Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Bere abituale del tè migliora la salubrità del cervello, manifestazioni di studio

Uno studio recente piombo dai ricercatori dall'università nazionale di Singapore (NUS) ha rivelato che i bevitori regolari del tè hanno organizzato meglio le regioni del cervello - e questa è associato con la funzione conoscitiva sana - confrontate ai bevitori del non tè. Il gruppo di ricerca ha fatto questa scoperta dopo l'esame dei dati neuroimaging di 36 adulti più anziani.

“I nostri risultati offrono la prima prova del contributo positivo di tè che beve alla struttura del cervello e che suggeriscono che quello tè bere regolarmente abbia un effetto protettivo contro il declino relativo all'età nell'organizzazione del cervello,„ assistente universitario spiegato Feng Lei del leader della squadra, che proviene dal dipartimento di medicina psicologica alla scuola di medicina di Lin del gabinetto di NUS Yong.

La ricerca è stata effettuata insieme ai collaboratori dall'università di Essex e dall'università di Cambridge ed i risultati sono stati pubblicati in giornale scientifico che invecchia il 14 giugno 2019.

Vantaggi di assunzione regolare di tè

Gli studi passati hanno dimostrato che l'assunzione del tè è utile alle sanità e gli effetti positivi comprendono il miglioramento dell'umore e la prevenzione della malattia cardiovascolare. Infatti, i risultati di uno studio longitudinale piombo da prof. Feng di Asst che è stato pubblicato nel 2017 hanno indicato che il consumo quotidiano di tè può diminuire il rischio di declino conoscitivo in persone più anziane da 50 per cento.

A seguito di questa scoperta, prof. Feng di Asst ed il suo gruppo ulteriore hanno esplorato l'effetto diretto di tè sulle reti del cervello.

Il gruppo di ricerca ha reclutato 36 adulti invecchiati 60 e sopra ed ha riunito i dati circa la loro salubrità, stile di vita e benessere psicologico. I partecipanti anziani anche hanno dovuto subire le prove e l'imaging a risonanza magnetica neuropsicologici (MRI). Lo studio è stato effettuato dal 2015 al 2018.

Analizzando i risultati conoscitivi della prestazione e della rappresentazione dei partecipanti, il gruppo di ricerca ha trovato che le persone che hanno consumato il tè verde, il tè del oolong, o il tè nero almeno quattro volte un la settimana per circa 25 anni hanno avuti regioni del cervello che sono state collegate in un più modo efficace.

Catturi l'analogia di traffico stradale come esempio - consideri le regioni del cervello come destinazioni, mentre le connessioni fra le regioni del cervello sono strade. Quando un sistema viario è organizzato meglio, il movimento dei veicoli e dei passeggeri è più efficiente ed usa meno risorse. Similmente, quando le connessioni fra le regioni del cervello sono strutturate, l'elaborazione delle informazioni può essere eseguita più efficientemente.

Abbiamo indicato nei nostri studi precedenti che i bevitori del tè hanno avuti migliore funzione conoscitiva rispetto ai bevitori del non tè. I nostri risultati attuali concernenti la rete del cervello supportano indirettamente i nostri risultati precedenti indicando che gli effetti positivi di bere regolare del tè sono il risultato dell'organizzazione migliore del cervello determinata impedendo la rottura alle connessioni interregionali.„

Feng Lei, assistente universitario, dipartimento di medicina psicologica, scuola di medicina di Lin del gabinetto di NUS Yong

Punto seguente nella ricerca

Mentre l'organizzazione conoscitiva del cervello e della prestazione è complesso relativa, la più ricerca è necessaria capire meglio come le funzioni come la memoria emergono dai circuiti del cervello e gli interventi possibili per migliorare la cognizione della prerogativa durante il trattamento di invecchiamento. Prof. Feng ed il suo gruppo di Asst pianificazione esaminare gli effetti di tè come pure i composti bioactive in tè possono avere sul declino conoscitivo.

Source:
Journal reference:

Li, J. et al. (2019) Habitual tea drinking modulates brain efficiency: evidence from brain connectivity evaluation. Aging. doi.org/10.18632/aging.102023.