Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'amministrazione dinamica di amminodarone ai pazienti dopo cardiochirurgia comune migliora i risultati

L'amministrazione dinamica di amminodarone ai pazienti che recuperano da una cardiochirurgia comune mostra la promessa nell'impedire la fibrillazione atriale postoperatoria, una complicazione seria e costosa con le conseguenze a lungo termine potenziali.

“Diminuendo fibrillazione atriale di nuova insorgenza dopo che l'ambulatorio dell'innesto di esclusione di arteria coronaria„ discute come ospedale di Beaumont, Dearborn, Michigan, sviluppato ed applicato ad un protocollo basato a prova per usare l'amminodarone come profilassi dopo la chirurgia dell'innesto di esclusione di arteria coronaria (CABG). L'articolo è pubblicato nella cura critica avanzata AACN.

Il progetto di miglioramento di qualità ha provocato un'incidenza in diminuzione della fibrillazione atriale postoperatoria (POAF) (17% contro 25%) e di più brevi durate del soggiorno medie. I risultati indicano che il protocollo potrebbe diminuire significativamente i costi, migliorare i risultati pazienti ed aumentare la qualità dell'assistenza globale.

POAF è il dysrhythmia più comune da accadere dopo la chirurgia di CABG, pregiudicante 10% - 40% dei pazienti. A Beaumont, quasi un quarto dei pazienti con CABG ha sviluppato POAF nel 2016 e durante il semestre nel 2017, stabilendo un riferimento per lo studio.

Co-author Melanie Coletta, DNP, CCRN, AGACNP-BC, stato un professionista cardiothoracic dell'infermiere all'ospedale. Il gruppo di ricerca pluridisciplinare egualmente ha incluso il capo di ambulatorio cardiaco e toracico e uno specialista clinico del farmacista della cardiologia come pure facoltà dal programma del professionista dell'infermiere all'istituto universitario di professione d'infermiera e dalla salubrità all'università vicina di Madonna.

Prima del protocollo, abbiamo amministrato reattivo l'amminodarone per trattare POAF, piuttosto che dinamico per impedirlo. Stiamo continuando a valutare e regolare il protocollo per migliorare i risultati pazienti e per generare i dati supplementari per supportare una linea guida di pratica clinica potenziale specifica alla prevenzione di POAF nella popolazione paziente chirurgica cardiaca.„

Melanie Coletta, professionista cardiothoracic dell'infermiere e co-author

Dopo un'estesa revisione bibliografica, il gruppo di ricerca ha collaborato per sviluppare un protocollo della profilassi dell'amminodarone POAF, compreso la determinazione quali pazienti hanno risposto ai criteri dell'inclusione, amministrazione del farmaco e strategia di dosaggio. Un insieme di ordine per il protocollo poi è stato creato ed incluso stato nella cartella medica elettronica come componente dell'insieme postoperatorio di ordine dell'ambulatorio cardiaco.

Complessivamente 68 ambulatori di CABG sono eseguito stati dal 1° novembre 2017, al 15 febbraio 2018. Dopo le esclusioni, 47 pazienti hanno completato il protocollo e sono stati inclusi nell'analisi statistica.

Otto dei pazienti che ricevono la profilassi dell'amminodarone (17%) non ne hanno sviluppato POAF e loro sono stati riammessi con il dysrhythmia entro 30 giorni di scarico. Inoltre, la durata del soggiorno media per l'intero gruppo di studio era dei sei giorni, che fa parte del calendario di risarcimento di CABG dei sette giorni. Nel gruppo 2017 del riferimento, la durata del soggiorno media era dei sette giorni per i pazienti senza POAF e degli otto giorni per coloro che lo ha sviluppato.

L'articolo fa parte di un simposio pubblicato nell'edizione di caduta 2019 del giornale pari-esaminato che mette a fuoco sui positivi e sulle quantità negative dei farmaci nella cura critica.

Maria Fran Tracy, PhD, Marina militare, APRN, CCNS, ha servito da editore per il simposio. È professore associato, università di banco di Minnesota (UM) di professione d'infermiera e scienziato dell'infermiere al centro medico di UM.

“I farmaci sono strumenti potenti nell'arsenale per cura paziente, particolarmente nella cura critica, ma possono essere sia amico che nemico,„ ha detto. “Stiamo acquisendo la conoscenza d'avanzamento relativa alle nuove e droghe tradizionali come pure la comprensione aumentata di come le persone rispondono ai farmaci con gli entrambi si appropria ed uso illecito.„

Source:
Journal reference:

Coletta, M.J., et al. (2019) Reducing New-Onset Atrial Fibrillation After Coronary Artery Bypass Graft Surgery. AACN Advanced Critical Care. doi.org/10.4037/aacnacc2019470.