Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La vaccinazione di BCG nell'infanzia ha potuto fare diminuire il rischio di cancro polmonare

Un vaccino comune (TB) della tubercolosi ha potuto fare diminuire il rischio di cancro polmonare se amministrato durante la prima infanzia, secondo il 25 settembre pubblicato studio nella rete di JAMA online.

Lo studio, “associazione della vaccinazione di Bacille Calmette-Guerin nell'infanzia con Cancro successivo,„ piombo dai ricercatori all'università in uniforme di servizi delle scienze di salubrità (USU) in collaborazione con il centro medico militare nazionale di Walter Reed, all'università di Pittsburgh, alla Johns Hopkins University ed alla Cornell University.

I dati in modo retrospettivo esaminati dei ricercatori dal 1935 al 1998, raccolto dai bambini indigeni americani dell'indiano quasi 3.000 e dell'Alaska hanno portato a compimento l'età adulta - una popolazione in cui il cancro è la causa principale della morte prematura ed il cancro polmonare è fra le cause della morte principali per entrambi gli uomini e donne combinati.

In questo studio, i bambini non hanno avuti infezione precedente di TB ed erano stati vaccinati con un comune, vaccino a basso costo di TB, Bacille Calmette Guerin, o BCG, per la prima volta intorno all'età 8 in media. Dei partecipanti, 1.540 hanno ricevuto il vaccino BCG, mentre 1.423 hanno ricevuto un placebo. Durante il seguito di 60 anni, c'erano 325 casi riferiti delle malignità, quali la leucemia, il linfoma, il cancro polmonare ed il cancro al seno.

Di tutte le malignità riferite, le tariffe erano più basse ma non significativamente differente fra il BCG ha vaccinato il gruppo confrontato a placebo. Tuttavia, dei 42 casi riferiti del cancro polmonare, le tariffe erano significativamente più basse in coloro che ha ricevuto il vaccino BCG, confrontato a coloro che ha ricevuto il placebo - ricevere il vaccino BCG mentre un bambino è stato associato con 2,5 volte più in basso valuta più successivamente del cancro polmonare nella vita, indipendentemente da fattori di rischio di fumo ed altri.

I ricercatori anche trovati là erano più alte tariffe di cancro fra le donne, complessive, ma più alte tariffe del cancro polmonare fra gli uomini confrontati alle donne. Ulteriormente, uomini che hanno ricevuto il vaccino BCG poichè un bambino ha avuto tariffe significativamente più basse del cancro polmonare, secondo il Dott. Naomi Aronson, Direttore di divisione delle malattie infettive di USU.

Questo vaccino comune e a basso costo ha potuto potenzialmente aiutare più in basso il rischio di cancro polmonare in questa popolazione ed ha potuto anche avere implicazione per la popolazione in genere.„

Dott. Naomi Aronson, Direttore, divisione delle malattie infettive di USU

Aronson ha notato che questa prova in primo luogo è stata eseguita nel 1935 dai suoi nonni, Joseph e Charlotte Aronson. Non solo era allora uno di primissimi a studi controllati a placebo negli Stati Uniti, egualmente “è stata nella famiglia„ per le decadi, ha detto. Il nonno di Aronson in primo luogo ha imparato del vaccino BCG in Francia durante la prima guerra mondiale mentre definito con Léon Charles Albert Calmette (“la C„ in BCG). A quel tempo, è stato spiegato come medico con il corpo di spedizione americano.

Le registrazioni dello studio più successivamente sono state donate al Dott. George Comstock dell'università John Hopkins, che aveva lavorato per la nonna di Aronson quando ha eseguito il ramo di TB per il servizio medico-sanitario di salute pubblica degli Stati Uniti verso la fine degli anni 50 e degli anni 60. Aronson più successivamente ha aiutato con lo studio di approfondimento a lungo termine, in primo luogo pubblicato nel 2005 in JAMA che ha mostrato a quel vaccino BCG protetto quelli immunizzati dalla tubercolosi attiva per almeno 60 anni. Veloce in avanti oggi, questo nuovo documento nella rete di JAMA online è stato scritto dal nipote di Aronson, Nicholas Usher, rendente a questo sforzo una famiglia della quattro-generazione aggettare fin qui.

Source:
Journal reference:

Usher, N.T. et al. (2019) Association of BCG Vaccination in Childhood With Subsequent Cancer Diagnoses. A 60-Year Follow-up of a Clinical Trial. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2019.12014.