Avanzando verso l'efficace vaccino di herpes di 100%

Il herpes genitale, causato dal virus Herpes simplex 2 (HSV-2) è sessualmente - un'infezione trasmessa molto comune (STI). Pregiudica 14% degli Americani di 15-49 anni. Non c'è attualmente vaccino di herpes. Molti tentativi falliti a produzione vaccino hanno vertuto le proteine di HSV.

Ora, un nuovo precursore vaccino, riferito in immunologia di scienza del giornale il 20 settembre 2019, ha riferito la protezione completa (chiamata “immunità di sterilizzazione ") degli animali immunizzati contro una dose elevata del virus. Ciò è il livello elevato possibile della protezione ed assicura che il virus non possa ripiegare presso il host immunizzato alcun più lungo, impedendo la malattia e la trasmissione simultaneamente.

La nuova formulazione è basata su una modifica del RNA virale che è incapsulato all'interno delle nanoparticelle grasse. Questo mRNA codifica tre proteine essenziali HSV-2 che hanno molecole del glucosio fissate (glicoproteine). Negli studi della cavia, il vaccino è stato trovato per impedire lo sviluppo di herpes genitale e per diminuire il caricamento del virus nelle lesioni. Gli animali hanno avuti alti livelli degli anticorpi protettivi e delle celle immuni. Ciò ha potuto essere il precursore alle prove precliniche più avanzate.

Illustrazione di Digital di credito di immagine del virus di herpes: Kateryna Kon/Shutterstock
Illustrazione di Digital di credito di immagine del virus di herpes: Kateryna Kon/Shutterstock

Che cosa è HSV?

HSV induce le bolle dolorose a formarsi lungo il corso di singolo nervo nella regione genitale e facilmente è trasmesso anche quando l'infezione originale è asintomatica (o infraclinica), sia fra i partner sessuali che da una madre al suo bambino. Una volta che infettato, il virus persiste per vita e può causare le ricorrenze, dolorose o infracliniche, con lo stesso rischio di trasmissione ad altre. In bambini, causa il herpes neonatale, pregiudicante circa 14.000 bambini universalmente. Ciò può provocare l'encefalite neonatale, un'infiammazione devastante del cervello in neonati, o nell'infiammazione del polmone o del fegato. Le conseguenze possono essere per tutta la vita e paralizzanti. La presenza di lesioni genitali erpetico egualmente aumenta il rischio di trasmissione del HIV a e dal paziente entro tre - quattro volte.

Molti ricercatori hanno provato ad usare le componenti proteiche del vaccino per creare un vaccino che impedisce l'entrata del virus, ma sebbene queste contribuissero a ritardare la presentazione iniziale della malattia, non hanno protetto dall'infezione.

Perché questo approccio?

Nei ricercatori correnti di studio dalla scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania ha usato tre glicoproteine del virus, vale a dire C, D ed E, per stimolare la produzione dell'anticorpo. Di questi, la C e la E sono molecole che imbrogliano il sistema immunitario ospite. La D è richiesta per l'entrata del virus nella cella. Così un singolo vaccino può bloccare tutte e tre le funzioni, rendenti il vaccino più potente.

Hanno combinato le tre proteine in due formulazioni per provare: qualsiasi le proteine stesse, con CpG e l'allume come adiuvanti, renderli più forte immunogeni; e mRNA nucleoside-modificato all'interno delle nanoparticelle grasse, cioè, gli strumenti genetici usati dalle cellule ospiti per fare le proteine identiche all'interno dell'organismo.

Il lavoro precedente ha indicato che vaccini della proteina che contengono queste tre glicoproteine quasi 100% protetto degli animali contro le lesioni ma soltanto 47% contro lo spargimento vaginale. Tuttavia, il mRNA è più efficace delle proteine non Xeros ad indurre l'immunità. Ciò le ha motivate per usare il mRNA modificato per codificare le stesse proteine per vedere se questa strategia rendesse il vaccino più efficace contro impedire la replicazione virale stessa.

L'uso del mRNA con i nucleosidi modificati è un ramo di promessa della ricerca vaccino, perché permette la produzione più efficace della proteina e diminuisce l'incidenza di infiammazione. Ciò è produzione proteina o, la traduzione ferma di infiammazione la presenza poichè altamente desiderabile, in risposta ad inibizione immune-mediata del gene. L'uso delle nanoparticelle del lipido (LNPs) è importante nell'aiuto del mRNA modificato per registrare le celle e nella protezione contro gli enzimi della ribonucleasi che lo scompongono.

Come lo studio è stato svolto?

Nel primo esperimento, 64 mouse in primo luogo sono stati immunizzati con il mRNA modificato via le iniezioni intradermiche in due dosi ad uno spazio dei 28 giorni. Un gruppo ha ricevuto soltanto il mRNA che codifica la glicoproteina di D. Un altro hanno ricevuto il mRNA trivalente. Un terzo ha ricevuto soltanto il mRNA modificato non specifico. Tutti e tre le erano preparati di LNP. Un gruppo di confronto è stato infettato con il virus e poi è stato immunizzato tramite le iniezioni intramuscolari del vaccino della proteina, tre dosi che sono date ad intervalli di due settimane.

i 28 giorni dopo l'ultima immunizzazione, entrambi i gruppi sono stati esposti allo standard che infettano le dosi di HSV-2 nella vagina in due titoli, un superiore composto di dieci parti all'altro.

L'esperimento è stato ripetuto in 10 cavie che offrono una prova più rigorosa di efficacia vaccino ed egualmente permette la valutazione dell'infezione latente HSV-2 a causa dell'avvenimento delle lesioni ricorrenti e di spargimento vaginale, che non è veduto in mouse.

Il risultato di studio

Con entrambi i tipi di vaccini, il mRNA modificato è stato trovato per produrre la glicoproteina modificata dopo l'entrata delle cellule. In entrambi i mouse e cavie, completamente ha impedito l'emergenza delle lesioni di herpes negli animali esaminati, ma la maschera era differente quando è venuto ad impedire l'infezione infraclinica. In mouse, il vaccino della proteina ed il vaccino del mRNA hanno avuti un indice di successo di 77% e di 98% nell'impedire l'infezione infraclinica, rispettivamente. La cultura vaginale era negativa in tutti e 39 gli animali che hanno ricevuto il mRNA trivalente. Quando è venuto a trovare le particelle del virus nelle celle vaginali della tettoia, 1/19 degli animali e 5/10 degli animali nell'antigene trivalente della proteina e del mRNA hanno avuti infezione dormiente. Tuttavia, entrambi i gruppi non riusciti per rendere il virus capace della replica e del liquido vaginale non erano contagiosi una volta inoculati nei mouse del naïve.

Con le cavie, nessun animale nel mRNA trivalente o i gruppi trivalenti dell'antigene della proteina ha sviluppato le lesioni di herpes. Le culture vaginali sono diventato negative per il virus dopo il giorno 2 in tutti gli animali. Quando lo spargimento del virus è stato valutato, 50% degli animali erano positivi su 9% dell'osservazione i giorni dopo la ricezione del vaccino della proteina, contrariamente a 10% degli animali su 2% dei giorni di osservazione con il vaccino del mRNA.

Il vaccino trivalente del mRNA ha impedito l'infezione altrettanto bene anche quando la dose d'infezione HSV-2 è stata aumentata dieci volte. Nessun animale non ha avuto l'infezione clinica o infraclinica, virus su cultura vaginale e spargimento non virale. La ripetizione dell'esperimento con l'iniezione intramuscolare in entrambi i tipi di vaccini ha dato gli stessi risultati. Facendo uso di singola D-codifica il mRNA era significativamente meno efficace.

In generale, soltanto 1/64 dei mouse e 2/10 delle cavie ha avuto infezione infraclinica seguire l'immunizzazione trivalente del mRNA. Neppure poi, il virus recuperato dalle secrezioni vaginali in tutti i casi non era capace della replica, indicando una tariffa trascurabile della trasmissione.

Uno schermo dell'immunologia ha mostrato molto maggior una risposta delle cellule immuni e dell'anticorpo con il vaccino del mRNA. Le risposte immunitarie cellulari sono state migliorate in tre aree: le celle di T di CD4+ che direttamente sono coinvolgere nell'attacco a cellula T alle celle virale infettate, alle celle di assistente follicolari di T che spingono la risposta dell'anticorpo ed alle risposte del linfocita B nel centro germinale che producono l'anticorpo propriamente detto.

Conclusione

Sembra probabilmente che l'efficacia superiore del vaccino del mRNA sia perché migliora le vie multiple della risposta immunitaria come pure permetta un'esposizione più lunga all'antigene trivalente. Riduzione di 80% e delle lesioni la prevenzione di 100% dello spargimento virale, facendo uso del vaccino trivalente del mRNA in cavie, è ben migliore di quella facendo uso del vaccino della proteina di D che già è stato analizzato nelle prove umane.

Il ricercatore Harvey Friedman dice, “estremamente siamo incoraggiati. Sulla base di questi risultati, è la nostra speranza che questo vaccino potrebbe essere tradotto in studi umani per verificare sia la sicurezza che l'efficacia del nostro approccio.„

Journal reference:

Nucleoside-modified mRNA encoding HSV-2 glycoproteins C, D, and E prevents clinical and subclinical genital herpes. Sita Awasthi1, Lauren M. Hook1, Norbert Pardi1, Fushan Wang1, Arpita Myles2, Michael P. Cancro2, Gary H. Cohen3, Drew Weissman1 and Harvey M. Friedman. Science Immunology. 20 Sep 2019: Vol. 4, Issue 39, eaaw7083. DOI: 10.1126/sciimmunol.aaw7083. https://immunology.sciencemag.org/content/4/39/eaaw7083

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, September 23). Avanzando verso l'efficace vaccino di herpes di 100%. News-Medical. Retrieved on February 18, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20190923/Advancing-towards-10025-effective-herpes-vaccine.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Avanzando verso l'efficace vaccino di herpes di 100%". News-Medical. 18 February 2020. <https://www.news-medical.net/news/20190923/Advancing-towards-10025-effective-herpes-vaccine.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Avanzando verso l'efficace vaccino di herpes di 100%". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190923/Advancing-towards-10025-effective-herpes-vaccine.aspx. (accessed February 18, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Avanzando verso l'efficace vaccino di herpes di 100%. News-Medical, viewed 18 February 2020, https://www.news-medical.net/news/20190923/Advancing-towards-10025-effective-herpes-vaccine.aspx.