Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Un d'una sola dose del vaccino di febbre gialla non offre l'immunità a lungo termine ai bambini

La febbre gialla è un'infezione virale sparsa dalle varie specie di zanzara ed è abbondante in 34 paesi in Africa e in 13 in America Latina. L'infezione può essere asintomatica e passare inosservata o, al contrario, può progredire rapido alla malattia severa con febbre, l'emicrania, il dolore di muscolo, la nausea, il vomito e la fatica. Il virus attacca le celle di fegato, causanti spesso l'ittero da cui la malattia ottiene il suo nome. Lo spurgo severo si presenta in 25 - 50% dei casi, con gli alti livelli della mortalità ha osservato i 7 - 10 giorni dopo l'inizio dei sintomi.

Dal 2013, il WHO raccomanda un d'una sola dose del vaccino per tutta la vita la protezione. Questa raccomandazione è basata su prova di efficacia a lungo termine, in vitro e in vivo, stabilita in adulti ed in bambini in 2 anni. Ma i dati sull'efficacia a lungo termine della vaccinazione primaria in infanti sono assenti, malgrado 9-12-month-olds che è gli obiettivi principali della vaccinazione sistematica in paesi in cui la febbre gialla è endemica. A tale riguardo, il WHO ha raccomandato la ricerca sulla persistenza a lungo termine dell'immunità ha conferito dalla vaccinazione in questo gruppo d'età. Questa ricerca è stata realizzata da José Enrique Mejía dal centro dell'unità 1043 per patofisiologia di Tolosa Purpan in società con Cristina Domingo dall'istituto di Robert Koch a Berlino e dai ricercatori da U.S.A., dal Ghana e dal Mali, con supporto dalla fiducia di Wellcome.

Il loro studio verificato se i bambini a cui il vaccino è stato amministrato a circa 9 mesi dell'età siano ancora protetti parecchi anni più successivamente. Il gruppo ha studiato due gruppi, uno dal Mali (587 bambini) e l'altro dal Ghana (436 bambini), in cui i livelli di anticorpi specifici al virus della febbre gialla erano stati misurati 4 settimane dopo la vaccinazione. Poi hanno ripetuto la misura parecchi anni più successivamente, con i risultati dagli studi precedenti permettendo loro di stimare che i livelli superiore a 0,5 IU/ml dovrebbero proteggere i bambini dall'infezione.

Nel gruppo maliano, 4,5 anni dopo la vaccinazione, soltanto la metà dei bambini è continuato ai livelli attuali di anticorpi superiore a 0,5 IU/ml. E 19.3% ha presentato gli anticorpi rilevabili ma ai livelli sotto questa soglia raccomandata (<0.5 IU/ml). La percentuale di bambini sieropositivi per questi anticorpi era quindi 69.7% rispetto a 96.7% subito dopo la vaccinazione.

Nel gruppo del Ghana, 2,5 anni dopo la vaccinazione, soltanto intorno 30% dei bambini ha continuato ad essere protetto contro l'infezione e 11.7% ha continuato a presentare gli anticorpi specifici ma nelle concentrazioni basse (<0.5 IU/ml). Tutto considerato, 39.4% dei bambini sono stati considerati sieropositivi rispetto a 72.7% subito dopo la vaccinazione.

Indipendentemente dalle differenze nell'efficacia vaccino fra questi due gruppi, che potrebbero essere spiegati dai fattori etnici ed ambientali (urbani/popolazione rurale, carattere stagionale della vaccinazione, dieta, esposizione ad altri agenti infettante, ecc.), i risultati in entrambi i casi mostrano una caduta sostanziale - praticamente da mezzo nei livelli di anticorpi protettivi durante gli anni che seguono la vaccinazione e quale predicono l'assenza di protezione contro l'infezione per tantissimi bambini.

I nostri dati suggeriscono che un ripetitore possa essere necessario quando la prima vaccinazione è eseguita in 9-12-month-olds, ma avremo bisogno col passare del tempo della conoscenza più precisa della diminuzione in anticorpi. L'immunità di mantenimento al virus durante l'infanzia e nell'età adulta è fondamentale per ottenere la copertura vaccino oltre la soglia di 80% della popolazione per impedire il rischio di epidemia.„

José Enrique Mejía

Source:
Journal reference:

Domingo, C. et al. (2019) Long-term immunity against yellow fever in children vaccinated during infancy: a longitudinal cohort study. The Lancet Infectious Diseases. doi.org/10.1016/S1473-3099(19)30323-8.