“Intervalli„ non collegati agli effetti nocivi in bambini

È un dibattito antichissimo: sono gli intervalli cattivi per i capretti?

Ora, un nuovo studio suggerisce quello malgrado a volte ottenere un cattivo colpo secco nelle notizie, la strategia disciplinare comune non è collegata agli effetti nocivi in bambini.

I ricercatori hanno confrontato la salubrità emozionale e comportamentistica fra i capretti di cui i genitori hanno riferito usando gli intervalli e coloro che non ha fatto su un periodo approssimativamente di otto anni. Il risultato: nessuna differenza.

Alcuni rapporti nei media e dalle organizzazioni selezionate hanno suggerito che l'intervallo fosse inefficace e perfino nocivo.

C'è un certo allarme sostiene che gli intervalli possono danneggiare la relazione del genitore-bambino e pregiudicare negativamente la salubrità emozionale. Ma la ricerca non supporta semplicemente quei reclami. Non abbiamo trovato una relazione fra gli intervalli e gli effetti secondari negativi in bambini.„

Cavaliere di Rachel dell'autore principale, Ph.D., psicologo pediatrico, ospedale pediatrico di C.S. Mott dell'università del Michigan

I ricercatori hanno analizzato i dati nazionali dallo studio iniziale della ricerca e di valutazione di vantaggio acquisito all'inizio di una gara che tiene la carreggiata le famiglie a tre punti differenti di tempo. La positività e la negatività dei bambini verso i genitori, la salute mentale e le abilità sociali erano fra le misure valutate a 36 mesi, pre-asilo e nel quinto grado.

Non c'era associazione fra uso riferito degli intervalli ed i sintomi negativi nell'infanzia successiva, compreso i problemi dell'interiorizzazione o di realizzazione di ansia, della depressione, aggressione, norma-rompendo il comportamento, o l'autocontrollo, secondo i risultati nel giornale della pediatria inerente allo sviluppo e comportamentistica.

Egualmente non c' erano alcune differenze nella misura di creatività quando i bambini si sono accinti a entrano nell'asilo.

Il cavaliere dice che lei ed i colleghi esperti nella salubrità dei bambini sono stati interessati dalla quantità di informazioni inesatte ampiamente - disponibile circa gli intervalli.

“I genitori sono costantemente dubitando che stiano facendo la cosa giusta per i loro bambini,„ lei dice.

“Purtroppo il primo posto che molti genitori vanno per consiglio è Internet, i media sociali o gli amici - non un fornitore medico. Ci sono molte informazioni contrastanti sul Web che è non controllato o accurato.„

Uno studio chiazzato precedente ha trovato che vicino a 30% dei siti Web ha illustrato negativamente l'intervallo. Alcuni hanno criticato la strategia disciplinare come avendo l'effetto desiderato l'opposto, possibilmente piombo ai comportamenti di problema crescenti. Un articolo 2014 di rivista Time di alto profilo “è intervalli che danneggiano i vostri bambini?„ egualmente recentemente ri-ha dato fuoco il dibattito.

I genitori non possono essere informati che l'intervallo è una delle strategie di disciplina di figlio unico corrente raccomandate dall'accademia americana della pediatria, il cavaliere dice. L'intervallo è stato indicato per essere efficace nell'indirizzo delle sfide di comportamento attraverso parecchie età, compresi gli infanti, bambini e bambini in età prescolare, bambini in età scolare ed adolescenti.

“C'è una ricchezza della ricerca su come gli efficaci intervalli possono essere nella diminuzione del comportamento problematico quando sono usati giustamente,„ lei dice. “È una strategia di parenting che spesso è compresa male ed abusata di.„

La consistenza, la struttura, un contegno calmo e l'ambiente positivo sono tasti ad efficacemente facendo uso degli intervalli, il cavaliere dice. Il trattamento dovrebbe essere preorganizzato e capito da entrambi i genitori e bambini piuttosto che essendo presentando nel fervore del momento per evitare urlare o rimproverare.

“Catturare„ un bambino che esibisce il buon comportamento è egualmente altrettanto importante quanto applicando le conseguenze quando infrangono le norme, nota.

Ulteriori studi sono necessari, il cavaliere dice, continuare a valutare i reclami specifici resi contro il tempo a outs e sia i loro effetti a breve termine che a lungo termine attraverso le popolazioni differenti e le età.

Gli esperti egualmente devono trovare più modi efficaci di comunicare alle le informazioni basate a prova ai genitori ed ai badante.

“Come avanziamo la nostra comprensione circa come le strategie differenti di parenting urtano i bambini, noi dobbiamo presentare i risultati facilmente in un digeribile e modo accessibile per il pubblico,„ dice.

“Il nostro scopo è di debunk le idee sbagliate e promuovere l'uso adi strategie altamente efficaci e basate a prova che guideranno il più bene i genitori e le famiglie.„

Source:
Journal reference:

Knight, R. et al. (2019) Longitudinal Relationship Between Time-Out and Child Emotional and Behavioral Functioning. Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics. doi.org/10.1097/DBP.0000000000000725.