Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio valuta le differenze negli indicatori dell'assunzione e di salubrità della proteina fra adulti più anziani razziali/etnici

Come la popolazione degli adulti più anziani negli Stati Uniti continua a svilupparsi e diventa più diverso, preoccupazioni di salubrità aumentano parallelamente. La perdita di massa, di resistenza e di funzione del muscolo scheletrico è una tale preoccupazione e può cominciare ad accadere fin dall'età 40 ed accelera dopo l'età 60. Un fattore di contributo ai cambiamenti relativi all'età in muscolo è assunzione insufficiente della proteina dagli adulti più anziani che non riescono a consumare i livelli adeguati della proteina.

La valutazione delle differenze negli indicatori dell'assunzione e di salubrità della proteina fra razziale/gruppi etnici è importante da identificare le caratteristiche del gruppo, rischi, da valutare le vulnerabilità e sviluppare gli interventi mirati a. Tuttavia, la studio--data non ha valutato questi indicatori di salubrità fisica in collaborazione con l'assunzione della proteina fra razziale differente/gruppi etnici.

I ricercatori dall'istituto universitario della Christine E. Lynn dell'università atlantica di Florida di professione d'infermiera e dei collaboratori hanno condotto uno studio rappresentativo novello per valutare se ci fossero differenze nell'assunzione della proteina, nello stato nutrizionale e nella salubrità fisica (forza muscolare e funzione) fra gli afroamericani più anziani, gli Americani europei e gli Americani ispani.

Per lo studio, hanno valutato l'assunzione della proteina, lo stato nutrizionale, forza prensile facendo uso di un dinamometro della mano, cronometrato-su-e-vanno (RIMORCHIATORE) verificare la capacità di stare su da una posizione messa, camminano, girano e poi si siedono recedono e supporto della presidenza (nel maschio più anziano 273 di anni 60+) ed in Americani africani, europei e ispani femminili.

Risultati, recentemente pubblicati nel giornale di nutrizione in gerontologia e geriatria, evidenziati le differenze significative fra i gruppi e suggeriti la necessità per gli interventi di migliorare dieta e salubrità fisica. L'assunzione della proteina era significativamente maggior fra gli Americani ispani (0,96 g/kg del peso corporeo) seguiti dagli Americani europei (0,83 g/kg del peso corporeo) e dagli afroamericani (0,64 g/kg del peso corporeo). Il consumo di proteine medio (per peso corporeo di chilogrammo) fra tutti i gruppi era più basso di più nuove raccomandazioni che suggeriscono il consumo di almeno 1,0 - 1,2 peso corporeo di g protein/kg.

Lo stato, la forza prensile, l'aumento della presidenza ed i punteggi nutrizionali bassi del RIMORCHIATORE sono stati osservati in afroamericani ed in femmine americane europee ed erano coerenti con le assunzioni più povere in proteine. L'assunzione di energia non ha differito significativamente fra i gruppi. L'assunzione dietetica della proteina non ha differito significativamente fra i quei Medicaid di ricezione e di ricezione; l'assunzione era più alta fra gli Americani ispani, anche se questo gruppo ha avuto la più grande percentuale di partecipanti di studio che ricevono Medicaid.

I risultati dallo studio egualmente hanno mostrato il più alta resistenza dell'impugnatura in quelle con le assunzioni ad alta percentuale proteica con cui sia l'assunzione della proteina che la forza prensile degli Americani ispani erano superiori agli Americani europei, che era superiore agli afroamericani. Quando confrontare la forza prensile misura alle linee guida dagli istituti della sanità nazionali, i risultati hanno identificato le femmine americane europee e femmine afroamericane e maschi con forza prensile che è indicativa del sarcopenia (una condizione medica caratterizzata dalle riduzioni della massa, della resistenza e della funzione del muscolo). La forza prensile bassa è stata collegata coerente con il maggior rischio di inabilità, è stata prolungata durata del soggiorno con l'ospedalizzazione o la chirurgia, complicazione e morte prematuro.

I risultati della prova del supporto della presidenza egualmente sono coerenti con i risultati di studio che mostrano l'assunzione più povera in proteine. I risultati dei test medi del supporto della presidenza per le femmine afroamericane erano non solo significativamente più bassi di quelli delle femmine americane europee, ma egualmente erano “sotto il normale„ in paragone al genere ed agli agli standard basati a età.

Le differenze significative nell'assunzione della proteina e nella funzione fisica fra gli afroamericani più anziani, gli Americani europei e gli Americani ispani nel nostro studio indicano una chiara necessità per gli interventi mirati a di migliorare la nutrizione e la salubrità fisica particolarmente fra gli afroamericani e le femmine americane europee. Egualmente abbiamo bisogno degli sforzi supplementari dai fornitori di cure mediche per aiutare gli adulti più anziani da tutti i razziale e gruppi etnici ad aumentare il loro consumo di alimenti ricchi di proteine di alta qualità. Dato i vantaggi dell'esercizio, particolarmente l'addestramento della resistenza, sul muscolo, adulti più anziani anche dovrebbe essere incoraggiato a impegnarsi nell'attività fisica regolare.„

Sareen Gropper, Ph.D., autore principale, ha registrato il dietista e un professore nell'istituto universitario della Christine E. Lynn di FAU di professione d'infermiera

Mentre questo studio ha messo a fuoco sull'assunzione che dietetica della proteina egualmente ha compreso la valutazione dei livelli di vitamina D, perché la carenza è conosciuta per urtare negativamente la forza muscolare e la funzione. I partecipanti a questo studio hanno esibito i livelli adeguati di vitamina D senza le differenze significative fra i gruppi.

I risultati da questo studio universale degli Americani più anziani evidenziano la necessità per l'educazione più permanente ed agli gli interventi basati a prova di supportare questa popolazione vulnerabile. Ciò è particolarmente critica dalla massa diminuita del muscolo, dalla resistenza e dalla funzione fisica - quel risultato da proteina insufficiente e da stato nutrizionale basso - tutto il rischio degli adulti più anziani di accrescimento più ulteriore per le cadute e le conseguenze associate e spesso sfavorevoli.„

Safiya George, Ph.D., decano e professore nell'istituto universitario della Christine E. Lynn di FAU di professione d'infermiera

Source:
Journal reference:

Gropper, S.S. et al. (2019) Differences In Nutritional And Physical Health Indicators Among Older African Americans, European Americans, And Hispanic Americans. Journal of Nutrition in Gerontology and Geriatrics. doi.org/10.1080/21551197.2019.1628159.