Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La cannabis può aiutare le persone a fare fronte agli effetti di PTSD

La cannabis può aiutare i canadesi fa fronte agli effetti di disordine post - traumatico di sforzo (PTSD), la nuova ricerca suggerisce.

In un'analisi dei dati di indagine di salubrità raccolti BC dalle statistiche Canada da più di 24.000 canadesi, i ricercatori dal centro su uso della sostanza (BCCSU) e l'università di British Columbia (UBC) hanno trovato quella gente che ha PTSD ma non medicano con la cannabis sono molto più probabili soffrire dalla depressione severa ed avere pensieri suicidi che coloro che ha riferito la cannabis usano l'anno scorso.

Lo studio, pubblicato oggi nel giornale della psicofarmacologia, è il primo per documentare le relazioni fra PTSD, uso della cannabis e risultati severi di salute mentale in un rappresentante del campione della popolazione.

Sappiamo che con le opzioni limitate del trattamento per PTSD, molti pazienti hanno catturato a medicare con la cannabis per alleviare i loro sintomi. Tuttavia, questo è la prima volta che i risultati da un'indagine nazionalmente rappresentativa hanno indicato i vantaggi potenziali di trattamento del disordine con la cannabis.„

Lago stephanie, autore principale ed assistente di ricerca al BCCSU e candidato di PhD al banco di UBC di popolazione e di salute pubblica

I dati sono stati ottenuti dall'indagine di salubrità della Comunità del canadese del Canada 2012 di statistiche - salute mentale (CCHS-MH), che copre i canadesi invecchiati 15 e più vecchio. Fra 24.089 dichiaranti ammissibili, 420 hanno riferito una diagnosi clinica corrente di PTSD. Nel totale, 106 persone con PTSD, o 28,2 per cento, hanno riferito l'uso dopo anno della cannabis, confrontato a 11,2 per cento di quelli senza PTSD.

I ricercatori hanno trovato che PTSD è stato associato significativamente con un episodio depressivo principale recente e un'ideazione suicida fra la gente che non usa la cannabis. Specificamente, i non utenti della cannabis con PTSD erano circa sette volte più probabilmente avvertire un episodio depressivo principale recente e 4,7 volte più probabilmente avere pensieri del suicidio ha confrontato ai non utenti senza PTSD, i ricercatori della cannabis trovati.

Fra cannabis-facendo uso dei dichiaranti, PTSD non è stato associato con un'ideazione depressiva recente di suicidio o di episodio. Oltre un quarto dei canadesi con PTSD ha riferito l'uso dopo anno della cannabis, che è notevolmente massimo confrontato alla prevalenza di uso recente nella popolazione canadese generale (stimata a 11,4 per cento nello studio presente).

La gente esposta al trauma, compreso i superstiti della lesione acuta, conflitto, violenza e disastro, soffre sproporzionatamente dalla depressione, dal suicidio e dai disordini di uso della sostanza ai tassi alti confrontati alla popolazione in genere. Il Canada è stimato per avere una delle tariffe di più alta prevalenza di PTSD mondiale, pregiudicanti i 9,2 per cento stimato della popolazione.

“Stiamo cominciando soltanto appena a capire che cosa il potenziale terapeutico della cannabis può essere per vari stati di salute,„ diciamo il Dott. senior M-J Milloy dell'autore, il ricercatore a BCCSU e professore della crescita della tenda di scienza della cannabis a UBC. “Questi risultati stanno promettendo ed il merito più ulteriormente studia per completamente capire i vantaggi delle cannabis per la gente che vive con PTSD.„

Source:
Journal reference:

Lake, S., et al. (2019) Does cannabis use modify the effect of post-traumatic stress disorder on severe depression and suicidal ideation? Evidence from a population-based cross-sectional study of Canadians. Journal of Psychopharmacology. doi.org/10.1177/0269881119882806.