Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'agente novello diminuisce l'accumulazione delle proteine tossiche nei modelli animali di Alzheimer e di Parkinson

I neuroscenziati al centro medico di Georgetown University dicono che hanno messo a punto e sperimentato un agente che diminuisce l'accumulazione delle proteine tossiche nei modelli animali sia di Parkinson che dei morbi di Alzheimer e migliorano il comportamento del motore e conoscitivo.

Il gruppo presenterà i loro risultati circa l'agente, CM101 (anche conosciuto come BK40143), in una presentazione orale alla riunione annuale della società per la neuroscienza in Chicago il 22 ottobre.

CM101 funziona accendendo il sistema “dei tritarifiuti„ di un neurone che è destinato per eliminare le proteine indesiderate e tossiche, quali la tau e amiloide-beta 42, tra altri composti, trovati spesso nel morbo di Alzheimer e l'alfa-synuclein, spesso ha trovato nella malattia del Parkinson.

Una dose molto bassa di CM101 lancia sui tritarifiuti in neuroni del cervello per alcune ore al giorno, abbastanza appena per fornire una piccola festività sulle proteine neurotossiche nelle celle. Col passare del tempo, questa accumulazione negli inizio dei neuroni annullare via.„

Charbel Moussa, MBBS, PhD, l'autore senior dello studio, Direttore del programma di traduzione di GUMC Neurotherapeutics, professore associato di neurologia di Georgetown

Questo lavoro è una continuazione della ricerca di Moussa su come gli agenti conosciuti come gli inibitori della chinasi della tirosina possono produrre questa reazione e potenzialmente fermare le malattie neurodegenerative. Il suo lavoro piombo ai test clinici con due droghe di cancro repurposed che sono inibitori della chinasi della tirosina -; nilotinib e bosutinib.

Queste due droghe si arrendono le dosi che sono fino a 10 volte più su trattare la leucemia ed altri cancri di sangue che che cosa è necessario avviare il pulito da accumulazione della proteina in neuroni.

“L'idea con queste frequenti dosi elevate è quella divisione cellulare o proliferazione gestente mentre tengono i tritarifiuti lavorare fuori orario incenerirà le celle che stanno dividendo rapido. Queste cellule tumorali si cannibalizzeranno,„ dice il Fowler di Alan, autore dello studio il primo e un candidato di PhD nel laboratorio di Moussa.

Il nuovo avanzamento con CM101 riflette la ricerca nel laboratorio di Moussa che ha preso in giro a parte le vie differenti influenzate dagli inibitori differenti della chinasi (TK) della tirosina.

Gli enzimi di TK sono trovati nella maggior parte dei tipi delle cellule ed hanno molte funzioni, compreso la segnalazione delle cellule, la crescita e la divisione.

I ricercatori hanno scoperto che il nilotinib e il bosutinib inibiscono una serie di TKs differente, compreso i ricevitori 1 e 2 del dominio di Abelson (Abl) e di Discoidin (la RDT). Tuttavia, gli esami più approfonditi provano che DDRs può essere le chiavi primarie ad inserirsi i tritarifiuti in cellule cerebrali influenzate dal neurodegeneration, Fowler spiega.

Il nuovo composto, CM101, progettato e sintetizzato in collaborazione con il professor lupo cristiano ed il suo gruppo di chimica al centro medicinale delle risorse comuni della chimica di Georgetown, mette a fuoco specificamente sull'inibizione DDR1 e dei 2.

“Repurposing le droghe dell'inibitore di TK verso i disordini neurodegenerative -; la vasta maggioranza di cui accumulazione tossica della funzionalità in cellule cerebrali,„ Moussa dice. “I nostri studi suggeriscono gli impianti di questa strategia in neuroni che sono malati ma rimangono abbastanza vitali da essere riprogrammato.„

Sia il nilotinib che il bosutinib stanno studiandi nei test clinici per la gente con le malattie neurodegenerative.

“Questo agente ha subito l'estesa prova in parecchi modelli animali del neurodegeneration e rappresenta un buon candidato che dovrebbe essere studiato nelle prove primo in umane. Finora abbiamo indicato che questo agente ha un'efficacia superiore per rimuovere le proteine neurotossiche in animali confrontati ai simili agenti ed abbiamo identificato DDRs come obiettivo preferenziale ed ottimale della droga. Il punto seguente è di studiare la tossicità della droga per ottenere l'autorizzazione regolatrice per l'applicazione umana,„ Moussa ha aggiunto.