30 per cento dei bambini del mondo non protetti contro rosolia

Un nuovo studio effettuato dall'organizzazione mondiale della sanità e dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) dice che una pietra miliare storica è stata attraversata 50% dei bambini del mondo è ora sicuro da rosolia, o da rosolia. La malattia non è stata diagnosticata per un anno o più in più di 80 paesi dappertutto. Ciò è stata raggiunta da copertura sempre più vasta della popolazione del bambino in paesi più a basso reddito con il vaccino di rosolia - una cassaforte ed il vaccino altamente efficace che protegge più di 95% dei vaccinees dalla malattia.

Paziente di rosolia. Credito di immagine: Akkalak Aiempradit/Shutterstock
Paziente di rosolia. Credito di immagine: Akkalak Aiempradit/Shutterstock

La rosolia attivamente è mirata a in bambini non a causa della sua severità clinica ma a causa dei problemi che può causare al feto futuro se pregiudica una donna incinta. Effettivamente, è fra il più delicato delle infezioni virali, spesso passando completamente inosservato, o con appena un'eruzione leggera che scompare nei 3 giorni al massimo. Tuttavia, nella rosolia iniziale di gravidanza, le probabilità sono 90% che il virus entrerà nei tessuti di sviluppo del bambino pure. Ciò può lasciare il bambino morto o severamente devastante, con i difetti congeniti multipli nel cuore, occhi ed orecchie - compreso una sindrome congenita caratteristica di rosolia (CRS) - come pure un futuro dell'inabilità per tutta la vita.

Il CRS comprende la disfunzione della sordità (presente in due terzi), di autismo, del diabete e della tiroide, che richiedono la cura per tutta la vita e/o il trattamento medico costoso ed altamente specializzato. L'incidenza della malattia nei precedenti tempi di prevaccine era alta quanto 4/1000. Infatti, 1964 hanno veduto un'epidemia importante con 12,5 milione infezioni di rosolia e 20.000 bambini di CRS - per non menzionare più di 11.000 bambini nati- ed aborti. Oggi, il CRS è più probabile in paesi con copertura difficile della vaccinazione, in cui il virus può ancora spargersi alle donne che sono durante i loro anni riproduttivi.

La rosolia è altamente contagiosa e richiede un alto livello di di popolazione coperta. Il vaccino è un vaccino attenuato in tensione e fornisce l'immunità a lungo termine. Sia i vaccini monovalenti che polivalenti sono disponibili, il precedente che contiene soltanto la rosolia mentre l'altro contiene ulteriormente il morbillo, la parotite epidemica e/o il vaccino contro la varicella. Il vaccino è sicuro e ben-tollerato solitamente.

Tuttavia, lo studio avverte, questa non è stanza per soddisfazione, poichè il virus può rifare la superficie di rapidamente se la tariffa della vaccinazione frana significativamente giù. Il ricercatore Shalini Desai dice, “il solo modo assicurare la protezione contro rosolia è di assicurarsi che tutti i bambini siano vaccinati contro di, accanto ai sistemi di sorveglianza che sono abbastanza forti individuare rapidamente i casi e rispondere rapido per fermare la diffusione - particolarmente alle donne incinte.„

Attualmente, circa 100.000 bambini nascono con CRS ogni anno. Per tenere questo numero giù e per eliminare l'infezione da più paesi, le organizzazioni di salute pubblica vogliono il vaccino di rosolia essere incluse nei programmi nazionali di immunizzazione - come già sta presentandosi negli stati membri 168/194 di del WHO. È data tipicamente congiuntamente a parotite epidemica ed al vaccino contro il morbillo per permettere tale incorporazione.

Il secondo punto comprende i programmi robusti di sorveglianza di malattia che sorveglieranno l'emergenza del virus ogni volta che accade, in modo da tenere la carreggiata gli aumenti possibili man mano che la malattia è inclusa in una regolazione in cui era diventato rara.

L'eliminazione di rosolia è in accordo con il piano d'azione vaccino globale (GVAP) che è puntato su che impedisce milioni di morti vaccino-evitabili consentendo l'accesso universale ai vaccini di alta qualità da ora al 2020. A partire da ora, tuttavia, questa pianificazione non sta funzionando come pure preveduto.

Nel caso di rosolia, l'emissione primaria è con 26 paesi, principalmente in Africa, che il vaccino di rosolia non fa parte del programma. Realmente, 60% dei paesi africani non forniscono al vaccino libero di rosolia. Questi 26 paesi rappresentano quasi un terzo dei bambini universalmente.

La volontà politica e la direzione a livello comunitario saranno richieste per raggiungere l'eliminazione di malattia. Attualmente, quasi 70% degli infanti sono protetti, confrontato nel 2016 a 47%. Il WHO riferisce che il numero dei casi di rosolia è andato dal 2000 al 2018 giù da 97%, ma la copertura è incidenza di CRS ed e più bassa il più su, in Africa ed alcune parti di Sud-est asiatico. La risposta del WHO è in parte il lancio dell'iniziativa del morbillo, ora rinominato l'iniziativa di rosolia & del morbillo, nell'ambito di cui il morbillo e la rosolia pianificazione per eliminarsi in almeno 5 regioni del WHO da ora al 2020. Il WHO è gruppo di esperti consultivo strategico (SALVIA) su immunizzazione ha raccomandato di fare la parte di vaccinazione contro la rosolia dell'immunizzazione sistematica. Il WHO consiglia la messa a fuoco sull'immunizzazione sistematica come pure mirata a completamente per proteggere i bambini del mondo, presenti e futuri, contro questo nemico insidioso quale sta rubando migliaia dei bambini.

Sources:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, October 07). 30 per cento dei bambini del mondo non protetti contro rosolia. News-Medical. Retrieved on January 29, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20191007/30-percent-of-the-worlde28099s-children-not-protected-against-rubella.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "30 per cento dei bambini del mondo non protetti contro rosolia". News-Medical. 29 January 2020. <https://www.news-medical.net/news/20191007/30-percent-of-the-worlde28099s-children-not-protected-against-rubella.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "30 per cento dei bambini del mondo non protetti contro rosolia". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20191007/30-percent-of-the-worlde28099s-children-not-protected-against-rubella.aspx. (accessed January 29, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. 30 per cento dei bambini del mondo non protetti contro rosolia. News-Medical, viewed 29 January 2020, https://www.news-medical.net/news/20191007/30-percent-of-the-worlde28099s-children-not-protected-against-rubella.aspx.