Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La mutazione della proteina che causa le malattie di viscere infiammatorie diventa disfunzionale

Un nuovo studio piombo dai ricercatori all'ospedale di St Michael ed alla principessa Margaret Cancer Centre a scuola di medicina dell'università di Zhejiang e del Canada in Cina ha scoperto perché una mutazione della proteina che causa le malattie di viscere infiammatorie è disfunzionale.

Pubblicato oggi nella scienza, la ricerca messa a fuoco sulle proteine dominio-contenente 1 e 2. di oligomerizzazione dell'nucleotide-associazione conosciuti come il CENNO DEL CAPO 1 ed il CENNO DEL CAPO 2, questi è ricevitori della proteina codificati dai geni di CENNO DEL CAPO. Riconoscono i prodotti batterici e spingono il sistema immunitario ad agire rapidamente per combattere l'infezione. Alcune varianti di causa di CENNO DEL CAPO 1 e di CENNO DEL CAPO 2 una mancanza di risposta immunitaria, mentre altre overstimulate il sistema immunitario. Le differenze nel gene di CENNO DEL CAPO 2 sono associate con molte malattie, compreso la malattia di viscere infiammatoria (IBD).

IBD induce le sezioni del tratto gastrointestinale ad essere irritate ed ulcerate, causando il dolore ed il disagio ai pazienti. Ogni anno, più di 10.000 canadesi sono diagnosticati con questi tipi di disordini.

Sebbene abbiamo scoperto molto per quanto riguarda l'impatto delle mutazioni del CENNO DEL CAPO 1 e del CENNO DEL CAPO 2 su IBD, non c' è stato una ragione soddisfacente quanto a perché alcune varianti causano la malattia infiammatoria.

Dott. Greg Fairn, uno scienziato al centro di ricerca di Keenan per scienza biomedica di St Michael.

Il gruppo ha precisato per capire il trattamento molecolare che determina come il CENNO DEL CAPO 1 ed il CENNO DEL CAPO 2 riconoscono i batteri e come questo urta la loro capacità di segnalare una risposta immunitaria appropriata. Gli scienziati hanno collaborato in quattro anni per scoprire questa funzione ed il Dott. Fairn accredita il loro successo ad uno sforzo pluridisciplinare e multinazionale che ha provocato la scienza rigorosa.

Hanno trovato quel palmitoylation, il trattamento tramite cui gli acidi grassi fissano alle proteine per alterare la posizione della proteina all'interno delle celle, sono essenziali per suscitare la segnalazione immune del CENNO DEL CAPO 1 e CENNO DEL CAPO 2. in particolare, hanno identificato un enzima che aiuta nel collegamento degli acidi grassi alle proteine - conosciute come ZDHHC5 - come il tasto ad aprire questo trattamento che altera la funzione di CENNO DEL CAPO 1 e di CENNO DEL CAPO 2.

“I nostri risultati indicano l'importanza potenziale del palmitoylation - troppo o troppo poco di questo trattamento può urtare l'infiammazione,„ il Dott. Fairn ha detto. “Ora, la domanda è se c'è potenziale regolare questo trattamento all'un giorno piombo al trattamento per vari disordini infiammatori.„

Il gruppo di ricerca della multinazionale spera che questo lavoro sia una pietra facente un passo a scoprire più circa le ragioni molecolari dietro perché le varianti di queste proteine urtano la salubrità dell'intestino.

“Ci sono più alla storia - mirare alla segnalazione basata a cenno del capo è soltanto un intervento potenziale di molti che siano stati necessari per una persona con infiammazione cronica e il microbiome alterato„ ha detto il Dott. Fairn.

“Le nostre osservazioni notevoli ci portano un punto più vicino ad una comprensione più profonda della scienza dietro le malattie come Crohn.„

Source:
Journal reference:

Lu, Y. et al. (2019) Amino Acids License Kinase mTORC1 Activity and Treg Cell Function via Small G Proteins Rag and Rheb. Science. doi.org/10.1126/science.aau6391