Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova unità della auto-raccolta di sangue valuta rapidamente l'esposizione di una persona a radiazione

Un istituto universitario di università dell'Arizona di medicina - il gruppo di ricerca di Phoenix ha sviluppato un'unità della auto-raccolta di sangue per valutare rapidamente l'esposizione di una persona a radiazione in caso di incidente nucleare o attacco.

Piombo da Jian Gu, PhD e scienziati al centro della facoltà di medicina per NanoBioscience applicato e medicina (ANBM), lo studio riferisce lo sviluppo di un sistema per l'imballaggio delle componenti critiche di un kit tradizionale della sangue-raccolta per creare un collettore integrato di sangue del fingerstick per le contromisure di radiazione.

Lo studio, “sviluppo di un'unità integrata della auto-raccolta di sangue del fingerstick per le contromisure di radiazione,„ è stato pubblicato il 16 ottobre in PLOS UNO, un giornale pari-esaminato di aperto Access che funzionalità ricerca, commento ed analisi attraverso tutti i settori scientifici e medicina.

Un'analisi del sangue di facile impiego e autosomministrata che potrebbe valutare rapidamente l'esposizione a radiazioni di una persona aiuterebbe il trattamento medico di emergenza della valutazione in caso di evento radiologico o nucleare. Il ministero degli Stati Uniti dei servizi sanitari e sociali lungamente ha cercato i modi riflettere l'esposizione a radiazioni di una popolazione che segue un tal evento.

La nostra ricerca ha risposto ad un'esigenza critica della raccolta e della lavorazione del campione nella logistica biodosimetry dopo un evento radiologico su grande scala delle contromisure di radiazione.

Jian Gu, PhD

La dosimetria biologica determina l'entità del danno a DNA causato tramite radiazione ionizzante connessa con un'esposizione acuta di una bomba sporca o di un incidente nucleare. Nella radiazione ionizzante, gli elettroni sono battuti dagli atomi e formano le particelle fatte pagare.

In un evento nucleare, le centinaia di migliaia di gente dovrebbero essere schermate molto in un periodo ridotto e l'infrastruttura medica tradizionale per la raccolta di sangue non può essere disponibile.

Gli esemplari devono essere preparati per le analisi biodosimetry dopo la raccolta. Queste analisi misurano i cambiamenti fisici nei tessuti di una persona da radiazione. Il lavoro del Dott. Gu si è concentrato sul trattamento di raccolta e di preparazione del sangue per verificare i livelli di esposizione fornendo un'unità che permette che una persona raccolga il loro proprio campione che potrebbe mescolarsi automaticamente con i reagenti di analisi per accelerare il trattamento.

Facendo uso di stampa 3-D, un tubo a vuoto miniaturizzato, accoppiato con i capillari integrati e una lancetta, da costruzione in un'unità della auto-raccolta che può elaborare l'esemplare di sangue per sia citogenetico che in un'espressione genica biodosimetry che poi sarebbe analizzata in un laboratorio bioanalytical centralizzato. Misure biodosimetry citogenetiche la risposta dei linfociti di circolazione di sangue nell'organismo per stimare esattamente la dose di radiazioni assorbente. Misure biodosimetry di espressione genica i livelli di espressione di comitato dei geni sensibili alla radiazione per la dose assorbita. I risultati hanno potuto essere restituiti in un giorno in prove di espressione genica e tre giorni con le prove cytogenic.

L'unità era di facile impiego per la gente che non aveva utilizzato mai un collettore di sangue del fingerstick ed i risultati consegnati simili ai campioni si sono raccolti facendo uso dei metodi tradizionali, il Dott. Gu ha detto. Il formato integrato ha evitato la possibilità di contaminazione.

“Il collettore integrato allevierà il grave ostacolo della raccolta del campione per le contromisure di radiazione che seguono un evento nucleare su grande scala e può essere utile in altre applicazioni con la sua auto-raccolta e capacità di lavorazione del campione del reagente del liquido,„ il Dott. Gu ha detto.

Lo studio fa parte degli istituti nazionali di una memoria del programma di salute, piombo dal 2005 da Frederic Zenhausern, il PhD, MBA, Direttore concentrare di ANBM, in società con la Columbia University e la Georgetown University, nell'ambito di un istituto nazionale U19 della concessione delle malattie infettive e di allergia, promosso dal centro per le contromisure mediche contro radiazione. Gruppi all'istituto universitario di uA di medicina - Phoenix e la Columbia University hanno co-sviluppato tre piattaforme importanti di analisi per alto-capacità di lavorazione biodosimetry, compreso espressione genica, la citogenetica (un ramo della genetica responsabile di come i cromosomi si riferiscono a comportamento delle cellule durante la mitosi e la meiosi) e il metabolomics (lo studio di piccole molecole, o di metaboliti all'interno delle celle, del sangue o dei tessuti).

Nel 2009, il Dott. Zenhausern ed il suo gruppo egualmente hanno assicurato due grandi contratti simultanei dello sviluppo dall'autorità avanzata biomedica di ricerca e sviluppo (BARDA) - uno pubblicato all'Arizona State University e ad un secondo alla Duke University ed al uA. Queste iniziative ora hanno prodotto parecchi brevetti, le pubblicazioni e uno start-up, i sistemi diagnostici di DxTerity, che poi ha ricevuto tanto come un contratto di acquisizione di $150 milioni BARDA per lo sviluppo avanzato e la consegna del suo REDI-Dx® provano, la prima analisi di CE-IVD per radiazione biodosimetry (2018).

Source:
Journal reference:

Gu, J. et al. (2019) Development of an integrated fingerstick blood self-collection device for radiation countermeasures. PLOS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0222951