L'estrogeno ambientale carica i bambini in uteri delle madri

Xenoestrogens è assorbito attraverso l'ambiente, particolarmente attraverso alimento. Come sostanze del tipo di estrogeno, possono avere un effetto profondo sul bilanciamento ormonale dell'organismo. Zearalenone, l'estrogeno diffuso dell'alimento, è costituito dai funghi del genere di Fusarium e fornisce il nostro organismo pricipalmente via la nostra dieta con pane o i muesli.

La barriera placentare offre al feto certa protezione contro i batteri, i virus ed alcune sostanze quali alcuni farmaci o tossine ambientali assorbenti dall'ente. Ma lo zearalenone migra attraverso la placenta, poichè ora abbiamo potuti mostrare per la prima volta.„

Benedikt Warth dall'istituto di chimica alimentare e di tossicologia all'università di Vienna

Placenta umana unica

Il percorso dello zearalenone tramite l'utero ha potuto essere determinato nelle analisi facendo uso completamente - delle placente funzionali disponibili dopo i tagli cesarei previsti. “È cruciale usare le placente umane per ottenere i risultati significativi riguardo al trasporto e metabolismo dello zearalenone,„ dice il ricercatore Tina Bürki di Empa dal laboratorio di interazioni di Particella-Biologia a St Gallen. “Le ragioni sono i beni della placenta umana, perché la struttura, la funzione e la capacità metabolica sono uniche e specifiche.„

I ricercatori non solo hanno determinato le concentrazioni di zearalenone nel tessuto della placenta stessa. Facendo uso di un elemento nutritivo prima e dopo l'entrata dalla placenta, egualmente hanno simulato l'area del trasporto di massa a cui il feto è esposto. Allo stesso tempo, potevano studiare i vari prodotti metabolici prodotti dagli enzimi nella placenta.

70-fold ha aumentato l'attività

“Non appena ingeriamo le sostanze ambientali, questi solitamente sono disintossicati ed espelsi dal nostro metabolismo. Tuttavia, ci sono egualmente enzimi che attivano più forte queste sostanze,„ hanno detto Bürki. In questo caso, anche, la placenta forma un nuovo prodotto metabolico dallo zearalenone con più alta 70 volte attività dell'estrogeno di circa. Anche le concentrazioni basse hanno potuto avere un maggior effetto sul feto che precedentemente presupposto. “Questi risultati dovrebbero essere considerati nelle valutazioni del rischio future - anche se i limiti per i sostituti del latte materno e degli alimenti per bambini già sono regolamentati più rigorosamente che per altri prodotti e l'UE ha introdotto le soglie più basse del mondo,„ dice Benedikt Warth.

Il bilanciamento ormonale dell'organismo è altamente sensibile. È presupposto che l'esposizione presto nella vita agli estrogeni non Xeros molti decenni più tardi potrebbe avere un effetto sulle varie malattie quali il petto o il cancro cervicale, ma anche su altre manifestazioni quali pubertà o la sterilità prematura. “Finché ulteriori risultati della ricerca non siano disponibili, uno può raccomandare soltanto una dieta equilibrata per diminuire l'esposizione alle tossine,„ ha detto il gruppo degli autori.

Il metodo analitico permette la rilevazione simultanea di più di 50 estrogeni non Xeros differenti in campioni biologici. “Il nostro metodo include le sostanze non Xeros praticamente importanti che pregiudicano il sistema dell'estrogeno. Ciò egualmente include numeroso altre sostanze che sono corrente l'argomento di molta discussione, quali il bisfenolo A o gli antiparassitari,„ dice Warth. Con il nuovo metodo analitico, i ricercatori sperano di potere studiare meglio l'esposizione e gli effetti combinatori degli agenti inquinanti ambientali nel corpo umano in futuro.

Source:
Journal reference:

Warth, B., et al. (2019) Transfer and Metabolism of the Xenoestrogen Zearalenone in Human Perfused Placenta. Environmental Health Perspectives. doi.org/10.1289/EHP4860.