Gli avocado possono tenere il tasto all'obesità di gestione ed il diabete di impedimento

Il vostro guacamole può tenere il tasto all'obesità di gestione ed alla mora d'aiuto o impedire il diabete, secondo un nuovo studio da un'università di gruppo di ricerca di guelfo.

Per la prima volta, i ricercatori piombo da prof. Paul Spagnuolo hanno indicato come un composto trovato soltanto in avocado può inibire i trattamenti cellulari che piombo normalmente al diabete. In prova della sicurezza negli esseri umani, il gruppo egualmente ha trovato che la sostanza è stata assorbita nel sangue senza gli effetti contrari nel rene, nel fegato o nel muscolo.

Lo studio recentemente è stato pubblicato nella nutrizione molecolare del giornale e nella ricerca alimentare.

Circa uno in quattro canadesi è obeso, uno stato cronico che è una causa principale del diabete di tipo 2. L'insulino-resistenza in pazienti diabetici significa che i loro organismi non possono eliminare correttamente il glucosio dal sangue.

Quelle complicazioni possono sorgere quando i mitocondri, o le centrali elettriche di energia nei somatociti, non possono bruciare gli acidi grassi completamente.

Normalmente, l'ossidazione dell'acido grasso permette che l'organismo bruci i grassi. L'obesità o il diabete ostacola quel trattamento, piombo all'ossidazione incompleta.

U dei ricercatori di G ha scoperto che avocatin la B (AvoB), una molecola grassa trovata soltanto in avocado, l'ossidazione incompleta dei contatori in muscolo scheletrico ed il pancreas per diminuire l'insulino-resistenza.

Nel loro studio, il gruppo ha alimentato a mouse le diete ad alta percentuale di grassi affinchè otto settimane induca l'obesità e l'insulino-resistenza. Per le cinque settimane prossime, hanno aggiunto AvoB alle diete ad alta percentuale di grassi della metà dei mouse.

I mouse trattati hanno pesato significativamente di meno che quelli nel gruppo di controllo, mostrante l'obesità più lenta. Più importante, ha detto Spagnuolo, i mouse trattati indicati la maggior sensibilità dell'insulina, significante che i loro organismi potevano assorbire e bruciare il glucosio di sangue e migliorare la loro risposta ad insulina.

In uno studio clinico umano, AvoB dato come supplemento dietetico ai partecipanti che mangiano una dieta occidentale tipica è stato assorbito sicuro nel loro sangue senza pregiudicare il rene, il fegato o il muscolo scheletrico. Il gruppo inoltre ha veduto le riduzioni del peso nei soggetti umani, sebbene Spagnuolo dicesse che il risultato non era statisticamente significativo.

Dimostrando la sua sicurezza in esseri umani, pianificazione condurre i test clinici per verificare l'efficacia di AvoB nel trattamento dei disturbi metabolici nella gente.

Spagnuolo ha detto che la prova della sicurezza ha aiutato il gruppo a determinare appena quanto AvoB da includere nella formulazione di supplemento.

Ricevendo l'approvazione del Canada di salubrità per il composto come supplemento umano, comincerà a venderlo nei moduli della pillola e della polvere non appena 2020 attraverso SP Nutraceuticals Inc., Burlington, società naturale dei prodotti di salubrità di Ont.-based.

Ha detto che mangiando gli avocado da solo probabilmente sia inefficace, come la quantità di avocatin naturale B varia ampiamente nella frutta ed ancora completamente non capiamo esattamente come si digerisce ed assorbito quando consumiamo un intero avocado.

Sebbene gli avocado siano stati sollecitati come alimento di perdita di peso, Spagnuolo ha detto che più studio è necessario. Ha detto che una dieta sana e un esercizio sono raccomandati per impedire i disordini metabolici che piombo all'obesità o al diabete.

Lo studente Nawaz Ahmed, autore principale di PhD del documento, ha detto,

Sosteniamo il cibo e l'esercizio sani come soluzioni al problema, ma quello è difficile per qualche gente. Abbiamo conosciuto questo per le decadi e l'obesità ed il diabete sono ancora un problema sanitario significativo.„

Source:
Journal reference:

Ahmed, N., et al. (2019) Avocatin B Protects Against Lipotoxicity and Improves Insulin Sensitivity in Diet‐Induced Obesity. Molecular Nutrition & Food Research. doi.org/10.1002/mnfr.201900688.