Gli anticorpi recentemente identificati hanno potuto piombo per migliorare i trattamenti ed i vaccini per influenza

Un insieme recentemente identificato di tre anticorpi ha potuto piombo per migliorare i trattamenti ed i vaccini contro influenza, secondo un documento pubblicato questa settimana nella scienza. I ricercatori di supporto dall'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID), parte degli istituti della sanità nazionali, hanno isolato gli anticorpi da un malato della persona con l'influenza i cinque giorni dopo l'inizio dei sintomi. Hanno trovato che gli anticorpi, che legano alle proteine (NA) della neuraminidasi sulla superficie dei virus dell'influenza, se vasta protezione contro vari sforzi di influenza una volta provato sia in vitro che in mouse.

La maggior parte dei vaccini antiinfluenzali sono destinati per stimolare una risposta immunitaria contro un'altra proteina trovata sulla superficie del virus dell'influenza chiamato hemagglutinin (HA). Tuttavia, le proteine dell'ha cambiano frequentemente mentre il virus si evolve. Di conseguenza, la gente deve ricevere una nuova vaccinazione stagionale di influenza ogni anno per essere protetta contro i virus dell'influenza corrente di circolazione. Le proteine del Na cambiano più lentamente delle proteine dell'ha e così potrebbero essere un buon obiettivo per un vaccino antiinfluenzale che assicura la protezione a lungo termine.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno catturato le celle producenti anticorpo dal sangue di un malato del volontario con influenza H3N2 e schermato per gli anticorpi monoclonali (mAbs). Gli anticorpi monoclonali sono anticorpi che sono destinati per legare ad un singolo obiettivo. I mAbs i ricercatori trovati sono stati provati in laboratorio a loro capacità di legare ai generi differenti di proteine di influenza. Di 45 mAbs provati, limite tre alle proteine del Na di una varietà virale di virus dell'influenza H3N2. Sopra ulteriore prova, questi tre mAbs egualmente limitano alle proteine del Na dal multiplo altri tipi di virus dell'influenza.

Per vedere se questi tre mAbs potrebbero contribuire ad impedire al virus dell'influenza di infettare le cellule di mammiferi, i ricercatori hanno trattato i mouse con i mAbs e poi li hanno infettati con differenti tipi di virus dell'influenza. I mAbs hanno inibito molti generi di proteine del Na dai tipi differenti di virus dell'influenza ed il protetto più dei mouse dalle infezioni severe di influenza. I mouse dati le dosi letali del virus dell'influenza H3N2 sono sopravvissuto a una volta trattati con le dosi basse dei tre anticorpi.

Se la prova supplementare supporta questi risultati iniziali, i ricercatori suggeriscono che questi mAbs potenti potrebbero trasformarsi nella base per un nuovo trattamento antivirale. Ulteriormente, gli anticorpi potrebbero informare lo sviluppo di nuovi vaccini antiinfluenzali destinati per indurre i simili anticorpi che potrebbero fornire la più vasta ed immunità più duratura che all'l'influenza basata a ha corrente

Source:
Journal reference:

Stadlbauer, D., et al. (2019) Broadly protective human antibodies that target the active site of influenza virus neuraminidase. Science. doi.org/10.1126/science.aay0678.