Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

la tecnica contrassegna Contrassegno di microscopia del laser individua esattamente il cancro metastatico ovarico

Le donne che subiscono il trattamento per cancro ovarico sono controllate per vedere se ci sono celle del tumore che possono spargersi ai tessuti circostanti, ma le tecnologie correnti mancano le aree metastatiche molto piccole. Ora una tecnica di microscopia del laser può identificare queste regioni con grande accuratezza.

Le tecnologie microscopiche che utilizzano i laser per fare fuoco i fotoni contro i tessuti dell'obiettivo e poi ricevono ed interpretano le informazioni sul metabolico e le caratteristiche strutturali del tessuto stanno avanzando ad una tariffa rapida.

Un uso importante di questi microscopi è la capacità non invadente di individuare “le impronte„ metaboliche e strutturali di piccole micro-metastasi dai tumori del genitore che sono troppo piccoli essere selezionati-su da microscopia leggera tradizionale.

Ora i ricercatori piombo da Irene Georgakoudi, Ph.D., professore, dipartimento di assistenza tecnica biomedica alla Tufts University e Thomas Schnelldorfer, M.D., Ph.D., dall'ospedale di Lahey, Burlington, Massachusetts hanno combinato la microscopia avanzata e l'analisi di calcolo con la speranza rapido di localizzazione delle metastasi con esattezza ovariche nella sala operatoria. Il lavoro è riferito nell'emissione di settembre dell'ottica biomedica precisa.

Ciò è lavoro estremamente alto di impatto. L'ultimo scopo di usando questa tecnologia durante la chirurgia; per individuare ed eliminare hanno mancato ordinariamente le metastasi; promesse migliorare significativamente i risultati chirurgici per le donne che sono trattate per il cancro ovarico. Il più, la tecnologia egualmente sarà applicabile ad altri tipi di cancri.„

Behrouz Shabestari, Ph.D., Direttore, programma di NIBIB nella rappresentazione ottica e spettroscopia

La tecnica di rilevamento del laser di multiphoton comprende fare fuoco i burst di scarsità di luce laser contro il tessuto. La luce laser riflette fuori dalle componenti differenti del tessuto, che hanno le forme e tessiture differenti e quindi, emette i segnali differenti. I segnali sono catturati dal microscopio e sono analizzati dagli algoritmi che interpretano i segnali differenti infine segnare se i tessuti sono normali o cancerogeni.

La combinazione la microscopia del laser e dei calcoli condotti dagli algoritmi permette l'identificazione di ogni tipo di tessuto senza alcun ordinamento di contrassegno o di elaborare chimico del tessuto. Ciò è un aspetto critico della tecnologia perché apre la possibilità di utilizzare il sistema nella sala operatoria scandire i tessuti durante la chirurgia, in cui le aree metastatiche minuscole, non visibili con le tecnologie correnti, potrebbero essere eliminate con rimozione del tessuto ovarico primario del tumore.

Gli esperimenti correnti valutano la possibilità di per mezzo del microscopio durante la laparoscopia, una procedura come minimo dilagante che permette che medici visualizzino il peritoneo, il compartimento che circonda le ovaie. Ciò è una procedura che è seguita per valutare la fase di progressione della malattia per prendere le decisioni del trattamento. Così, in un primo tempo, i ricercatori hanno verificato il loro sistema sulle biopsie catturate dalle metastasi peritoneali ovariche e dal peritoneo sano delle donne che subiscono la laparoscopia e la chirurgia a cancro ovarico.

Le biopsie sane del gruppo del ricercatore e malate imaged da 8 pazienti. Notevolmente, la tecnica ha classificato correttamente 40 della 41 immagine con 11 di 11 metastatico correttamente classificato e 29 di 30 classificati come sani.

“I risultati di questo studio sono estremamente incoraggianti,„ dice Dimitra Pouli, M.D., il Ph.D., autore principale dello studio. “I punti seguenti comprendono la verifica dei nostri risultati con un più grande campione da un'più ampia varietà di pazienti.„

Un altro aspetto critico del lavoro de gruppo è di integrare il microscopio nel repertorio degli strumenti chirurgici per realizzare lo scopo finale dell'analisi dei tessuti durante l'operazione. Ciò permetterebbe la rimozione immediata delle aree precedentemente inosservabili di cancro metastatico.