Il punteggio cardiaco semplice di rischio può predire le probabilità della placca dell'arteria carotica e dei colpi silenziosi

Un punteggio cardiaco semplice di rischio può indicare chi può avere la placca dell'arteria carotica e colpi silenziosi che vengono spesso prima di un colpo clinico serio.

I risultati vengono da uno di più grandi studi (MRI) di gruppo di imaging a risonanza magnetica in America settentrionale, uno studio destinato per capire i fattori di rischio connessi con la malattia cerebrovascolare prima che la persona sia informata di.

La ricerca, pubblicata oggi nella rappresentazione cardiovascolare del giornale europeo del cuore, proviene da Alliance canadese per i cuori sani e si occupa dello studio di gruppo piombo dall'istituto di ricerca di salubrità della popolazione della McMaster University e delle scienze di salubrità di Hamilton (PHRI), a Hamilton, il Canada.

Per questo documento, la ricerca ha fatto partecipare 7.549 adulti con un'età media di 58 anni, più della metà di cui (55%) sono le donne dall'altro lato del Canada.

Lo studio indica che per quei partecipanti che non hanno una cronologia della malattia di cuore o non segnano che un punteggio cardiaco semplice di rischio - una misura sommaria dei fattori quali pressione sanguigna, diabete, il fumo, il grasso addominale ed i fattori dietetici - è associato con la malattia cerebrovascolare preclinica MRI-individuata come la placca dell'arteria carotica ed i colpi silenziosi.

Questi fattori di rischio cardiovascolari sono associati con la malattia precoce delle arterie che è presente prima che malattia clinica quale il colpo e suggerisce che l'individuazione tempestiva ed il trattamento di questi fattori di rischio comuni sia importanti nella prevenzione delle malattie.

Questi risultati sono importanti poichè mostrano che quella malattia vascolare delle arterie carotiche e colpi silenziosi quale non sono clinicamente evidenti sia più frequente negli uomini ed in donne che hanno più fattori di rischio per la malattia cardiovascolare. Ciò implica che schermare ed il trattamento dei fattori di rischio cardiovascolari possano impedire la malattia cerebrovascolare lo sviluppo.„

Dott. Sonia Anand, ricercatore co-principale dello studio di gruppo, scienziato senior a PHRI e professore di medicina a McMaster

Lo studio piombo da Sonia Anand con Matthias Friedrich, professore dei dipartimenti di medicina e di radiodiagnostica alla McGill University e un grande gruppo dei ricercatori dall'altro lato del Canada.

“Questo nuovo studio convalida il cuore & gli sforzi in corso del colpo sulla connessione del cuore-cervello,„ ha detto Anne Simard, ufficiale principale della ricerca e di missione per il cuore e le fondamenta del colpo.

“Rinforza i risultati del nostro chesi rompono 2019 rapporto (DIS) connesso: I collegamenti non visti stanno mettendoci al rischio, che ha mappato sistematicamente le connessioni fra salubrità del cuore e salubrità del cervello. La prova che le malattie vascolari profondamente sono collegate continua a svilupparsi e che i mezzi un più grande e problema più spaventoso per la maggior parte della gente nel Canada come 90 per cento sono a rischio della malattia cardiovascolare.„