Indagine: Gli uomini hanno bassi livelli di consapevolezza circa salubrità e la funzione della prostata

L'indagine, che ha valutato la conoscenza della prostata in 3.010 uomini in 50 anni nel Regno Unito, in Germania ed in Francia, trovata che appena uno in 4 uomini (26%) sopra l'età di 50 può correttamente identificare la funzione principale della prostata.

Lo studio ha rivelato varie idee sbagliate che circondano la salubrità della prostata e, in particolare, le prostate ingrandette (anche conosciute come l'ingrandimento della prostata o (BPE) l'iperplasia benigno (BPH)) con appena 38 per cento dei dichiaranti capaci di identificare correttamente il disordine. Una prostata sana è circa la dimensione di una noce e la sua funzione principale è di produrre il liquido prostatico per portare lo sperma. Mentre si sviluppa lentamente mentre gli uomini si sviluppano più vecchi, solo si in 6 dichiaranti (di 17%) ha specificato correttamente che i sintomi concernenti una prostata di ingrandimento non sono un segno “normale„ di invecchiamento.

Commentando questi risultati, il professor Hein Van Poppel, segretario generale dell'urologo dell'aggiunta dell'UCE, spiega:

I risultati stanno preoccupando, particolarmente come gli uomini mirati a indagine nel gruppo d'età che sono più probabili da soffrire dai termini in relazione con la prostata, quali carcinoma della prostata e una prostata ingrandetta. L'incidenza di questi termini e del loro impatto su pratica medica sta andando soltanto trasformarsi in in maggior dovuto la popolazione di invecchiamento, in modo da dobbiamo assicurarci che gli uomini siano bene informati permettere alla consultazione ed al trattamento rapidi a richiesta.„

La causa di una prostata ingrandetta è sconosciuta, ma è creduto per essere collegato ai cambiamenti ormonali mentre gli uomini invecchiano. Gli indicatori comuni della circostanza comprendono lo stimolo improvviso ad urinare, una tensione o una sensazione dolorosa quando urina, ritenendo che la vescica non sia completamente vuota ed alzandosi più di una volta alla notte per urinare. Quasi 50 per cento degli uomini (invecchiati 50-60) non riconoscono questi sintomi. I sintomi sono spesso delicati, ma la severità può alterare la qualità di vita e la ricerca suggerisce che gli uomini con i sintomi moderati o severi abbiano un rischio aumentato di condizioni del cuore serie, quali il colpo e la morte cardiaca.

Sintomi della prostata ingrandetta discussi raramente con i partner o i membri della famiglia. Una volta chiesti a cui avrebbero parlato se avvertissero qualunque emissioni relative all'orinata, la maggior parte dichiarante (61%) ha specificato che avrebbero visualizzato il loro GP per ulteriori informazioni. Interessante, questo problema ha posato le forti differenze regionali dalla Francia e dal Regno Unito (67% e 66% rispettivamente) ed in Germania (50%). Appena un quarto degli uomini (24%) ha specificato che “avrebbero googlato„ i loro sintomi per scoprire l'ulteriore informazione, dimostrante che i pazienti in questa fascia di età avrebbero preferito parlare direttamente ai professionisti di sanità.

Soltanto 13 per cento degli uomini hanno detto che avrebbero discusso i sintomi con il loro partner o famiglia per ricevere più informazioni. Il professor Van Poppel commenta, “la ricerca precedente ha indicato che le donne realmente conoscono più circa le emissioni di salubrità degli uomini che gli uomini fanno. Di conseguenza, incoraggiamo gli uomini a discutere i loro sintomi e circostanze urologici con i partner o le famiglie come pure i professionisti specializzati visualizzanti di sanità quali gli urologi.„

Ci sono opzioni multiple per una prostata ingrandetta, che del trattamento comprendono il trattamento medico, chirurgia tramite l'uretra o abbassano l'addome, la terapia laser, la terapia del vapore acqueo, un cambiamento nella dieta o le iniezioni. La metà dei dichiaranti di indagine ha preferito avere l'opzione dei trattamenti differenti, le percentuali with38 che favoriscono quel loro medico hanno raccomandato un'opzione del trattamento (12% non ha avuto preferenza).

I più giovani dichiaranti (invecchiati 50-55) e quelli dalla Germania erano più probabili favorire il processo decisionale comune fra le opzioni differenti del trattamento dal loro medico che i dichiaranti più anziani (70+) e la gente dalla Francia o dal Regno Unito.

Van Poppel conclude:

Lo stato di ogni paziente differisce ma, insieme ad un urologo specializzato, dovrebbero potere prendere una decisione informata su cui il loro trattamento ottimale è. Con tante opzioni ora disponibili dalla gestione medica, come minimo dalle terapie dilaganti e dalle opzioni chirurgiche; gli uomini con i reclami dovrebbero andare cercare la guida poiché sono molto probabili essere aiutati piuttosto facilmente.„