Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio valuta le opzioni del trattamento in afroamericani con asma male controllata

Un nuovo studio degli afroamericani con asma male controllata, ha trovato le differenze nelle risposte dei pazienti ai trattamenti comunemente usati. Il contrario al che ricercatori avevano preveduto, quasi metà dei bambini piccoli nello studio ha risposto diversamente che i bambini e gli adulti più anziani e che i bambini bianchi negli studi priori.

I centri multipli, compreso l'ospedale pediatrico di Robert & di Ann H. Lurie di Chicago, hanno partecipato a questo studio che è stato costituito un fondo per da cuore, dal polmone e dall'istituto nazionali di sangue (NHLBI), parte degli istituti della sanità nazionali.

Non dovremmo supporre che le strategie correnti del trattamento per asma sono ideali per tutti gli afroamericani per molti anni da quella popolazione adeguatamente non sono state rappresentate nella ricerca. Abbiamo trovato che quasi la metà dei bambini afroamericani studiati ha risposto meglio ad aumentare la dose dei corticosteroidi inalati che aggiungendo un broncodilatatore a lunga azione. Quindi, aggiungere un broncodilatatore a lunga azione non può essere la giusta risposta per quasi la metà dei bambini afroamericani.„

Elliot Israele, M.D., autore senior di studio e Direttore di ricerca clinica nella divisione polmonare e critica della medicina di cura a Brigham ed all'ospedale delle donne

NHLBI ha costituito un fondo per questa ricerca per valutare il migliore approccio alla gestione di asma in afroamericani, che soffrono le tariffe molto più alte degli attacchi di asma seri, delle ospedalizzazioni e delle morti in relazione con l'asma che i bianchi. I risultati compaiono oggi in New England Journal di medicina.

I ricercatori esaminati come intensificare o “aumentano„ i trattamenti per gli afroamericani di cui l'asma non era stata trattata adeguatamente con le dosi basse dei corticosteroidi inalati, il trattamento cominciante standard di asma. Le scelte del trattamento nella prova hanno compreso l'aumento della dose dello steroide inalato, aggiungendo un broncodilatatore duraturo (usato per aiutare le gallerie di ventilazione aperte), o entrambi.

“Un altro asportabile importante da questo studio è che i bambini afroamericani con asma male controllata hanno una buona probabilità di risposta a qualsiasi steroide inalato aumentante che dosano o che aggiungono un broncodilatatore a lunga azione, in modo da se un bambino non risponde ad un approccio, è ragionevole provare l'altra opzione,„ ha detto il co-author Jacqueline Pongracic di studio, MD, capo divisione dell'allergia e l'immunologia ai bambini di Lurie e professore della pediatria e medicina alla scuola di medicina di Feinberg di Northwestern University.

Sulla base degli studi priori, i ricercatori hanno preveduto che quello aumentare la dose inalata del corticosteroide piombo a miglioramento nella maggior parte dei bambini afroamericani che hanno bisogno del trattamento per asma.

I ricercatori hanno trovato che in bambini al di sotto di 12 anni, qualsiasi approccio era efficace: quasi a metà (46%) risposto meglio ad aumentare la dose inalata del corticosteroide da solo ed appena l'altrettanto (46%) risposto meglio all'aumento della dose inalata del corticosteroide e ad aggiungere un broncodilatatore duraturo.

“Questo studio suggerisce che non possiamo esaminare i risultati da una popolazione ed estrapolare i risultati agli afroamericani o a qualunque altro gruppo,„ ha detto Michael Wechsler, M.D., il ricercatore principale per alla la migliore risposta afroamericana fondata NHLBI alle droghe di asma (BARDO) studia e professore di medicina a salubrità ebrea nazionale a Denver.

Lo studio multicentrato ha incluso 574 partecipanti; circa metà di cui erano le età 5-11 e mezzi 12 anni e più vecchio. Tutti i partecipanti a questo studio hanno avuti almeno un nonno afroamericano auto-identificato, con una media dell'ascendenza africana di circa 80%, in base a test genetico.

Degli adolescenti oltre 11 anno e degli adulti, più (49%) risposto meglio ad aggiungere un broncodilatatore duraturo che ad aumentare la dose inalata del corticosteroide, sebbene 20-25% in questo gruppo non evidenzi differenza nelle loro risposte a questi approcci.

“Questo studio è un punto importante in direzione della fornitura della cura personale di asma ai pazienti sia esaminando le disparità razziali che identificando le differenze nelle risposte di trattamento fra i bambini e gli adulti con asma,„ ha detto il co-author Rachel Robison, MD di studio, da divisione dell'allergia e dell'immunologia dei bambini di Lurie, che egualmente è assistente universitario dell'allergia/immunologia al banco di Feinberg di Northwestern University di Medine.

I ricercatori anche esaminati se le caratteristiche pazienti, compreso l'ascendenza genetica, potrebbero essere usate per predire la risposta al “aumentano„ i trattamenti nei partecipanti di studio. Ma erano incapaci di usare i geni indicativi dell'ascendenza africana, o c'è ne delle altre caratteristiche che pazienti hanno misurato in questo gruppo di pazienti, predire la risposta del trattamento.

“Sebbene non possiamo attribuire i risultati dello studio ai marcatori genetici dell'ascendenza africana, ci potrebbero essere finora varianti genetiche sconosciute specifiche alla gente di origine africana che pregiudica quanto severo l'asma di un paziente è,„ ha detto Wechsler.

Prima che la prova cominci, i ricercatori non hanno non invitare i partecipanti ad avere una migliore risposta ai regimi terapeutici che hanno incluso i broncodilatatori duraturi, malgrado l'inclusione di questi agenti nelle raccomandazioni del trattamento. Hanno detto che sono stati sorpresi che molti (46% dei bambini piccoli e 49% dei bambini e degli adulti più anziani) sono migliorato con i broncodilatatori duraturi.

“Questi risultati forniscono i nuovi dati circa la gestione dei pazienti di asma che auto-identificano come afroamericano indipendentemente dall'ascendenza genetica,„ hanno detto James Kiley, il Ph.D., Direttore della divisione delle affezioni polmonari a NHLBI. “Ogni persona ed il loro fornitore dovrebbero esplorare tutte le loro scelte della gestione per raggiungere il controllo massimo di asma, in base alla loro risposta ai farmaci specifici.„

Source:
Journal reference:

Wechsler, M.E. et al. (2019) Step-Up Therapy in Black Children and Adults with Poorly Controlled Asthma. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa1905560.