Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio fornisce la nuova comprensione in come le celle mantengono la loro identità

Nei somatociti, alcune proteine sono di importanza basilare quanto a cui i geni sono attivi o spenti. Ora, i ricercatori dall'università di Copenhaghen ed il centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering hanno scoperto quali proteine sono necessarie per mantenere il regolamento genetico adeguato.

Tutto più di 200 che la cella differente digita dentro il nostro organismo contengono lo stesso DNA. Quale di quei geni che sono espressi determini ogni tipo delle cellule. Di conseguenza, è essenziale che l'attività dei geni sia gestita con grande precisione.

Quindi, una cellula staminale può svilupparsi in qualche cosa da un'interfaccia ad una cella di osso, secondo cui parti del genoma che sono espresse.

I ricercatori nel gruppo di ricerca del professor Kristian Helin hanno per parecchi anni lavorati per capire i meccanismi che gestiscono se un gene è attivo o inattivo. Questa ricerca è determinante per la comprensione di come le celle sono specializzate e mantengono la loro identità, lo sviluppo embrionale normale e di come le varie malattie possono svilupparsi.

In un nuovo studio, in ricercatori che lavorano al centro della ricerca & di innovazione di Biotech (BRIC) e nelle fondamenta di Novo Nordisk concentri per biologia di cellula staminale (DanStem) all'università di Copenhaghen come pure il centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering in New York ha raggiunto i nuovi risultati cruciali.

I risultati recentemente sono stati pubblicati nella cella molecolare del giornale scientifico e forniscono la comprensione nei modi in cui i meccanismi epigenetici gestiscono l'attività dei geni.

Inoltre, i risultati possono avere un impatto sul trattamento futuro di determinati cancri relativi al complesso studiato della proteina, compreso linfoma, la leucemia e un tipo speciale di tumore al cervello che è veduto spesso in bambini.„

Kristian Helin, il professor, BRIC e direttore di ricerca, centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering

Giro in funzione e a riposo

Uno dei complessi chiave della proteina che regolamenta se i geni sono girati inserita/disinserita è chiamato PRC2. Per assicurare che il complesso leghi ai giusti posti nel genoma, una serie di altre proteine sono associate a PRC2.

Nell'articolo recentemente pubblicato, il gruppo di ricerca ha studiato l'importanza di sei proteine differenti associate a PRC2 ed il gruppo ha indicato che tutte e sei le proteine aiutano PRC2 diretto ai giusti posti nel genoma.

In 15 combinazioni differenti, i ricercatori hanno eliminato le proteine associate dalle cellule staminali embrionali uno per uno. In questo modo, i ricercatori potevano studiare il contributo di ogni proteina all'attività e dell'associazione del complesso PRC2 alle aree specifiche. È stato trovato che la capacità di trovare il modo ai posti di destra nel genoma è rimanere intatta fino ad eliminare tutte e sei le proteine associate dalle cellule staminali.

Che trovando ha sorpreso i ricercatori, dice l'autore principale dello studio, Postdoc Jonas Højfeldt:

“Abbiamo supposto che ciascuna delle proteine associate era responsabile della sua propria area a dove il complesso PRC2 dovrebbe essere guidato. Invece, abbiamo veduto che interamente hanno contribuito ai posti in cui il complesso lega. Finchè appena uno delle proteine associate è stato lasciato, l'abilità è rimanere intatta„, dice.

Source:
Journal reference:

Højfeldt, J.W. et al. (2019) Non-core Subunits of the PRC2 Complex Are Collectively Required for Its Target-Site Specificity. Molecular Cell. doi.org/10.1016/j.molcel.2019.07.031.