Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Marrone ed ebreo SeniorLife sia sovvenzionato il sussidio federale per permettere all'espansione della ricerca di Alzheimer

L'istituto nazionale su invecchiamento (NIA) ha assegnato una concessione quinquennale preveduta per ammontare a $53,4 milioni alla Brown University ed all' ebreo basato a Boston SeniorLife (HSL) per piombo uno sforzo nazionale per migliorare la sanità e la qualità di vita per la gente che vive con il morbo di Alzheimer e le demenze riferite come pure i loro badante.

Insieme, le istituzioni creeranno un'incubatrice di collaborazione massiccia della ricerca per sviluppare le prove puntate su valutando gli interventi per il morbo di Alzheimer o la demenza Alzheimer's in relazione con (AD/ADRD).

Questa concessione rivoluzionerà l'infrastruttura nazionale per ricerca su come la cura è consegnata alla gente che vive con la demenza ed i loro badante. Il tasto sta capendo come catturare un'idea che ha funzionato in una situazione ideale e lo adatta in modo da può essere pilotato nel sistema nell'ambiente sudicio dei curante che esiste attraverso gli Stati Uniti„

MOR di Vincent, co-dirigenti della collaborazione e professore dei servizi sanitari, della polizza e della pratica al banco di Brown della salute pubblica

La concessione da NIA, da uno di 27 istituti e dai centri degli istituti nazionali per salubrità, supporterà l'incubatrice per i cinque anni futuri. Per Brown, la concessione traccia il più grande premio federale in cronologia dell'università.

L'incubatrice della ricerca, chiamata il NIA ha incluso i test clinici pragmatici di AD/ADRD (IMPATTO) Collaboratory, intraprenderà due obiettivi principali ad otto gruppi di lavoro che comprendono gli esperti da più di 30 centri di ricerca superiori. Il primo obiettivo è di costituire un fondo per e fornire l'assistenza specialistica a fino a 40 prove pilota che proveranno la non droga, ad interventi basati a cura per la gente che vive con la demenza. Il secondo obiettivo è di sviluppare i best practice per applicare ed interventi di valutazione per Alzheimer e cura di demenza e di dividerli con la comunità di ricerca at large.

“L'IMPATTO Collaboratory di NIA trasformerà la consegna, qualità e risultati di cura forniti agli Americani demenza ed ai loro badante accelerando la prova e l'approvazione agli degli interventi basati a prova all'interno dei sistemi sanitari,„ ha detto il Dott. Susan Mitchell, co-dirigenti della collaborazione, dello scienziato senior al Hinda di HSL e dell'istituto di Arthur Marcus per la ricerca invecchiante e professore di medicina alla facoltà di medicina di Harvard.

I 40 progetti pilota saranno inclusi in sistemi sanitari nell'ambiente e generare i dati necessari per informare le più grandi, prove definitive di supporto con il finanziamento federale, i ricercatori hanno detto.

I progetti trarranno giovamento da orientamento dalla comunità dei collaboratory degli esperti, che assisteranno alle preoccupazioni etiche (come come assicurare consenso informato dalla gente che vive con la demenza); supporto tecnico e generazione di dati sulle popolazioni del partecipante; statistiche e progettazione di progetto; consiglio su come misurare i risultati pazienti e badante-riferiti; diffusione dei risultati e degli sforzi massimizzare la probabilità dell'entrata in vigore; partnering con i sistemi sanitari interessati a prove la conduzione; amministrazione di progetto; preparandosi per i ricercatori minori; inclusione di ed applicabilità alla gente di tutti gli ambiti di provenienza e culture; e best practice impegnare la gente interessata a questo lavoro, compreso la gente che vive con la demenza ed i loro badante, sistemi sanitari e ricercatori.

I ricercatori a Brown e HSL hanno collaborato sulla ricerca di invecchiamento per quasi 40 anni. Il MOR è rinomato per la sua competenza nella misura di qualità e porta le decadi dei test clinici correnti di esperienza messi a fuoco sugli adulti più anziani all'interno dei sistemi sanitari nell'ambiente, compreso nei i centri esperti di professione d'infermiera. Mitchell, Direttore della ricerca palliativa di cura all'istituto di Marcus ed al co-direttore degli studi Interventional nel centro di invecchiamento, ha dedicato la sua carriera alla ricerca per migliorare la cura della gente che vive con la demenza, specialmente quelle negli stadi avanzati.

Per i quattro anni scorsi, il MOR e Mitchell hanno guidato co una prova sull'efficacia dei video che guidano i pazienti con la progettazione affinchè le preferenze di cura siano impiegati quando sono troppo inabilitanti per prendere le decisioni. Per quella prova, partnered con due grandi società per azioni del centro di professione d'infermiera.

“È tempo affinchè Alzheimer ed altre demenze ricevi lo stesso livello di fuoco e di investimento della ricerca di cancro,„ ha detto Louis Woolf, presidente e direttore generale di HSL. “Siamo fieri collaborare con la Brown University per parlare a questa epidemia nazionale che pregiudica non solo i pazienti, ma alle loro famiglie e badante pure.„

Presidente marrone Christina Paxson ha dichiarato che la concessione complementerà gli sforzi attraverso l'università per inventare i trattamenti e le tecnologie per indirizzare un'ampia varietà di malattie e di ferite in relazione con il cervello.

“Alzheimer e la demenza rimangono fra le malattie neurodegenerative dell'irritazione sia ai ricercatori che cercano le soluzioni che ai pazienti ed ai membri della famiglia,„ Paxson ha detto. “Questa concessione sfrutterà la potenza collettiva degli studiosi avanzati a Brown, l'ebreo SeniorLife ed attraverso la nazione avanzare la cura ed avere un impatto nell'ambiente positivo sulle persone il più direttamente influenzate da queste malattie.„

Nel migliore dei casi, i progetti pilota di un anno nasceranno con i professionisti all'interno dei sistemi sanitari commoventi, piuttosto che soltanto i ricercatori accademici, il MOR e Mitchell hanno detto. Configurazioni di questo scopo sulla missione del centro per qualità e l'innovazione a lungo termine di cura, che piombo l'amministrazione della concessione e sono basate al banco di Brown della salute pubblica. Il centro mette a fuoco sul partnering con gli innovatori, compreso i fornitori di cure mediche, per valutare le pratiche novelle migliorare la qualità dell'assistenza.

“Questa nuova concessione sfrutta il banco della profondità della sanità pubblica di competenza e resistenza di collaborazione per studiare esplorazione degli interventi con il potenziale di trasformare le durate di quelli che vivono con la demenza, con le vite delle loro famiglie e badante,„ ha detto Bess Marcus, il decano del banco.

Il MOR ha detto che la concessione $53,4 milioni è una fra molti esempi di come NIA sta supportando la ricerca nel rispetto dell'urgente e la salute pubblica crescente deve migliorare la cura per milioni di famiglie americane che affrontano il morbo di Alzheimer e le demenze relative. L'associazione del Alzheimer stima che mentre più di 5 milione Americani corrente vivono con Alzheimer o una demenza relativa, il numero si pensa che si raddoppi da ora al 2050. Il costo annuale corrente di cura di demenza supera $226 milioni all'anno negli Stati Uniti da solo.

“Il discorso nazionale intorno a Alzheimer e ad altre demenze sta sviluppandosi più alto di giorno in giorno mentre il numero degli Americani che soffrono con questa malattia aumenta esponenzialmente,„ ha detto il Dott. Lewis Lipsitz, Direttore dell'istituto di Marcus e dell'ufficiale accademico principale. “L'IMPATTO Collaboratory di NIA fornirà all'infrastruttura della ricerca ed alla comunità degli esperti stati necessari per condurre i test clinici nell'ambiente che incontreranno questa sfida frontalmente.„