Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La rappresentazione di cervello mostra i collegamenti fra autocontrollo e dipendenza dell'alcool

Eccessivo e bere nocivo è una caratteristica fondamentale di un disordine di uso dell'alcool. Le cause dei disordini di uso della sostanza sono complesse, ma i deficiences in determinati aspetti di autocontrollo sono stati implicati. Una tendenza a reagire frettolosamente e cercare le situazioni rischiose è stata collegata al trattamento di dipendenza e le alterazioni in determinate regioni frontali del cervello sono state associate sia con comportamento impulsivo che alla ricerca di sensazione. In uno studio ha pubblicato nell'alcolismo del giornale: La ricerca clinica & sperimentale, ricercatori ha usato la rappresentazione di cervello più ulteriormente per valutare i collegamenti fra autocontrollo e dipendenza dell'alcool.

Lo studio, che ha avuto luogo in Germania, ha fatto partecipare 62 pazienti che erano stati ospedalizzati con dipendenza dell'alcool e recentemente avevano disintossicato come pure 62 genti in buona salute (gruppo non dipendente di confronto). I questionari standard della ricerca sono stati usati per valutare l'ingestione di alcol della vita dei partecipanti e per misurare i tratti di ricerca di sensazione e di impulsivity. Tutti i partecipanti hanno avuti scansioni di MRI, mettenti a fuoco sulle regioni frontali del cervello connesse con gli aspetti di autocontrollo. Dalle scansioni, la quantità “di ─ delle cellule cerebrali o dei neuroni del ─ della materia grigia„ nelle regioni specifiche di interesse potrebbe essere risoluta.

Le scansioni di cervello hanno indicato che, rispetto ai partecipanti in buona salute, i pazienti con dipendenza dell'alcool erano carenti in materia grigia nelle aree frontali del cervello che sono conosciute per partecipare all'autocontrollo. Ciò è coerente con gli studi precedenti che mostrano la perdita della materia grigia nei bevitori pesanti a lungo termine. I pazienti egualmente hanno segnato più superiore ai comandi sulle misure del impulsivity, sebbene non ci fossero differenze fra i due gruppi nella ricerca di sensazione.

I ricercatori egualmente hanno cercato le differenze fra due sottogruppi di pazienti alcoldipendenti: quelli con un'ingestione di alcol molto alta di vita e quelli con un'assunzione relativamente più bassa. Hanno trovato che i pazienti dell'basso-assunzione hanno segnato più superiore ai pazienti dell'alto-assunzione sulle misure di comportamento alla ricerca di sensazione, compreso “l'emozione e l'avventura cercanti„. Egualmente hanno indicato che fra il sottogruppo dell'basso-assunzione, il volume di materia grigia in una regione di interesse correlata con quanto altamente pazienti segnati per l'emozione ed il comportamento di ricerca di avventura (tale che maggior il punteggio, più grande il volume della materia grigia).

I ricercatori speculano che, contrariamente al impulsivity, il tratto dell'emozione e la ricerca di avventura possono svolgere un ruolo protettivo nell'abbassamento del consumo dell'alcool e nella conservazione della struttura prefrontale del cervello. Ciò è coerente con i risultati precedenti che il comportamento di ricerca di sensazione può promuovere l'elasticità allo sforzo, che stesso svolge un ruolo principale nel bisogno e nella dipendenza. I risultati evidenziano più largamente che le differenze esistono fra le persone con una diagnosi del depdenence dell'alcool e che le strategie individualizzate del trattamento sono necessarie.

Source:
Journal reference:

Rosenthal, A., et al. (2019) Volumetric Prefrontal Cortex Alterations in Patients With Alcohol Dependence and the Involvement of Self‐Control. Alcoholism: Clinical and Experimental Research. doi.org/10.1111/acer.14211.