà virali di virus dell'influenza nel vaccino, un virus di H1N1 A/California-specific. Questo probabile indica che se sono esposte a questo virus H1N1 dopo la vaccinazione, questi partecipanti sarebbe meno protetto contro l'infezione con quello sforzo che la gente che non aveva ricevuto gli antibiotici, secondo gli autori. Ciò che trova supporta i risultati della ricerca più iniziali in mouse.

I ricercatori egualmente hanno trovato quella gente che ha catturato i cambiamenti sperimentati antibiotici ai loro sistemi immunitari che hanno promosso uno stato pro-infiammatorio, simili ad una circostanza veduta in adulti più anziani che hanno ricevuto i vaccini antiinfluenzali. I ricercatori ritengono che questo stato pro-infiammatorio sia collegato con il trattamento tramite cui il microbiome regolamenta il metabolismo di acido biliare--con meno microrganismi, questo trattamento è interrotto. I microbiomes degli esseri umani cambiano naturalmente mentre invecchiano ed i ricercatori suggeriscono che ulteriore ricerca su queste vie potrebbe fornire le comprensioni in perché gli adulti più anziani rispondono diversamente alla vaccinazione di influenza ed in perché hanno sistemi immunitari più deboli globalmente.

Source:
Journal reference:

Hagan, T. et al. (2019) Antibiotics-Driven Gut Microbiome Perturbation Alters Immunity to Vaccines in Humans. Cell. doi.org/10.1016/j.cell.2019.08.010.