Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I fattori di rischio delle aritmia maligne trovate in pazienti hanno trattato con l'ipertemia terapeutica dopo arresto cardiaco

I ricercatori hanno indicato che 20-50% dei pazienti ha sviluppato un battito cardiaco irregolare che ha richiesto la defibrillazione durante la fase di raffreddamento attivo di ipotermia terapeutica che segue un arresto cardiaco dell'fuori de ospedale. Soltanto i pazienti con shock cardiogeno hanno sviluppato le aritmia maligne (MA) e l'uso di epinefrina nel contesto del raffreddamento intenso può aumentare l'incidenza del mA in pazienti con scossa dopo arresto cardiaco, come riportato nella gestione terapeutica della temperatura e dell'ipotermia, un giornale pari-esaminato da Mary Ann Liebert, Inc., editori.

L'articolo intitolato “le aritmia maligne durante l'induzione della gestione della temperatura dell'obiettivo dopo arresto cardiaco„ coauthored da Christoph Adler e colleghi dall'università di Colonia e di Ev. Klinikum Köln.Weyertal, Colonia, Germania. I ricercatori hanno progettato uno studio per identificare i preannunciatori per lo sviluppo del mA in pazienti con scossa non traumatica dopo arresto cardiaco dell'fuori de ospedale. I fattori di rischio per il mA hanno compreso un declino più veloce della temperatura ed i più bassi livelli del potassio del siero durante il periodo di raffreddamento. Quasi la metà di tutti i pazienti ha sviluppato la tachicardia ventricolare e 20% ha avvertito il mA durante le prime ore del trattamento di ospedale, quando il raffreddamento attivo ha avuto luogo.

I risultati di questo studio futuro di arresto cardiaco sono importanti al campo terapeutico dell'ipotermia perché indicano che i trattamenti standard di scossa in pazienti che subiscono il raffreddamento intenso possono essere pro-aritmici.„

W. Dalton Dietrich, III, PhD, il redattore capo della gestione terapeutica della temperatura e dell'ipotermia, Direttore scientifico del progetto di Miami per fare maturare la paralisi ed i concetti cinetici ha distinto la presidenza in neurochirurgia, scuola di medicina di Leonard M. Miller dell'university of miami

Source:
Journal reference:

Adler, C., et al. (2019) Malignant Arrhythmias During Induction of Target Temperature Management After Cardiac Arrest. Therapeutic Hypothermia and Temperature Management. doi.org/10.1089/ther.2019.0025.