Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

l'uso della E-sigaretta non sembra essere associato con il tabagismo convenzionale

Un nuovo studio nella ricerca del tabacco & del nicotina, pubblicata dalla stampa dell'università di Oxford, suggerisce che gli utenti adolescenti della e-sigaretta siano più simili ai fumatori convenzionali che essi è agli utenti del non tabacco in termini di dati demografici e caratteristiche comportamentistiche. Mentre molti avvocati di salute pubblica hanno suggerito che vaping possa piombo al tabagismo, questa nuova ricerca suggerisce che il tabagismo possa essere interamente attribuibile alla tendenza preesistente degli adolescenti a fumare, piuttosto che il loro uso delle sigarette elettroniche (e-sigarette).

L'uso delle e-sigarette è aumentato drasticamente fra 2011 e 2018 fra gli adolescenti, con un declino di corrispondenza nel tabagismo convenzionale. Infatti, l'uso della e-sigaretta è oggi più prevalente fra la gioventù che gli adulti. Negli Stati Uniti nel 2018, 20,8% degli studenti della High School e 7,2% degli studenti della scuola secondaria erano utenti correnti, indicanti che vaping ora è fumo ancor più comune e più a crescita rapida convenzionale.

Lo studio ha esaminato la relazione fra vaping ed il tabagismo convenzionale facendo uso della modellistica statistica registrare rigorosamente per ottenere 14 ha diviso i fattori di rischio. I fattori di rischio importanti per sia il fumo convenzionale che uso della e-sigaretta comprendono le cose come formazione e fumo parentali, il pari che fumano, impulsivity, comportamento delinquenziale, interiorizzante i sintomi (depressione, ansia, ecc.), l'alcool, marijuana, o l'altro uso illecito della sostanza. I dati sono stati estratti a partire dalle indagini eseguite nel 2015 e da 2016 sugli ottavi e decimi selezionatori negli Stati Uniti.

Fra il 12.421 dichiarante di indagine, prima del registrare per ottenere i fattori di rischio comuni, coloro che aveva usato mai una e-sigaretta erano mai circa 17 volte più probabilmente fumare una sigaretta convenzionale e 36 volte più probabilmente fumare corrente le sigarette convenzionali.

Similmente, prima del registrare per ottenere i fattori di rischio comuni, riguardante coloro che corrente non ha usato le e-sigarette, i dichiaranti erano mai 22 volte più probabili da avere la sigaretta convenzionale fumata e 16 volte più probabilmente fumare corrente le sigarette convenzionali.

Dopo avere rappresentato la tendenza per usando le e-sigarette basate sui 14 fattori di rischio, tuttavia, la vita e l'uso corrente della e-sigaretta non hanno aumentato significativamente il rischio di tabagismo convenzionale corrente. Lo studio corrente conclude che l'uso della e-sigaretta non sembra essere associato con la corrente, fumo continuato. Invece, la relazione evidente fra uso della e-sigaretta ed il fumo convenzionale corrente completamente è spiegata dai fattori di rischio comuni.

È statisticamente molto difficile da prendere in giro a parte gli effetti puri delle e-sigarette da quello di altri fattori di rischio comuni quando esamina gli impatti sul tabagismo convenzionale. Il mio studio rappresenta questa tendenza preesistente ad usare il tabacco facendo uso delle statistiche avanzate ed indica che l'uso della e-sigaretta ha piccolo a nessun effetto sul fumo convenzionale. Ricerca ulteriore dovrebbe essere condotta per trattare molto con attenzione questa emissione e le raccomandazioni e le polizze correnti circa le e-sigarette dovrebbero essere rivalutate.„

Arielle Selya, l'autore del documento