Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia iniziale di combinazione fornisce ai vantaggi a lungo termine per i pazienti il diabete di tipo 2

Un nuovo studio, VERIFICA (efficacia di Vildagliptin congiuntamente a metformina per il trattamento iniziale del diabete di tipo 2) presentato alla riunione annuale di quest'anno dell'associazione europea per lo studio sul diabete (EASD) a Barcellona, Spagna (16-20 settembre, 2019) e pubblicato simultaneamente in The Lancet, è il primo per indicare che la terapia iniziale di combinazione facendo uso del vildagliptin e della metformina in pazienti recentemente diagnosticati con il diabete di tipo 2 (T2D) piombo per migliorare il controllo a lungo termine dello zucchero di sangue e una tariffa diminuita dell'errore del trattamento che la metformina da solo (il trattamento corrente di standard-de-cura per i pazienti recentemente diagnosticati con T2D).

Vildagliptin (anche conosciuto dalle sue denominazioni commerciali di Galvus e di Zomelis) è una droga orale usata per trattare il diabete di tipo 2 ed appartiene alla classe di droghe conosciute come gli inibitori di dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4). Inibendo questo enzima chiave, gli inibitori DPP-4 promuovono la secrezione di insulina dal pancreas ed inibiscono la produzione di glucagone e così aiutano lo zucchero di sangue di controllo ed evitano la iperglicemia.

La metformina è stata la prima riga il trattamento per T2D per i parecchi decenni (il tempo esatto che varia per pæse) ed appartiene alla classe di biguanide di droghe del diabete. Corrente, il trattamento prima linea raccomandato per il diabete di tipo 2 è monoterapia della metformina, con la terapia di combinazione introdotta soltanto più successivamente dopo l'errore del trattamento.

Questo studio, piombo da Presidente il professor David Matthews (centro di Oxford per diabete, endocrinologia e metabolismo ed istituto universitario di Harris Manchester, università di Oxford, Regno Unito) e colleghi di EASD, ha incluso 2001 paziente da 254 centri in 34 paesi, con 998 ripartiti con scelta casuale per ricevere la terapia iniziale di combinazione facendo uso del vildagliptin e della metformina e 1003 ripartiti con scelta casuale per ricevere la metformina iniziale da solo, attraverso un periodo di cinque anni del trattamento (l'iscrizione si è presentata fra 2012 e 2014 e seguito dei pazienti definitivi sono stati completati nel 2019).

Lo studio è stato diviso in 3 periodi. Nel periodo 1 di studio, i pazienti hanno ricevuto il trattamento iniziale di combinazione con metformina (persona, una dose quotidiana della stalla di mg 1000 - 2000, secondo la tollerabilità del paziente) e mg di vildagliptin 50 due volte al giorno, o la monoterapia iniziale della metformina di standard-de-cura (persona, una dose quotidiana della stalla di mg 1000 - 2000) ed il placebo due volte al giorno.

La risposta del trattamento è stata riflessa dai pazienti che visualizzano il loro centro ogni 13 settimane, quando i pazienti livellano di emoglobina glycated (HbA1c -- una misura di controllo dello zucchero di sangue) è stata valutata. Se il trattamento iniziale non mantenesse i livelli di HbA1c inferiore a 53 mmol/mol [7·0%]) durante il periodo 1, confermato durante le due visite prevedute consecutive, 13 settimane a parte, poi questo è stato definito come errore del trattamento ed i pazienti nel gruppo di monoterapia della metformina hanno ricevuto due volte al giorno mg di vildagliptin 50 invece del placebo ed i pazienti nel gruppo in anticipo di terapia di combinazione sono continuato sulla combinazione.

Questa seconda parte era così una fase di due armi dove l'approccio iniziale assegnato di terapia di combinazione stava provando contro un successivamente, metformina con strategia vildagliptin-se-necessaria di combinazione. L'errore successivo che richiede il trattamento insulinico è stato valutato come punto finale per secondo errore tramite due ulteriori visite con perdita di controllo glycaemic.

I medici poi muoverebbero i pazienti su trattamento insulinico. Tuttavia, pazienti che non sono venuto a mancare nel periodo 1 ma buon controllo glycaemic mantenuto (HbA1c inferiore a 53 mmol/mol, 7%), amministrazione continuata del loro farmaco ripartito con scelta casuale di studio (combinazione iniziale o monoterapia iniziale della metformina) per fino a cinque anni.

Il punto finale primario di efficacia era il momento da casualizzazione di siglare l'errore del trattamento, definito come misura di HbA1c almeno di 53 mmol/mol (7·0%) durante le due visite prevedute consecutive, 13 settimane a parte, durante il periodo 1.

Complessivamente 1598 (79·i pazienti di 9%) hanno terminato lo studio di cinque anni; 811 (81·3%) nel gruppo in anticipo di terapia di combinazione e 787 (78·5%) nel gruppo di monoterapia. L'incidenza dell'errore iniziale del trattamento durante il periodo 1 era 429 (43·pazienti di 6%) nel gruppo e nei 614 di trattamento di combinazione (62·pazienti di 1%) nel gruppo di monoterapia.

La mediana ha osservato che il tempo all'errore del trattamento nel gruppo di monoterapia era di 36,1 mesi, mentre il tempo mediano a tempo di errore del trattamento per quelli che ricevono la terapia iniziale di combinazione potrebbe essere stimato soltanto per essere oltre la durata di cinque anni di studio a 61,9 mesi. Entrambi gli approcci del trattamento erano sicuri e tollerati bene.

Il rischio di perdita del controllo dello zucchero di sangue (che supera il mmol/mol (7,0%) di HbA1c 53 o più, due volte) approssimativamente è stato diviso in due nel gruppo in anticipo del trattamento di combinazione rispetto al gruppo di monoterapia sopra la durata di cinque anni di studio (una riduzione relativa 49% statisticamente significativa (RR) di rischio). Durante il periodo 2 quando i pazienti in entrambi i gruppi (o potrebbe essere) stavano ricevendo il trattamento di combinazione, il rischio relativo di perdita del controllo dello zucchero di sangue egualmente è stato ridotto di 26% fra quelli ripartiti con scelta casuale per ricevere il trattamento iniziale di combinazione, rispetto a coloro che ha trasferito alla terapia di combinazione dopo il loro primo errore del trattamento.

Ciò ha indicato che l'approccio iniziale di strategia di terapia di combinazione era superiore ad un approccio di strategia sequenziale che comprende l'intensificazione successiva della monoterapia venente a mancare con una terapia di combinazione, come dimostrato da un effetto durevole sul glucosio di sangue livella. Gli autori ritengono che la migliore “durevolezza„ a lungo termine di controllo dello zucchero di sangue veduto nel gruppo di combinazione potrebbe essere dovuto il meccanismo complementare di atto fra le due droghe.

Gli autori dicono: “I risultati VERIFY supportano e sottolineano l'importanza di raggiungimento e del mantenimento del controllo glycaemic iniziale„ e si riferiscono agli studi precedenti (quale lo studio futuro BRITANNICO del diabete), in cui l'intensificazione iniziale del trattamento è stata associata con un effetto dell'eredità, dove la riduzione delle complicazioni vascolari nel gruppo intensivo è stata mantenuta o rinforzato stata in 10 anni dopo completamento di studio. In studio di epidemiologia di invecchiamento e del diabete, un valore di HbA1c superiore a 6·5% (la soglia per la diagnosi di T2D in U.S.A.) per il primo anno che segue la diagnosi è stato associato con i risultati peggiori (eventi e rischio microvascolari aumentanti di mortalità) nel corso dei 10 anni successivi di seguito.

Gli autori precisano che i valori durevoli di HbA1c inferiore a 6,5% sono improbabili essere raggiunti con monoterapia sola. Dicono: “La prova nell'ambiente ha indicato come l'intensificazione in ritardo del trattamento dopo l'errore di monoterapia provoca il tempo aumentante passato con i periodi evitabili di iperglicemia, sollevando una barriera cruciale alla cura ottimizzata. L'effetto che durevole abbiamo osservato con una strategia iniziale di combinazione nello studio di VERIFICA fornisce il supporto iniziale per un tal approccio come un modo efficace di intensificare il controllo dello zucchero di sangue presto dopo la diagnosi e potenzialmente di evitare le complicazioni future.„

Concludono: “L'intervento iniziale con una strategia di terapia di combinazione fornisce ai più notevoli e vantaggi a lungo termine durevoli rispetto alla monoterapia corrente di standard-de-cura metformina per i pazienti al diabete di tipo 2 recentemente diagnosticato.„